Perché sempre meno persone cercano protezione internazionale in Polonia

L'Ufficio nazionale per l'immigrazione polacco ha pubblicato i dati statistici relativi ai numeri della protezione internazionale concessa nel 2017 dal paese. Ma i numeri non raccontano tutta la storia.

Richieste dimezzate

La trend svelato dalle statistiche rileva che un numero significativamente inferiore di persone cerca protezione internazionale in Polonia. Rispetto alle circa 10.000 domande di asilo presentate annualmente negli anni precedenti, la cifra registrata nel corso dell’ultimo anno è diminuita del 50%. In base ai dati disponibili a inizio ottobre 2017, circa 3.500 domande su 5.000 sono state depositate da cittadini russi, di cui il 94% ceceni. Un altro 13% delle domande proviene da cittadini ucraini e il restante 3% da cittadini tagiki.

"Il numero di domande non riflette il numero effettivo di persone che cercano protezione; in media, ogni richiesta riguarda due persone. Secondo le statistiche la metà delle domande riguarda minori", afferma Ewa Ostaszewska-Żuk, avvocato che lavora per l'Helsinki Foundation for Human Rights (HFHR), membro di Liberties.

Sembra che la ragione principale del calo del numero di domande di asilo sia legata alla pratica della Guardia di Frontiera di rifiutare di accettare le domande alla stazione al confine di Terespol e di rimandare gli stranieri in Bielorussia. Prima del 2017, Terespol era il luogo in cui venivano presentate la maggior parte delle domande di asilo. HFHR ha riferito più volte di queste pratiche inaccettabili, denunciando come ai richiedenti asilo venga illegittimamente negato l'accesso alla Polonia.

Nel 2017, solo 520 persone hanno ottenuto protezione internazionale in Polonia e poco più della metà di loro erano ucraini. A 227 cittadini stranieri sono stati rilasciati permessi per “soggiorno tollerato" o per "ragioni umanitarie".

La Polonia non è un paese per rifugiati

Un numero elevato di stranieri si trasferisce nei paesi dell'Europa occidentale anche mentre i loro procedimenti di asilo sono ancora pendenti. Questa è una conseguenza delle scarse chance di integrazione per i migranti in Polonia e dell'esistenza di grandi diaspore nell'Europa occidentale, dove gli stranieri sperano di trovare sostegno.

Prima del 2017, la stazione di frontiera di Terespol era il luogo in cui veniva presentata la maggior parte delle domande di asilo. Ma il numero di domande è diminuito costantemente.

Rispetto alla media UE, la Polonia accetta un numero significativamente inferiore di richieste di asilo (la media UE è di circa il 50%, mentre il tasso di accettazione della Polonia è di circa il 10%).

Inoltre, gli stranieri potrebbero essere scoraggiati dal chiedere asilo in Polonia poiché spesso le domande non vengono considerate in maniera corretta. L'Helsinki Foundation ha seguito diversi casi in cui le autorità per l'immigrazione non sono riuscite ad approfondire adeguatamente le prove di tortura nei confronti dei richiedenti oppure hanno deliberatamente ignorato tali prove.

Perché ceceni e tagichi?

Lo status ufficiale di rifugiato viene concesso principalmente alle vittime di persecuzioni politiche, religiose o etniche o di altre forme di maltrattamento. La legge non richiede che una persona che cerca protezione internazionale in Polonia provenga da un'area colpita da un conflitto armato.

"Le violazioni dei diritti umani, la persecuzione degli oppositori politici o l'uso della tortura sono la triste realtà della Russia (e in particolare della Cecenia) e del Tagikistan. Ecco perché i cittadini di questi due paesi decidono di chiedere protezione in Polonia", spiega Jacek Białas, avvocato che lavora con HFHR.

Inoltre, i cittadini dei paesi dell'ex Unione Sovietica non sono possono cercare protezione in Bielorussia. I cittadini russi, compresi i ceceni, non possono ottenere lo status di rifugiati in Bielorussia. Inoltre, ci sono stati casi in cui le autorità bielorusse hanno consegnato i potenziali richiedenti asilo ai servizi segreti russi. Per tutti questi motivi, la Bielorussia non può essere considerata un paese sicuro per i rifugiati.

Per finire, non vi sono ragioni legali che vietino ai cittadini di Russia, Tagikistan o altri paesi di presentare domande di asilo in Polonia. Nessuna disposizione legale, compresa la Convenzione di Ginevra sullo status dei rifugiati, obbliga una persona a cercare protezione nel paese più vicino. Qualsiasi ipotesi diversa imporrebbe un onere irragionevole ai paesi confinanti con le zone di conflitto, che sono spesso già sottoposti a una forte pressione determinata dal flusso di rifugiati.