Il micro-targeting della pubblicità politica dovrebbe essere trasparente e rispettare la privacy

Liberties ha pubblicato un documento programmatico sulla regolamentazione del micro-targeting nella pubblicità politica, che mira a fornire soluzioni ai problemi che essa provoca nel nostro ecosistema online.

Le nostre proposte sono le seguenti:

1. I partiti politici e i gruppi d'interesse che utilizzano la pubblicità e le piattaforme online che ospitano questi contenuti a pagamento dovrebbero essere obbligati a rispettare determinati requisiti di trasparenza. In particolare, essi dovrebbero essere tenuti a pubblicare un'ampia gamma di dati sulla loro pubblicità politica e sui metodi di targeting che offrono. Tale obbligo deve essere pienamente applicabile sia alle piattaforme che alle parti interessate.

2. I partiti politici, i gruppi d'interesse e le piattaforme, nel rispetto dei loro obblighi di trasparenza, dovrebbero essere tenuti ad effettuare e pubblicare valutazioni d'impatto sulla protezione dei dati in relazione alle campagne politiche online ospitate sulle piattaforme interessate. Le autorità per la protezione dei dati di ogni paese hanno la facoltà di ordinare misure correttive vincolanti, tra cui multe alle piattaforme online e ai partiti politici o ai gruppi d'interesse e il rinvio delle decisioni dell'autorità per la protezione dei dati alle commissioni elettorali nazionali. La responsabilità congiunta delle piattaforme e dei partiti politici potrebbe costringerli a rispettare le regole.

3. I messaggi politici dovrebbero avere vincoli diversi, adattati ai diversi fattori, come ad esempio a chi sono rivolti, se sono personalizzati e mirati a un gruppo omogeneo di persone e se si riferiscono a un contesto politico immediato o recente. Si dovrebbe fare una distinzione tra i messaggi politici che si limitano a informare le persone sulla data delle elezioni, o i messaggi delle ONG che informano il pubblico sulle regole di salute pubblica durante il COVID-19 , e un messaggio su misura per gli anziani che cerca di convincerli a votare contro l'aborto. Questi fattori dovrebbero essere valutati caso per caso. Questo approccio di valutazione dei fattori rilevanti per individuare la pubblicità politica significa che le autorità non devono cercare di regolamentare il contenuto della pubblicità politica.

Questa tabella è stata creata da Paige Morrow dell'articolo 19 e utilizzata anche dal Dr. Julian Jaursch nel suo articolo "Definire la pubblicità politica online". Liberties ha aggiunto una colonna supplementare a questi fattori.

4. La Commissione e le autorità nazionali per la protezione dei dati devono applicare correttamente il GDPR (Regolamento generale per la protezione dei dati). Secondo il GDPR, le persone possono essere il bersaglio di un annuncio pubblicitario sulla base dei loro dati personali solo se hanno dato il loro consenso. La Commissione europea dovrebbe sviluppare linee guida per chiarire come il GDPR debba essere applicato alla pubblicità politica.

5. Le piattaforme online, gli attori politici e le organizzazioni di utenti dovrebbero cooperare e stabilire accordi chiari per contribuire a proteggere i diritti fondamentali degli utenti sulle piattaforme online e garantire un discorso politico vivace e diversificato. Questo potrebbe essere un primo passo verso un codice di condotta simile al codice esistente sulla disinformazione o all'accordo sulla pubblicità discriminatoria negli Stati Uniti.


Ci sono diverse altre soluzioni proposte che meritano di essere prese in considerazione. Who Targets Me elenca cinque possibilità di intervento per generare uno spostamento dell'equilibrio verso un discorso politico più diversificato. Tra queste, "limitare il numero di campagne che possono essere eseguite" è una soluzione realizzabile. Questo limiterebbe il numero di annunci simultanei e distinti.

Qui potete consultare il nostro documento programmatico: Solutions For Regulating Micro-targeted Political Advertising