Le organizzazioni per i diritti umani continuano a lottare contro i filtri di caricamento obbligatori

La Commissione ha promesso di pubblicare le linee guida entro la fine di marzo. Quattro mesi dopo non è ancora successo nulla, anche se gli Stati membri dell'UE hanno già iniziato ad armonizzare la direttiva sul diritto d'autore.

All'inizio di questa settimana, il Senato francese ha deciso all'unanimità di autorizzare il governo francese di attuare nel diritto nazionale alcune disposizioni della direttiva sul diritto d'autore, compreso l'articolo 17. La Germania ha inoltre pubblicato una proposta per l’attuazione dell'articolo 17 entro fine giugno. Lo stesso vale per l'Ungheria e i Paesi Bassi. Con il passare del tempo, gli Stati membri dell'UE non aspettano più l'intervento della Commissione. Sarebbe tuttavia estremamente importante applicare l'articolo 17 in modo coerente per garantire gli stessi diritti ed esigere gli stessi obblighi in tutta Europa. Ciò garantirebbe anche il pieno rispetto dei diritti fondamentali degli utenti. L'articolo 17, paragrafo 10, della direttiva impone alla Commissione di emanare linee guida sull'applicazione dell'articolo 17 in consultazione con i fornitori di servizi di condivisione dei contenuti, i titolari dei diritti e le organizzazioni di utenti.

Il dibattito sull'articolo 17 ha attirato molta attenzione e alla fine la decisione è stata presa a strettissima maggioranza in Parlamento. Il risultato finale è stato un compromesso che contiene un riferimento diretto ai diritti fondamentali degli utenti. L'equilibrio tra gli interessi delle piattaforme, dei titolari dei diritti e degli utenti è stato un risultato molto importante del dialogo a tre, che va assolutamente mantenuto. L'equilibrio non va ricercato tra Hollywood e Silicon Valley. L'interesse dell'UE dovrebbe essere quello di prestare attenzione alle piccole innovazioni e start-up europee come anche ai diritti degli utenti, poiché questi fattori sono altrettanto importanti per raggiungere questo equilibrio.

L'articolo 17 ha lasciato agli Stati membri dell'UE un notevole margine di discrezionalità nell'attuazione nel diritto nazionale. Tuttavia, ciò non dovrebbe significare che gli Stati membri possano ignorare il pieno rispetto della Carta dei diritti fondamentali. Sono in gioco la libertà di espressione, la libertà di accesso all'informazione e la protezione dei dati.

Le eccezioni e le restrizioni della direttiva DSM sostengono non solo la libertà di espressione ma anche l'accesso all'informazione. La pandemia COVID 19 ha chiaramente dimostrato che l'accesso alle informazioni e le esenzioni per scopi educativi sono essenziali per l'educazione dei nostri figli e per la nostra prosperità condivisa.

La trasparenza è essenziale, anche nel contesto delle norme sulla concorrenza e sulla protezione dei dati, che vanno di pari passo. Gli Stati membri devono pertanto esigere trasparenza nel funzionamento sia delle piattaforme che dei titolari dei diritti. Ciò è anche nell'interesse della Commissione, che in tal modo otterrà dati affidabili su queste grandi società statunitensi.

La direttiva sul diritto d'autore non prevede obblighi generali di monitoraggio e i filtri di caricamento obbligatori sono evitabili. È stata la soluzione di compromesso alla fine del dialogo a tre, e non deve essere trascurata. Si tratta anche di una questione di fiducia nelle istituzioni europee. Agli utenti è stato promesso in così tante occasioni - dal Parlamento, dagli Stati membri e dalla Commissione - che non sarebbero stati introdotti filtri sugli upload.

L'applicazione del GDPR è essenziale. Qualsiasi moderazione di contenuto algoritmicamente curata, come l'uso di filtri di caricamento, implica il trattamento di dati personali. Secondo l'articolo 22 del GDPR, gli utenti hanno il diritto di non essere sottoposti a decisioni automatizzate senza l'intervento umano. Questa regola generale vale per i filtri di caricamento. Il diritto degli utenti di contestare il processo decisionale automatizzato li autorizza a rifiutare il loro consenso a qualsiasi tipo di metodo di filtraggio automatizzato senza intervento umano.

Queste salvaguardie sono essenziali per proteggere i diritti degli utenti. Qualsiasi soluzione non pienamente in linea con la Carta dei diritti fondamentali è inaccettabile. Sarebbe quindi della massima importanza che le linee guida fossero pubblicate al più presto per fornire orientamenti agli Stati membri e per evitare incoerenze tra la legislazione degli Stati membri e la Carta.