Giornalisti croati protestano contro le azioni legali e le intimidazioni delle autorità

Sabato 2 marzo l’Associazione croata dei giornalisti (HND) ha manifestato per chiedere piena libertà di stampa con lo slogan “Avete sequestrato i media - noi non rinunceremo al giornalismo!”.

La protesta è stata organizzata dall'Associazione croata dei giornalisti (HND - Hrvatsko novinarsko društvo) per contrastare un crescente numero di azioni legali contro giornalisti e media, pressioni politiche e pressioni da parte degli inserzionisti, minacce ai giornalisti, messa in pericolo di diritti e standard professionali, mancanza di rispetto per le leggi sui media e assenza di una seria politica sui media.

Giornalisti croati multati e intimiditi

Almeno 1.160 procedimenti giudiziari per crimini contro l'onore e la reputazione sono attualmente in corso contro i giornalisti e i media, con richieste di risarcimento per danni per milioni di HRK (Kuna croata). La Radiotelevisione croata (HRT- Hrvatska Radiotelevizija), che è un’emittente pubblica finanziata dal bilancio dello Stato e con sottoscrizioni obbligatorie, ha fatto causa a 36 giornalisti e ai media, chiedendo più di 2,2 milioni di HRK per danni.

Il diritto penale prevede che ai giornalisti possano essere inflitte ammende pari all’intero stipendio annuale, anche per la pubblicazione di informazioni accurate e veritiere. I procedimenti penali vengono spesso utilizzati come uno strumento per intimidire i giornalisti e come strumento di intimidazione per evitare di dare notizie su determinati argomenti.

Inoltre, i regolamenti interni di molti media vietano ai giornalisti di parlare pubblicamente delle pressioni e delle limitazioni della libertà di espressione nel campo giornalistico, a meno che non ottengano il consenso dei loro superiori. Questi regolamenti sono incostituzionali.

Politici di opposizione, società civile e celebrità esprimono il loro sostegno

Secondo HND, negli ultimi 10 anni oltre la metà dei giornalisti croati ha perso il lavoro. Inoltre, tre anni fa è stato abolito l'unico supporto istituzionale per i media no-profit, con la conseguenza che circa duecento giornalisti hanno perso il lavoro, mentre le posizioni di coloro che rimangono sono precarie.

Alla luce di queste serie preoccupazioni, HND ha presentato otto richieste poco prima della protesta:

  1. Smettere di usare le cause legali come mezzo per intimidire i giornalisti.
  2. Offrire protezione ai giornalisti che segnalano pubblicamente le pressioni cui sono esposti.
  3. Garantire la depoliticizzazione del Consiglio dei media elettronici (VEM - Vijeća za elektroničke medije).
  4. Rimuovere la leadership della HRT (la Radiotelevisione Croata) e cambiare rapidamente la legge che la riguarda
  5. Garantire l'attuazione della legge sui media e sullo statuto dei media.
  6. Impedire alla polizia locale di esercitare pressioni sui media.
  7. Arrestare e perseguire le persone che attaccano i giornalisti.
  8. Incoraggiare il sostegno pubblico per il giornalismo di qualità.

Numerosi personaggi pubblici, organizzazioni e gruppi politici sostengono la protesta dei giornalisti croati. Il 18 febbraio è iniziato il boicottaggio della HRT, organizzato da 30 organizzazioni della società civile, a cui hanno partecipato celebrità e partiti politici.