ONG croate: preservare modello di sostegno allo sviluppo della società civile!

Oltre 400 ONG chiedono al governo di rispettare il modello consolidato di sostegno allo sviluppo della società civile, alle istituzioni e alle procedure democratiche.
A seguito della decisione del governo croato su come redistribuire il reddito proveniente dai giochi delle lotterie statali per il 2016, le ONG sollecitano il governo a tener conto dei seguenti fatti e punti di vista:

Il modello istituzionale consolidato di sviluppo della società civile e il sistema di finanziamento delle organizzazioni della società civile in Croazia costituiscono un buon esempio e un modello di costruzione trasparente ed efficiente di un sistema di sostegno allo sviluppo.

Questo viene riconosciuto dai paesi confinanti e della zona euro-mediterranea. Molte delegazioni straniere hanno imparato dalle nostre pratiche e hanno usato il nostro esempio per costruire e potenziare il sostegno allo sviluppo della società civile nei loro paesi.

435 richieste

L'Ufficio per la cooperazione del governo croato, la Fondazione Nazionale per lo Sviluppo della Società Civile e il Consiglio per lo Sviluppo della Società Civile giocano un ruolo importante a questo proposito. Essi costituiscono anche il fondamento della nostra reputazione e credibilità nella comunità internazionale in tema di conquiste democratiche di sviluppo della società civile.

Negli ultimi 10 anni, la Croazia ha lavorato sistematicamente per migliorare la trasparenza nell'allocazione dei finanziamenti pubblici a queste organizzazioni, applicando il modello della cooperazione tra decisori e organizzazioni della società civile.

Il cambiamento nell'allocazione dei fondi derivanti dalle lotterie, procedimento realizzato senza un'approfondita valutazione dell'impatto e dell'influenza su ogni area, è qualcosa che, nel lungo periodo, non contribuirà alla qualità del lavoro delle associazioni, né migliorerà lo status delle fasce più vulnerabili della società, che spesso dipendono dai servizi forniti dalle associazioni.

Oltre 435 rappresentanti di varie ONG hanno presentato singole richieste al governo affinché preservi il modello croato di sostegno alla società civile.

Minaccia alla sopravvivenza

Le organizzazioni della società civile che operano per la democratizzazione e lo sviluppo della società sono le stesse che realizzano molti processi di soluzioni innovative in ambito sociale, molto spesso sono quelle che offrono sostegno alle organizzazioni che operano in vari ambiti sociali (istruzione, consulenza, assistenza nella progettazione e realizzazione nell'ambito dei programmi di finanziamento europei).

La riduzione dei finanziamenti minaccia seriamente non soltanto la rete di sostegno, ma anche il lavoro e la sopravvivenza di molte organizzazioni che offrono servizi sociali diretti ai gruppi più vulnerabili.

In un'epoca di grande disoccupazione, non dobbiamo dimenticare che le organizzazioni impiegano un numero consistente di persone, compreso chi è svantaggiato in quanto difficile da inserire. Le associazioni dispongono di conoscenza e competenza nella preparazione delle proposte progettuali e utilizzano in toto i finanziamenti europei previsti per i loro progetti, ma partecipano anche a progetti collaborativi con i governi locali e altre istituzioni pubbliche, sottolineano le ONG nella loro dichiarazione.