Razzismo, xenofobia e brutalità della polizia in Spagna

Rights International Spain e il gruppo di attuazione del Decennio Internazionale per le persone di origine africana in Spagna hanno pubblicato un rapporto sul razzismo e la xenofobia durante lo stato di emergenza di COVID-19 in Spagna.

Il rapporto esamina le manifestazioni di razzismo e xenofobia tra il 15 marzo e il 2 maggio durante lo stato di emergenza di COVID-19 in Spagna.

L'indagine comprende più di 70 incidenti razzisti e pratiche istituzionali discriminatorie, di cui il 45% dei casi riguarda violazioni che interessano un particolare gruppo. Madrid è la regione con il maggior numero di denunce (40%), seguita dalla Catalogna (21%) e dai Paesi Baschi (8%). Le etnie razziali che hanno subito il maggior numero di violazioni sono quelle che si identificano come nere o di origine africana (32%), seguite dagli arabo-musulmani (30%), dai rom (25%) e dai latino-americani (8%).

Uso della profilazione razziale

In un contesto di alta presenza della polizia, ci sono state numerose denunce sull'uso del profiling razziale. L’organizzazione SOS Racismo Madrid ha documentato almeno tredici identificazioni a sfondo razziale effettuate dalla Polizia Nazionale tra il 15 marzo e il 7 aprile a persone che stavano semplicemente andando a fare la spesa. Questo controllo ha suscitato paura tra le persone colpite, portandole ad autoisolarsi ulteriormente e impedendo loro di uscire per procurarsi i beni di prima necessità. In considerazione di questa situazione, tale pratica dovrebbe essere resa illegale e si dovrebbero implementare moduli di identificazione che consentono la raccolta di dati empirici oggettivi, inclusi l'etnia e la nazionalità.

La brutalità della polizia

Circa il 70% degli intervistati al sondaggio online ha riferito di essere stato fermato per motivi razziali prima di essere sottoposti alla brutalità della polizia. Sono stati identificati numerosi casi in cui gli agenti di polizia hanno agito con violenza contro persone con malattie o disturbi mentali. Uno di questi incidenti, diventato un caso mediatico, si è verificato a Bilbao. L'Ertzaintza (polizia basca) ha arrestato con violenza un giovane nordafricano che soffriva di un disturbo mentale mentre faceva la spesa e ha fatto lo stesso con la madre, quando è corsa a spiegare agli agenti le condizioni del figlio. Ogni abuso deve essere indagato in modo tempestivo ed efficace. A tal fine, le salvaguardie e i meccanismi di denuncia devono essere rafforzati creando un meccanismo indipendente di monitoraggio e responsabilità per tutte le forze dell'ordine statali.

Area di lavoro domestico e di assistenza

Ci sono circa 600.000 persone che lavorano nel settore dell'assistenza domiciliare e la stragrande maggioranza sono donne immigrate. Circa il 30% dei lavoratori domestici non ha un contratto di lavoro e di conseguenza si trova in una situazione amministrativa irregolare. Secondo l'organizzazione Servicio Doméstico Activo (SEDOAC), queste donne hanno più probabilità di essere identificate e multate perché non possono fornire un certificato di lavoro o un contratto che dimostri la necessità di recarsi sul posto di lavoro. Le misure sociali ed economiche, adottate dal governo per affrontare la pandemia, lasciano le donne immigrate in una situazione difficile. Il governo spagnolo dovrebbe ratificare la Convenzione 189 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro sui lavoratori domestici per promuovere un'efficace protezione dei loro diritti.

Attività itinerante

Secondo il Sindicato de Manteros (Sindacato dei venditori ambulanti) di Madrid, la maggior parte dei lavoratori di questo settore si trova in una situazione amministrativa irregolare e molti di loro hanno dichiarato che, durante il periodo di isolamento, non sono andati a svolgere attività consentite per paura della violenza della polizia e della profilazione razziale. Inoltre, le loro condizioni di vita sono peggiorate a causa del fatto che molti di loro vivono in alloggi sovraffollati e al di sotto degli standard, e hanno subito molestie da parte dei proprietari per il mancato pagamento dell'affitto, per la mancanza di reddito.

