#WeDecide: Perché vogliamo vivere in una democrazia? Parte 1

Anche se l'autoritarismo e il populismo sono in aumento, l'impegno pubblico nei confronti della democrazia è ancora piuttosto alto.Ma la democrazia è degna del nostro sostegno?E perché?Quali buone ragioni possiamo avere per voler vivere in una democrazia?

Fondamentalmente, potremmo avere due diversi motivi per voler vivere in una democrazia. Primo, potremmo volere la democrazia perché crediamo che sia un bene per ottenere qualcosa che vogliamo raggiungere, in quanto società relativamente benestante. Queste sono le cosiddette giustificazioni strumentali della democrazia. E secondo, potremmo voler vivere in una democrazia perché le democrazie sono moralmente desiderabili, indipendenti dagli obiettivi che vogliamo raggiungere. Questo è simile all'acquisto di un grande quadro, non perché migliorerebbe l'armonia cromatica del muro del nostro salotto, ma perché ha dietro di sé un'idea geniale o perché l'artista ha un occhio incredibilmente buono a rappresentare le emozioni umane. Queste sono chiamate giustificazioni intrinseche.

In questo articolo introdurremo alcune possibili giustificazioni strumentali. Non ti diremo quali - eventualmente - dovresti accettare. Ma siamo interessati a sentire le tue opinioni.

Lascia un commento sotto il nostro post su Facebook e discuti le tue motivazioni con noi e con altri lettori sulla preferenza di vivere in una democrazia.

Dunque, alcuni appoggiano la democrazia affermando che le comunità politiche democratiche offrono alle persone un’ottima opportunità di sviluppare un carattere migliore. La democrazia è un bene per noi, perché le persone che vivono in una democrazia tendono ad essere più autonome, perché incoraggia le persone a pensare in termini di bene comune e perché partecipare alle decisioni collettive costringe le persone ad apprezzare le differenze di interessi e punti di vista. Le persone che vivono in regimi autocratici sono meno fortunate in questo senso; hanno molte meno opportunità di sviluppare il loro carattere.

Altri sostengono la democrazia affermando che è il miglior metodo decisionale, perché aiuta le persone a prendere le giuste decisioni. Anche se singolarmente siamo abbastanza stupidi, collettivamente possiamo essere intelligenti. Suona strano? Lo è. Ma l'idea non è completamente pazza. Supponiamo che si stia facendo tardi e che tu debba decidere se girare a destra o a sinistra nei boschi per arrivare al rifugio. La tua possibilità di scegliere bene è del 51%. Hai dato una rapida occhiata alla mappa prima di intraprendere la tua avventura, ma è stata solo una rapida occhiata e non sei un genio dell'orientamento. Lo stesso vale per il tuo gruppo di escursionisti. Se a qualcuno di voi viene assegnato il compito di scegliere la strada, in 49 casi su 100 finirete per dover condividere il vostro rifugio notturno con gli orsi. Tuttavia, se si mette a votazione, le tue possibilità miglioreranno radicalmente. Quando il gruppo è abbastanza grande (10.000 membri - sì, lo so, piuttosto insolito per un'escursione), anche se individualmente tutti voi avete solo il 51% di possibilità di scegliere la strada giusta, il risultato del vostro voto sarà 99,99 % di possibilità di avere ragione. No, non stiamo scherzando. Scopri di persona.

Certo, le decisioni prese dalle società tendono ad essere molto più complesse rispetto a quella del percorso giusto di fronte a un bivio. Potremmo non avere più del 50% di possibilità di avere ragione in una serie di questioni. Nella maggior parte dei casi, ci sono più di due opzioni. E, discutibilmente, i problemi che affrontiamo come società non hanno una soluzione corretta, ma una serie di soluzioni diverse che comportano rischi e benefici diversi per i diversi segmenti della società. Tuttavia, alcuni sostengono che, nonostante le difficoltà, le democrazie hanno migliori possibilità di produrre giuste leggi rispetto alle altre strutture governative.

Altri ancora appoggiano la democrazia per il benessere materiale che sembra garantire a tutti. Ad esempio, Amartya Sen, l'economista e filosofo vincitore del premio Nobel, ha sottolineato che nessuna carestia sostanziale si è mai verificata "in un paese indipendente e democratico e con una stampa relativamente libera". Questo perché nelle democrazie l'élite politica prende incentivi che tengono conto degli interessi e dei bisogni della maggior parte delle persone nella società.

La democrazia potrebbe essere un valido strumento a tal fine. Ma è solo un valido strumento a tal fine? Cosa succede se le democrazie hanno valore in sé e per sé? Se vuoi leggere le possibili giustificazioni intrinseche della democrazia, per favore leggi il prossimo articolo di questa serie la settimana prossima.