La nuova legge elettorale in Polonia porta nuovi problemi

In un parere presentato al Senato, il Comitato Helsinki per i diritti umani ha rilevato che la legge elettorale speciale adottata dalla Camera bassa del Parlamento (il Sejm) contiene misure che costituiscono una grave minaccia per l'equità delle elezioni.

Il voto per posta è facoltativo, ma non è prevista alcuna protezione

La nuova legge prevede che il voto per corrispondenza sarà un metodo facoltativo nelle future elezioni. Tuttavia, secondo il Comitato Helsinki per i diritti umani (HFHR), i legislatori non hanno messo in atto le garanzie necessarie per assicurare che tutte le schede raggiungano gli elettori.

"Poiché le buste elettorali vengono consegnati nelle cassette delle lettere e non direttamente agli elettori, potrebbero essere recuperati da persone non autorizzate".

Lo spiega Marcin Wolny, avvocato del HFHR.

Equità delle elezioni in pericolo

Le elezioni che si terranno secondo la nuova legge saranno ibride, in quanto il gruppo di candidati comprenderà sia quelli iscritti alle elezioni annullate sia quelli nuovi. Tuttavia, lo status giuridico dei candidati "nuovi" e "vecchi" sarà notevolmente diverso. I vecchi candidati non dovranno registrarsi di nuovo e potranno anche stanziare per la loro campagna un importo tre volte superiore a quello dei nuovi candidati.

"Ciò metterà a repentaglio l'uguaglianza nel processo elettorale, intesa come obbligo dei legislatori di creare condizioni di parità per tutti i soggetti che partecipano alle elezioni".

Ha detto l’avvocato.

Lo stesso Presidente del Sejm fissa i termini per le procedure elettorali, il che è incostituzionale

Un altro punto della nuova legge che ha suscitato polemiche è il calendario elettorale. La nuova legge non applica le disposizioni del Codice elettorale che specificano i termini per il completamento delle varie procedure elettorali. Le nuove scadenze saranno fissate arbitrariamente dal Presidente del Sejm, il che può comportare scadenze eccezionalmente brevi per alcune procedure elettorali, come la raccolta del numero di firme necessarie per l'iscrizione ufficiale di un candidato.

"Il calendario elettorale non può essere impostato in questo modo. L'articolo 127, paragrafo 7, della Costituzione stabilisce che i principi e la procedura di nomina dei candidati alla presidenza devono essere specificati nella legge statutaria, e che un'ordinanza del presidente del Sejm non è, da un punto di vista costituzionale, fonte di alcuna legge, norma o altro".

D'altra parte, l'HFHR ha accolto con favore l'idea che il Ministro della Salute debba assegnare i dispositivi di protezione personale obbligatori per i membri delle commissioni elettorali distrettuali. Tuttavia, l’organizzazione ha osservato che tali attrezzature dovrebbero essere disponibili anche per le "persone di fiducia" nominate in ogni campagna e per gli osservatori indipendenti che lavorano presso i seggi elettorali.