Il veto di PiS & Fidesz rivela la loro fame di potere, ma anche la loro fragilità

Perchè Fidesz e PIS sono così contrari alla condizionalità dello Stato di diritto? L’UE può ottenere il suo bilancio e il piano per la ripresa da coronavirus senza di essi?

Venticinque governi dell'UE intendono adottare il meccanismo di condizionalità dello Stato di diritto a maggioranza. In risposta, i governi ungherese e polacco, che si oppongono alla condizionalità, porranno il veto sul bilancio dell'UE per i prossimi sette anni e sul pacchetto economico per aiutare i paesi a riprendersi dalla pandemia.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookie funzionali.

Perché Fidesz e PiS sono così fortemente contrari alla condizionalità?

Perché non possono permettersi di perdere i finanziamenti dell'UE, ma si rifiutano di smettere di smantellare lo Stato di diritto. Da quando hanno preso il potere, i partiti al governo in Ungheria e in Polonia si sono impegnati a smantellare le leggi e le istituzioni che fanno funzionare la democrazia. Il loro obiettivo è quello di rimanere al potere e rendere più difficile ogni possibile sostituzione.

Per la Fidesz ungherese, prendere il potere è un mezzo per sottrare fondi pubblici. Il governo concede grandi contratti pubblici ad amici, familiari e alleati nel mondo degli affari in cambio di tangenti e fedeltà. Per il PiS della Polonia, governare sembra essere un mezzo per attuare politiche sociali ultraconservatrici.

Per mantenere e consolidare il potere, entrambi i governi hanno adottato una strategia simile: controllare l'opinione pubblica e rimuovere ogni ostacolo legale alla loro agenda. Hanno raggiunto questo obiettivo assumendo, in diversa misura, il controllo dei media e della magistratura e soffocando le organizzazioni per i diritti umani e a favore della democrazia. Questo a permesso loro di distorcere l'opinione pubblica, di mettere a tacere la critica pubblica e di limitare la capacità dell'organizzazione sociale di esprimere il dissenso. Ha anche facilitato ai governi la creazione di capri espiatori (come migranti, persone LGBTQI e femministe) che solo loro possono combattere.

L'intenzione dell'UE di subordinare l'accesso ai propri fondi al rispetto dello Stato di diritto ostacola i piani di Fidesz e del PiS. La chiave del loro programma è avere i tribunali sotto il loro controllo. Mentre la chiave dello stato di diritto è rappresentata da tribunali indipendenti che difendono i diritti e le istituzioni che Fidesz e il PiS vogliono sciogliere.

Fidesz e PiS sanno che un futuro meccanismo di condizionalità potrebbe influire direttamente su di loro, dato che attualmente sono soggette alla procedura dell'articolo 7, e non se lo possono permettere, né dal punto di vista economico né da quello politico.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookie funzionali. Sono in gioco miliardi di euro di fondi UE. Questo è fondamentale per le loro economie, e soprattutto per le attività corrotte di Fidesz. Se il meccanismo di condizionalità viene attivato, i finanziamenti dell'UE - in parte o in toto - smetterebbero di fluire. Il governo è obbligato a mantenere il finanziamento dei progetti concordati. Per evitare che i cittadini paghino le conseguenze, l'UE può anche pagare i fondi direttamente ai beneficiari finali, invece che attraverso il governo, che è il canale normale. Per Fidesz e PiS, la condizionalità significa un colpo economico che potrebbe sconvolgere i loro elettori, perdere il denaro che finanzia la corruzione, e/o perdere il controllo su come il denaro viene speso nel loro cortile.

L'opposizione del PiS e di Fidesz al meccanismo della condizionalità dimostra che la loro principale preoccupazione è quella di mantenere e consolidare il loro potere. Non si preoccupano di governare per il bene dei loro cittadini, altrimenti non sarebbero impegnati a manipolare l'opinione pubblica e ad assumere il controllo dei tribunali. La loro dichiarata intenzione di porre il veto al pacchetto di misure per la ripresa dalla pandemia dimostra che sono talmente disperati nel voler rimanere al potere che bloccherebbero i finanziamenti per sostenere la gente comune in tutta Europa.

Cosa c'è dopo?

La Germania, che detiene la presidenza dell'UE, è responsabile dell'attuazione dell'accordo. La Merkel può avere una certa influenza su Orbán, ma in passato è stata riluttante ad usarla. Forse perché la lobby automobilistica tedesca non vuole avere problemi con le sue fabbriche in Ungheria. Grazie al suo partito, la Fidesz è rimasta nel PPE, la più grande delle famiglie politiche dell'UE, che a sua volta ha protetto Orbán dalle critiche. Ma anche se la Merkel riuscisse a far cambiare idea a Orbán, è improbabile che abbia la stessa fortuna con il governo polacco, che non è un alleato politico.

Restano aperte tre strade per la Presidenza tedesca per portare avanti l'adozione del meccanismo di condizionalità e dei nuovi piani di bilancio e di ripresa. In primo luogo, andare avanti con la votazione sul bilancio e contare sul PiS e su Fidesz per fare marcia indietro. Quest'ultimo potrebbe cedere a causa della sua dipendenza dal denaro dell'UE e perché potrebbe avere la speranza di trovare altri modi per fermare l'attivazione del meccanismo di condizionalità. Il secondo è quello di non votare il nuovo bilancio e di permettere che l'attuale bilancio UE di 7 anni rimanga in vigore fino a quando un cambiamento nella politica o nella leadership polacca o ungherese non lo renda possibile. In questo modo, gli altri 25 paesi dell'UE potrebbero concordare tra loro un pacchetto di misure per la ripresa dalla pandemia attraverso un trattato internazionale separato. Il terzo è quello di accelerare la procedura di cui all'articolo 7 contemporaneamente per la Polonia e l'Ungheria e di votare per sospendere i loro diritti di voto, consentendo così l'adozione del bilancio e del pacchetto di recupero senza i loro voti.

Qualunque sia la decisione della Merkel, è importante andare avanti presto perché milioni di europei dipendono dal pacchetto di ripresa economica per la pandemia. La Merkel si è dimostrata una forza inarrestabile. Il timore del PiS e di Fidesz per la condizionalità suggerisce che non sono ostacoli inamovibili.

Altre notizie su Ungheria, Polonia e Stato di diritto:

“Cocktail imbevibile” e un barman debole: un'analisi del primo rapporto sullo stato di diritto dell'UE

I governi dell'UE usano misure contro la pandemia per limitare lo spazio civico e le libertà: Rapporto di Liberties e Greenpeace