Rapporto degli esperti sulla violenza nei confronti delle donne in Italia

GREVIO pubblica il primo rapporto sull'attuazione della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica in Italia, noto come "Convenzione di Istanbul".

A gennaio il Gruppo di esperti sulla violenza contro le donne e la violenza domestica (GREVIO) ha pubblicato un rapporto su come l'Italia sta combattendo la violenza nei confronti delle donne. Il rapporto valuta le misure legislative e le altre misure utilizzate dall'Italia per attuare le disposizioni della Convenzione del Consiglio d'Europa per la prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul).

GREVIO, l'organismo indipendente assegnato dalla Convenzione di Istanbul, sta monitorando le modalità di attuazione dello strumento da parte dei firmatari. Quando è necessaria un'azione per prevenire uno schema serio, massiccio o persistente di qualsiasi atto di violenza coperto dalla Convenzione, GREVIO ha il potere di avviare una speciale procedura di indagine. Può anche adottare, se opportuno, raccomandazioni generali su questioni e concetti della Convenzione di Istanbul.

GREVIO, nel suo rapporto sull'Italia, ha individuato una serie di aree che necessitano ulteriore sviluppo e altre che non hanno ancora ricevuto alcun tipo di intervento o legislazione. Ha inoltre formulato una serie di raccomandazioni sulle possibili soluzioni che possono essere adottate dalle autorità italiane e dalle parti interessate al fine di muoversi verso un Paese libero dalla violenza contro le donne e dalla violenza domestica.

I diritti delle donne in Italia

L'Italia ha ratificato la Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) nel 1985. Da allora, il paese si è sforzato di raggiungere l'uguaglianza di genere in ambito legislativo e non governativo.

Anche se ora ci sono più opportunità di denunciare casi di violenza di genere e le donne sono incoraggiate a parlare delle loro esperienze rispetto al passato, la violenza domestica e la violenza contro le donne rimangono un problema nel paese. Come sta affrontando il problema l'Italia?

I risultati principali del rapporto

Il rapporto di GREVIO descrive gli sforzi dell'Italia per attuare la Convenzione di Istanbul attraverso riforme legislative, che hanno creato una serie completa di regole e meccanismi per incoraggiare le autorità a mantenere la parola data e a usare il denaro per fermare la violenza di genere.

Diverse riforme legislative, tra cui la recente legge n. 69 del 19 luglio 2019 (il Codice Rosso), hanno portato allo sviluppo di un solido quadro giuridico che soddisfa i requisiti della Convenzione sui rimedi civili e penali per le vittime di violenza. Tuttavia, il rapporto individua una serie di lacune giuridiche, come la mancanza di efficaci mezzi di ricorso civile contro qualsiasi autorità statale che non abbia adempiuto al proprio dovere di adottare le necessarie misure preventive o protettive nell'ambito delle proprie competenze.

Le autorità italiane si sono fortemente impegnate nella lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica con leggi riformate in modo proattivo, ad esempio in materia di stalking, che impongono alle autorità competenti di sensibilizzare le autorità competenti sui pericoli di tali comportamenti e di proteggere adeguatamente le vittime.

Tuttavia, il modo in cui i giudici interpretano la legislazione sembra variare da caso a caso. Si può presumere che tali reazioni da parte dei tribunali e della società scoraggino le vittime di violenza domestica nel farsi avanti. Anche se ci sono circostanze attenuanti dalla parte dell'imputato, la giustizia riparativa è cruciale per proteggere la vittima, ma anche per scoraggiare tale comportamento.

All'inizio del rapporto, GREVIO menziona la costante reinterpretazione e riforma della politica di uguaglianza di genere, all'interno della politica della famiglia e della maternità, che ha portato ad una certa resistenza alla causa dell'uguaglianza di genere. GREVIO condivide la sua preoccupazione per il fatto che la protezione della famiglia sembra avere la precedenza sull'eliminazione della discriminazione nei confronti delle donne. Il rapporto conferma che questa tendenza non solo emargina molte donne, ma anche "... non soddisfa la necessità di realizzare il cambiamento strutturale necessario per ottenere miglioramenti sostenibili dei diritti delle donne e dell'uguaglianza di genere".

Il ruolo della società civile

In Italia c'è un importante movimento della società civile che lavora per l'uguaglianza di genere. GREVIO riconosce l'importante ruolo che le organizzazioni non governative svolgono nell'attuazione delle politiche contro la violenza domestica e la violenza contro le donne. Le ONG gestiscono centri antiviolenza e rifugi per le vittime di violenza domestica. Tuttavia, così come condividono i successi, le ONG condividono anche le sfide, soprattutto nei partenariati con il governo. Nel suo rapporto GREVIO propone di rafforzare le istituzioni locali e nazionali per la consultazione e la cooperazione tra governo e ONG.

Mancanza di consapevolezza

L'Articolo 15 della Convenzione di Istanbul descrive l'importanza della formazione delle autorità che si occupano di casi di violenza domestica e di violenza contro le donne. Nonostante questo, e nonostante le proposte di GREVIO per migliorare il sistema formativo esistente, i programmi di formazione italiani per il settore sanitario, il settore giudiziario, le forze dell'ordine, i professionisti dei servizi per l'immigrazione che lavorano con le donne straniere vittime di violenza domestica, gli avvocati e gli assistenti sociali sono insufficienti.

Continua la lotta contro la violenza di genere

La lotta contro la violenza domestica e la violenza contro le donne è internazionale e ci sono alcune sfide che possono essere affrontate insieme. Tuttavia, la maggior parte delle politiche e degli interventi sono specifici per paese al fine di raggiungere risultati sostenibili. GREVIO raccomanda all'Italia, tra l'altro, di assicurare che le politiche e le misure siano ugualmente focalizzate sulla prevenzione, la protezione, l'indagine e la punizione, e che siano adottate ulteriori misure per assicurare che le misure adottate siano efficaci contro la violenza nei confronti delle donne in modo completo e integrato e che siano attuate e monitorate attraverso un efficace coordinamento tra le autorità nazionali, regionali e locali.