Il governo populista della Polonia punta alla comunità LGBT in vista delle elezioni

Il governo populista di estrema destra ha creato un nuovo nemico: la comunità LGBT. Tuttavia visto che i sondaggi mostrano un crescente sostegno per le coppie dello stesso sesso, il capro espiatorio del governo si tradurrà in successo nelle urne?

All'inizio di quest'anno, Rafał Trzaskowski, sindaco di Varsavia, ha rilasciato una dichiarazione in 12 punti, in cui prometteva di migliorare la sicurezza, l'istruzione, la cultura, lo sport, l'amministrazione e l'occupazione della comunità LGBT nella sua città.

La dichiarazione è stata vista da molti come il tanto necessario progresso verso la protezione di un gruppo a lungo perseguitato nel paese ultra-cattolico. Le stime dicono che quasi il 70% delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender hanno subito qualche forma di violenza in Polonia negli ultimi due anni.

In particolare, è anche il primo documento ufficiale della storia polacca a riconoscere i diritti delle persone LGBT.

Il governo prende la mira

Tuttavia questo tipo di patto storico non è stato accolto calorosamente dagli altri nel paese. Il governo populista di estrema destra l’ha strumentalizzato, facendo della comunità LGBT il fulcro della propria campagna, in vista delle due elezioni di quest'anno: le elezioni europee a maggio e quelle nazionali in autunno.

Non c'è niente di particolarmente nuovo nella strategia della campagna del governo. Il partito di maggioranza Law and Justice, guidato da Jarosław Kaczyński, è tornato al potere nel 2015, usando una campagna che prometteva di proteggere il paese dalle minacce immaginarie dei profughi musulmani.

Ha funzionato, come anche altrove in Europa, soprattutto in Ungheria. Ma la migrazione verso i paesi dell'UE continua a diminuire e la politica è molto simile a un business del tipo "cosa hai fatto per me ultimamente?".

Quindi Kaczyński aveva bisogno di creare una nuova minaccia per il popolo polacco e l’ha trovata nella comunità LGBT. A marzo, poco dopo l'uscita della dichiarazione LGBT, Kaczyński ha detto ai sostenitori: "Si tratta, come sappiamo oggi, della sessualizzazione dei bambini fin dalla più tenera infanzia. Dobbiamo combattere contro questo. Dobbiamo difendere la famiglia polacca. Dobbiamo difenderla furiosamente, perché è una minaccia per la civiltà, non solo per la Polonia, ma per l'intera Europa, per l'intera civiltà basata sul Cristianesimo ".

I suoi seguaci, sia del partito che della Chiesa, hanno seguito questo messaggio. Elzbieta Kruk, del partito Law and Justice, candidata al Parlamento Europeo, ha detto che spera che presto "la Polonia sarà una regione libera dalla comunità LGBT". E un noto sacerdote cattolico del paese ha affermato, durante una recente intervista radiofonica, che il segno del più di "LGBT +" sta per "pedofili, zoofili, necrofili".

E alla fine del mese scorso, durante una conferenza sul patriottismo, Kaczyński ha definito l'omosessualità una "importazione straniera" e ha detto che tutti nella comunità LGBT devono imparare ad "accettare il Cristianesimo". (La libertà di religione è protetta dalla Costituzione polacca).

C’è un futuro più luminoso all'orizzonte?

Il descritto potere della politica anti-LGBT in Polonia non è chiaro. Il sostegno per le coppie omosessuali è in aumento nel paese e un sondaggio Ipsos per il notiziario OKO.Press, condotto all'inizio di quest'anno, ha rilevato che il 56% dei polacchi non si oppone alle partnership civili, con un aumento del quattro per cento in soli due anni (dopo il ritorno al potere di Law and Justice).

In effetti, il sindaco Trzaskowski non crede che gli attacchi del governo contro gli omosessuali si dimostreranno efficaci quanto la campagna contro gli immigrati. "La maggior parte del popolo polacco non accetterà l'idea che gli omosessuali mettono in pericolo la nostra cultura o i nostri valori", ha detto per il New York Times all'inizio di quest'anno.

Ci sono anche segni di progresso più visibili. Robert Biedron, un politico apertamente gay, ha formato un nuovo partito liberale che ha ricevuto un forte sostegno. E sempre più città tengono le pride parades LGBT, nonostante le contro-proteste spesso violente.

La campagna del governo si tradurrà in un successo alle urne a maggio e nel corso dell'anno? I sondaggi continuano a mostrare un sottile, ma coerente vantaggio del partito Law and Justice. Ma con il sostegno per le coppie dello stesso sesso che sta aumentando, c'è motivo di credere che gli elettori respingeranno la campagna del governo di allarmismo e del capro espiatorio.