#MeAndMyRights: la democrazia ha bisogno della privacy per rendere responsabili i leader

I formatori di opinioni non solo sviluppano idee che possono diventare regole sociali. Ci informano anche su come le regole esistenti sono applicate – quella che viene chiamata responsabilità democratica. Per farlo hanno bisogno di privacy - ecco perché.

Nell'ultima puntata abbiamo visto come i formatori di opinioni abbiano bisogno di privacy per creare e sviluppare nuove idee che poi consegnano al dibattito pubblico. Abbiamo visto che la gente ha bisogno di privacy per ricercare, pensare e discutere nuove idee di modo che si possa discutere se accettarle o rifiutarle. Abbiamo definito questo processo innovazione sociale, una delle ragioni per cui esiste la democrazia - far sì che le leggi riflettano regole e opinioni sociali in evoluzione.

Ma c'è un altro aspetto della democrazia. Oltre a permetterci di dire ciò che dovrebbe essere la legge, la democrazia ci consente anche di verificare se i nostri leader politici, religiosi e imprenditoriali si attengono correttamente alle leggi. I governi si insediano e cadono a seconda di quanto le persone sono soddisfatte del modo in cui hanno creato e implementato le regole. Possiamo chiamarla responsabilità democratica.

Leggi gli articoli precedenti della serie #MeAndMyRights

Dove entrano in gioco i formatori di opinioni? Queste persone non si limitano a creare e sviluppare nuove idee che potrebbero diventare regole sociali. Creano anche nuove informazioni su come le regole esistenti vengono applicate nella pratica. Giornalisti, accademici, politici, attivisti e ONG controllano costantemente che i potenti rispettino le regole. Ricercano, indagano e informano l’opinione pubblica quando i politici prendono tangenti dalle imprese, quando la polizia abusa dei suoi poteri, o semplicemente quando un governo prende una decisione sbagliata - come iniziare una guerra sulla base di informazioni inesatte.

Per contribuire a rendere i nostri leader responsabili, i formatori di opinioni hanno bisogno della privacy. Non hanno bisogno della privacy per poter essere liberi dal controllo sociale, poiché non stanno mettendo in discussione regole sociali né sviluppando nuovi concetti. Hanno bisogno di privacy per essere sicuri di non subire alcuna forma di rappresaglia da parte dei leader che stanno criticando.

I formatori di opinioni e coloro che li aiutano spesso vengono penalizzati per essersi occupati di questioni impopolari. Ad esempio, i giornalisti che si occupano di terrorismo o di Medio Oriente sono finiti su elenchi governativi di persone da controllare e sottoposti a perquisizioni, le loro fonti sono state minacciate o danneggiate. I whistleblowers che hanno tentato di denunciare casi di negligenza da parte di governi o aziende sono stati spesso richiamati, hanno perso il lavoro, sono stati perseguiti e persino uccisi. I servizi di sicurezza si sono infiltrati in ONG che si occupano di protezione ambientale, pace, anti-nucleare, libertà civili, uguaglianza e anti-apartheid, e hanno distrutto queste organizzazioni e rovinato la vita degli attivisti. Persino gli accademici hanno perso posti di lavoro, promozioni e finanziamenti per la ricerca perché stavano lavorando su argomenti che il governo riteneva non ortodossi.

Leggi gli articoli precedenti della serie #MeAndMyRights

La responsabilità democratica fa affidamento sulla privacy, perché consente ai formatori di opinioni di ricercare e investigare liberamente, senza temere di essere controllati da chi detiene il potere. La privacy consente ai formatori di opinioni di lavorare senza temere di mettere a rischio la propria vita, la propria carriera, o la vita e la carriera di altri.

Se desideri informazioni più approfondite o vorresti conoscere le prove e gli studi a cui ci riferiamo, puoi dare un'occhiata al nostro rapporto completo "Sicurezza attraverso i diritti umani" qui.