Il Primo Ministro ceco invita l'UE a sostenere la "Rivoluzione di Velluto" bielorussa

Andrej Babiš, che di solito è piuttosto cauto nelle sue dichiarazioni sull'Europa dell'Est, è stato molto più esplicito sulle proteste in corso in Bielorussia negli ultimi giorni.

Il primo ministro ceco Andrej Babiš non ha usato mezzi termini lo scorso fine settimana in reazione alle attuali misure repressive in Bielorussia. Utilizzando analogie sia del 1968 che del 1989, ha detto che l'Unione Europea dovrebbe incoraggiare i bielorussi a non aver paura di portare avanti la propria "Rivoluzione di Velluto". Nel frattempo il ministro degli Esteri ha detto che la Repubblica Ceca potrebbe prendere in considerazione la possibilità di agire unilateralmente se le discussioni dell'UE rallentano.

Nel suo video discorso settimanale della domenica, condiviso sui social media, il primo ministro ceco non si è risparmiato quando ha parlato del presidente bielorusso e ha paragonato la situazione nel Paese ad episodi della storia ceca.

"Quello che sta succedendo lì è una vera catastrofe. È in questo momento che si deciderà come andrà a finire. Che sia come la nostra “Rivoluzione di velluto” del novembre 1989, con vere elezioni libere non manipolate da un dittatore, o, in seguito all'appello di ieri tra il presidente Lukashenko e Putin, potrebbe finire come nel 1968, quando i carri armati russi distrussero la Primavera di Praga".

L'UE ha la possibilità di agire

Babiš ha detto che il popolo bielorusso ha bisogno del sostegno dell'Europa e che ha parlato con diversi leader degli Stati dell'UE su come l'Unione dovrebbe reagire.

"L'Unione Europea ha ora la possibilità di agire. È un bene che i nostri ministri degli Esteri abbiano deciso di emanare sanzioni, ma l'Europa deve agire in fretta. Il problema dell'Europa è che dobbiamo essere tutti d'accordo, naturalmente, ma non abbiamo tempo.
"Le sanzioni devono arrivare in fretta. Ma qualcuno deve negoziare con il presidente Putin a nome dell'Europa e chiarire che non è possibile che alla Bielorussia succeda lo stesso che è successo alla Crimea o a noi nel 1968. E queste preoccupazioni sono reali".

I paesi del Europa centrale e dell’Est possono capire meglio la situazione

La sua dichiarazione, in cui ha affermato che il gruppo di Visegrad di quattro paesi dell'Europa centrale, che comprende la Repubblica Ceca insieme a Ungheria, Polonia e Slovacchia, dovrebbe svolgere il proprio ruolo, è stata ribadita lunedì dal ministro degli Esteri Tomáš Petříček in una conversazione con la Radio Ceca.

"Gli Stati dell'Europa centrale e dell’Est forse comprendono la situazione in Bielorussia più di altri membri dell'UE, a causa della loro storia. Stiamo lavorando molto intensamente con la Polonia e siamo anche in contatto con gli Stati baltici per aiutare la società civile in Bielorussia.
"Vogliamo esortare l'UE ad essere più attiva e chiara nelle sue aspettative su come si svilupperà la situazione. Se la discussione sulle sanzioni dovesse in qualche modo rallentare, potremmo anche prendere in considerazione un approccio nazionale".

L'UE potrebbe approvare sanzioni prima della fine di agosto

La lista dei funzionari bielorussi che saranno colpiti dalle sanzioni dell'UE è attualmente in fase di definizione, in base al loro ruolo nelle elezioni e alla conseguente repressione dei manifestanti. L'analista radiofonico ceco Filip Nerad dice che queste potrebbero entrare in vigore tra due settimane.

"Se tutto andrà bene e la prima bozza della lista delle sanzioni sarà consegnata agli ambasciatori dell'UE questa settimana, il processo potrebbe essere completato entro la fine di agosto, quando ci sarà una riunione informale dei ministri degli esteri dell'UE a Berlino, che potrebbero approvare la lista. Tutto è ora nelle mani della diplomazia dell'UE e dei ministri degli Esteri degli Stati membri".

Fonte: https://english.radio.cz/czech-pm-eu-must-encourage-belarusians-not-fear-own-velvet-revolution-868946