La Polonia finora non è riuscita ad attuare la sentenza della CEDU sulla detenzione della famiglia cecena.

L'HFHR ha comunicato al comitato dei ministri del Consiglio d'Europa la relazione della Polonia riguardo l'attuazione della sentenza della CEDU nel caso Bistieva, che riguarda la detenzione di una famiglia di rifugiati con figli.

Nell'aprile 2018, la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata nella causa Bistieva e altri contro la Polonia. La causa riguardava una famiglia cecena che nel 2013 è arrivata in Polonia presentando domanda come rifugiata, senza successo. Nel gennaio 2014, la madre e i figli sono stati arrestati presso il Centro custodito per stranieri di Kętrzyn. Durante il loro collocamento presso il centro, la famiglia ha ripetutamente chiesto lo status di rifugiato.

La Corte dichiara che la Polonia ha violato i diritti della famiglia

In Bistieva, la Corte ha ritenuto che la Polonia aveva violato il diritto della famiglia alla vita familiare. La CEDU ha dichiarato che la violazione è dovuta al fatto che le autorità polacche non hanno tenuto conto del miglior interesse del minore, nel decidere di trattenere i richiedenti asilo. La Corte ha sostenuto che le autorità polacche avrebbero dovuto prendere in considerazione il ricorso con misure non detentive e che la detenzione dovrebbe essere solo l'ultima risorsa. Ha inoltre osservato che i cinque mesi e i 20 giorni di detenzione della famiglia erano troppo lunghi.

Il governo polacco sostiene di aver già soddisfatto i requisiti

L'11 aprile 2019 il governo polacco ha presentato al Comitato dei ministri una relazione sulle misure adottate per dare esecuzione alla sentenza Bistieva. Secondo la relazione, le misure che possono essere utilizzate al posto della detenzione per l'immigrazione sono state introdotte nella legge. La Polonia ha inoltre dichiarato che tali misure alternative sono comunemente utilizzate. Il governo ha osservato che il contenuto della sentenza della CEDU è stato comunicato al personale del servizio immigrazione. Alla luce di quanto detto, il governo ha affermato di aver adempiuto ai propri obblighi di esecuzione della sentenza.

HFHR: "Non si può dire che la Polonia abbia eseguito la sentenza Bistieva"

Il Comitato Helsinki per i diritti umani (HFHR) ha commentato il caso in una comunicazione inviata al Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa. In tale comunicazione, Il Comitato ha sottolineato che l'esperienza delle organizzazioni non governative e delle istituzioni nazionali per i diritti umani, ha dimostrato che le autorità polacche non hanno tenuto debitamente conto del principio della valutazione del miglior interesse del minore, nei procedimenti di detenzione per immigrazione. Le statistiche mostrano che nel 2014-2017 più di 1.100 bambini sono stati collocati in centri per l'immigrazione custoditi. Inoltre, studi sulla giurisprudenza dei tribunali polacchi nelle cause riguardanti la detenzione dei rifugiati, indicano che i tribunali raramente prestano attenzione alla situazione individuale dei minori. Di conseguenza, la valutazione del miglior interesse di un minore si limita di solito a dichiarare che questi interessi sono salvaguardati in quanto il minore è posto in un centro custodito insieme ai genitori. Inoltre, i tribunali di solito ordinano la detenzione per l'immigrazione per il periodo massimo consentito dalla legge.

"Non si può dire che la sentenza Bistieva sia stata eseguita dalla Polonia. Sono necessarie ulteriori azioni per prevenire violazioni analoghe", ha dichiarato Jacek Białas, un avvocato del HFHR che rappresenta gli stranieri nei procedimenti dinanzi alla CEDU. "Il caso crea un precedente perché la sentenza della CEDU è l'unica sentenza di un organismo internazionale che si occupa della detenzione dei rifugiati, tra cui i minori. Questo argomento dovrebbe essere incluso nella discussione sulla detenzione dei minori rifugiati in Polonia, ma dovrebbe anche avere un impatto sulla giurisprudenza dei tribunali polacchi in materia di detenzione dei minori immigrati", ha concluso Białas.

L’HFHR formula chiare raccomandazioni per il cambiamento

  • I giudici e gli agenti di frontiera dovrebbero ricevere un'adeguata formazione sull'applicazione del principio del miglior interesse del minore e della giurisprudenza della CEDU nei casi di trattenimento dei minori da parte dell'immigrazione.
  • Dovrebbero essere elaborati orientamenti per le azioni specifiche da intraprendere.
  • I tribunali devono esaminare, caso per caso, il miglior interesse del minore in tutte le questioni relative alla detenzione per motivi di immigrazione, comprese udienze dei minori interessati o di esperti.
  • Tutte le decisioni giudiziarie che collocano una famiglia in un centro custodito devono includere una valutazione personalizzata della situazione dei minori interessati.

L’HFHR ha inoltre raccomandato al comitato di chiedere al governo di fornire statistiche sul numero di detenuti adulti e minori dei centri sorvegliati.