I governi fanno ciò che è meglio per noi quando sono osservati da una stampa libera

I nostri rappresentanti politici devono agire nel nostro interesse. Quando si trovano di fronte a una stampa libera e indipendente che li interroga sulle loro decisioni, i leader sono più propensi a svolgere il loro ruolo.

Uno dei modi in cui possiamo assicurarci che i nostri politici agiscano nel nostro interesse è farli parlare con noi regolarmente. Vogliamo sapere quali scelte fanno i politici per salvaguardare la nostra salute e su cosa si basano queste decisioni. Se commettono un errore, vogliamo sapere perché e cosa faranno per evitare che si ripeta. Al tempo della pandemia di coronavirus, vogliamo che ci dicano cosa possiamo fare per rallentare la diffusione del virus e proteggere i nostri cari.

Rimanere informati

Ecco perché una stampa libera è così importante. Quando la stampa è libera di fare il proprio lavoro e di riferire in modo indipendente, può fornirci informazioni affidabili. Durante la pandemia, uno dei suoi ruoli è quello di fornire al pubblico informazioni dai nostri governi e dai servizi sanitari in modo che tutti conoscano le regole della quarantena o le modalità di analisi.

Rispondere alle nostre domande

Ma la libertà di stampa non consiste solo nel trasmettere informazioni dal governo al pubblico. Il compito dei giornalisti è anche far spiegare ai ministri le loro scelte e informarci sulle diverse opzioni disponibili. Ad esempio, nelle conferenze stampa dei nostri governi, la stampa ci rappresenta facendo domande alle quali vogliamo una risposta e costringendo i politici a dirci la verità. Questo è particolarmente importante in tempi come questi, quando i nostri leader prendono molte decisioni che influiscono sul nostro benessere.

Queste cose sono così importanti che le abbiamo fatte diventare il diritto umano alla libertà di espressione e di informazione. Questo diritto è essenziale per il corretto funzionamento delle nostre democrazie, perché permette al pubblico di sapere come i nostri leader stanno usando i poteri che gli abbiamo concesso.

Attacchi alla stampa

In alcuni paesi dell'UE, i governi stanno rendendo molto difficile il lavoro della stampa. Ecco due esempi. In primo luogo, annullando o limitando ciò che i giornalisti possono chiedere alle conferenze stampa. Per esempio, quando il governo ungherese tiene una conferenza stampa, richiede ai giornalisti di inviare tutte le loro domande prima dell'inizio della conferenza stampa. Così, quando i politici mentono, è impossibile per i giornalisti fare domande extra per arrivare alla verità. I governi sloveno e ceco hanno interrotto del tutto le loro conferenze stampa durante la pandemia.

Questi governi dicono di aver messo questi limiti sulla stampa perché non è sicuro tenere conferenze stampa durante la pandemia. Ma questa è solo una scusa - è ancora perfettamente possibile per i giornalisti interrogare i ministri, anche se non sono nella stessa stanza. Lo sappiamo tutti, perché tutti noi abbiamo conversazioni video su internet. Questi governi non vogliono che i loro cittadini possano verificare se stanno facendo un buon lavoro.

Il secondo modo in cui i governi rendono difficile il lavoro della stampa è quello di dire al pubblico che non dobbiamo fidarci dei giornalisti. In alcuni Paesi, come l'Ungheria o la Repubblica Ceca, gli Stati Uniti o il Brasile, politici di spicco hanno attaccato canali di informazione indipendenti e affidabili, definendoli canali di "notizie false", perché a questi governi non piace essere criticati dalla stampa.

Questo è un problema, perché in questo modo il pubblico smette di fidarsi di media affidabili. Inoltre, rende meno probabile che le persone leggano o guardino notizie affidabili. E sappiamo che una stampa libera e indipendente è importante per garantire che le persone ricevano le informazioni di cui hanno bisogno, su come stare al sicuro e su quali sono le scelte che i governi stanno facendo.

Come trattare le informazioni false o ingannevoli

Naturalmente, ci sono alcune organizzazioni giornalistiche che cercano di diffondere informazioni false e ingannevoli. Questo viene spesso chiamato "disinformazione". Ed è pericolosa. Le informazioni sulle false cure possono mettere le persone in pericolo. Teorie di cospirazione fasulle che dicono che un determinato paese è responsabile del virus possono far sì che le persone si rivoltino l'una contro l'altra nelle loro comunità, quando abbiamo bisogno di lavorare insieme.

In Ungheria, una nuova legge permette al governo di incarcerare i giornalisti per aver diffuso la disinformazione. Questa non è la soluzione giusta. In primo luogo, perché cercare di censurare le informazioni false non ne impedisce la diffusione. Le persone condividono le informazioni così velocemente attraverso i social media come twitter e facebook che è difficile da fermare. In secondo luogo, perché permette a un governo di incarcerare i giornalisti solo per averli criticati. In Ungheria sono rimaste solo poche organizzazioni giornalistiche indipendenti e spesso il governo cerca di screditarle dicendo che i loro reportage sono falsi. È ovvio che la nuova legge intende impedire ai giornalisti indipendenti di riferire sugli errori che il governo sta commettendo.

Il modo migliore per il governo di impedire che il pubblico sia indotto in errore dalla disinformazione è sostenere una stampa libera e indipendente. In questo modo il pubblico saprà sempre a chi rivolgersi per ottenere informazioni affidabili. Un governo può sostenere i media in diversi modi. In primo luogo, può rispondere alle domande dei giornalisti e smettere di attaccare le organizzazioni di stampa indipendenti. In secondo luogo, dovrebbe dare all'emittente pubblica le risorse di cui ha bisogno in modo da poter fare il proprio lavoro di riferire notizie affidabili e non dovrebbe cercare di influenzare ciò che dicono i giornalisti.

Libertà di stampa, una garanzia per la nostra salute

Possiamo esercitare il nostro diritto alla libertà di stampa per assicurarci che il nostro governo faccia del suo meglio per agire nel nostro interesse. I giornalisti ci tengono informati e ci forniscono i più recenti consigli sull'assistenza sanitaria. Spiegano anche le diverse opzioni che a disposizione dei governi, e costringono i leader a spiegare le loro scelte. E questo porta i nostri rappresentanti a fare le scelte migliori per il bene pubblico.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookie funzionali.