Vittoria per la libertà di stampa in Ungheria

La Corte europea dei diritti dell'uomo difende la libertà di stampa: i giornalisti indipendenti banditi dal parlamento ungherese vincono la causa contro il governo.

In una storica e significativa sentenza per la libertà di stampa nell'Unione Europea, la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha dichiarato oggi che i giornalisti hanno il diritto di lavorare nel Parlamento ungherese. Dal 2016 Liberties sostiene la sua ONG membro, l'Unione ungherese per le libertà civili (HCLU), in questo caso raccogliendo e presentando dati di 18 Stati membri dell'UE.

Nel 2016, diversi giornalisti del Paese hanno ricevuto lettere dall'addetto stampa del Parlamento ungherese per informarli che il loro accreditamento come giornalisti era stato sospeso. A questi giornalisti è stato vietato l'ingresso in Parlamento per un periodo di tempo indefinito perché in precedenza si erano rifiutati di lasciare parti dell'edificio dove non era permesso loro di filmare. I giornalisti si erano recati in questa zona per porre domande ai parlamentari, poiché non erano stati in grado di farlo nell'area originariamente designata. L'Unione ungherese per le libertà civili (HCLU), una ONG membro di Liberties, rappresentava in questo caso sei giornalisti che avevano presentato una denuncia contro la sospensione del loro accreditamento.

Dal 2010 il governo ungherese ha adottato una serie di misure per controllare i media. Questi includono il controllo dei media pubblici, l'acquisizione, attraverso partner commerciali, di altri media e l'applicazione di misure di pressione economica, come la minaccia di multe o la possibile perdita degli introiti pubblicitari governativi. Di conseguenza, il numero di media indipendenti che forniscono una copertura critica del governo è stato notevolmente limitato. Il governo continua a cercare modi per screditare e mettere a tacere i giornalisti indipendenti, per esempio impedendo loro di accedere al Parlamento.

La libertà di stampa è un prerequisito per una democrazia ben funzionante. I Parlamenti sono un forum unico per il dibattito politico nelle società democratiche. Pertanto, non c'è dubbio che l'accesso della stampa al Parlamento sia fondamentale per le nostre società. Se non possono entrare e contattare direttamente e regolarmente i parlamentari, i giornalisti non saranno in grado di fornirci informazioni precise sui dibattiti pubblici in corso. I giornalisti dovrebbero avere l’accesso diretto e di prima mano a quanto accade in Parlamento. Il diritto dei giornalisti di esercitare la loro professione in un parlamento dovrebbe essere ostacolato solo se vi è un motivo impellente.

Liberties, con il sostegno dei suoi membri, ha presentato argomentazioni legali in questo senso attraverso un intervento di terzi (amicus curiae [pdf]) per aiutare la Corte europea dei diritti dell'uomo a prendere una decisione. Abbiamo sostenuto che la sospensione dell'accreditamento, l'impossibilità di presentare ricorso e il ragionamento offerto dalle autorità ungheresi costituivano una violazione dell'articolo 10 della Convenzione. Il nostro intervento si è basato in parte su un'indagine sui diritti di accesso dei giornalisti ai parlamenti nazionali. Abbiamo raccolto informazioni da Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Romania, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Questa ricerca dimostra che l'esclusione dei giornalisti dal Parlamento ungherese è insolita e sproporzionata.

La sentenza di oggi fa eco alle argomentazioni di Liberties.

L'analisi della decisione della CEDU è disponibile qui.

L’Amicus Curiae può essere scaricato qui.