Lavoratori agricoli stagionali

I migranti che lavorano nei campi agricoli lo fanno in condizioni di sfruttamento del lavoro, senza sicurezza sociale e vivendo in capanne di cartone e plastica. Il gruppo di Huelva dell'Associazione andalusa per i diritti umani (APDHA) ha sottolineato l'impossibilità per questi gruppi di rispettare le misure sanitarie imposte, quando non possono nemmeno accedere a prodotti per la pulizia, alla raccolta dei rifiuti o a un alloggio adeguato dove possono guarire o isolarsi in caso di infezione. Senza misure di controllo e monitoraggio del rispetto dei diritti dei lavoratori, lavorano in condizioni disumane, senza alcun tipo di misura per prevenire la diffusione del virus.

Vittime della tratta a scopo di sfruttamento sessuale

Le ONG hanno sottolineato che, dopo l'approvazione dello stato di emergenza, le vittime dello sfruttamento sessuale hanno avuto maggiori difficoltà ad accedere ai servizi medici, subiscono maggiori violenze e aumentano il loro debito nei confronti dei loro sfruttatori. Allo stesso modo, diverse ONG hanno riferito che, nonostante l’isolamento, molte di queste persone sono state costrette a continuare a lavorare con un alto rischio di essere infettate da COVID-19. Sebbene la Delegazione governativa contro la violenza di genere abbia approvato un Piano d'emergenza contro la violenza di genere, esteso alle vittime della tratta, dello sfruttamento sessuale o delle donne nel contesto della prostituzione, il provvedimento non riconosce la situazione della tratta delle vittime né offre un regime di protezione completo a questo gruppo. Quando la vittima è straniera e si trova in una situazione amministrativa irregolare, continua ad essere esposta al rischio di espulsione dalla Spagna.

Discorso di odio

Così come le notizie false a sfondo razzista e i discorsi di odio contro le persone di origine asiatica sono stati all'ordine del giorno fin dall'inizio dell'epidemia, il Consiglio per l'eliminazione della discriminazione razziale ed etnica riferisce che anche i messaggi di odio contro i Rom sono stati diffusi sui social network e sulla messaggistica istantanea. Il Consiglio sottolinea inoltre il trattamento stigmatizzante da parte di alcuni media circa l'origine e la diffusione di COVID-19 o di presunte violazioni della quarantena che alludevano all'origine etnica delle persone coinvolte. I discorsi d'odio devono essere indagati in modo tempestivo ed efficace.

Sospensione delle procedure amministrative, giudiziarie e di polizia per i residenti stranieri

Sia la chiusura delle pubbliche amministrazioni che la sospensione delle procedure di protezione internazionale e la riduzione dei servizi giudiziari, senza un'alternativa per i casi più vulnerabili, hanno portato a un senso di abbandono e di mancanza di accesso ai diritti, in particolare al diritto di asilo. Inoltre, l'impatto sull'accesso ai diritti economici e sociali dei migranti in situazione amministrativa irregolare è diventato evidente con la chiusura delle amministrazioni che registrano il loro soggiorno nei comuni in cui risiedono. La situazione amministrativa dei migranti in Spagna deve essere regolarizzata, garantendo loro pieni diritti e consentendo loro l'accesso alla salute e a un alloggio dignitoso a parità di condizioni.

Richiedenti asilo e rifugiati

Diverse ONG hanno riferito che durante lo stato di emergenza, i diritti fondamentali dei rifugiati e dei richiedenti asilo sono stati limitati per motivi di salute pubblica. L'ONG Coordinadora de Barrios ha denunciato le condizioni in cui 55 persone di Melilla, arrivate in città in cerca di asilo, sono state ospitate dal governo regionale in tende senza isolamento termico, aria condizionata o le condizioni di sicurezza e sanitarie necessarie in caso di pandemia. L'ONG Tunisian Forum for Economic and Social Rights ha riferito che 1.650 persone hanno vissuto per mesi nel Centro di residenza temporanea per immigrati (CETI) di Melilla con una capacità massima di 782 persone. Tra questi vi erano richiedenti asilo, donne incinte, minori e persone con malattie e bisogni speciali.

Per leggere il rapporto completo, comprese tutte le raccomandazioni, cliccare qui. È giunto il momento di ricostruire una società più inclusiva, più forte, più solidale ed equa.