Lituania continua raccolta illegittima di dati personali su larga scala

Nonostante la direttiva UE che prescriveva la raccolta dati sia stata annullata più di due anni fa, le leggi lituane non sono ancora state riviste e le autorità continuano a raccogliere informazioni personali su larga scala.
Le autorità lituane continuano a raccogliere dati personali su larga scala, anche se la direttiva UE che lo prescrive è stata eliminata più di due anni fa.

L'Istituto per il Monitoraggio dei Diritti Umani, ONG operante in Lituania, ha chiesto al Ministero della Giustizia di valutare se la legge che prescrive la raccolta in massa di dati personali sia legittima.

La raccolta dati ai sensi della direttiva UE

In risposta agli attacchi terroristici del 2005 a Londra, l'UE ha adottato nel 2006 la direttiva sulla conservazione dei dati come strumento per combattere la criminalità e il terrorismo.

La direttiva obbligava gli Stati membri a raccogliere i dati degli utenti dei servizi di comunicazione elettronica.

Di conseguenza, tutti i fornitori di servizi dell'UE hanno dovuto raccogliere dati sui cittadini europei che utilizzavano i servizi, sui siti web in visita, sulla durata della connessione e su informazioni in grado di fornire la posizione della connessione mobile. Questi dati avrebbero dovuto essere conservati per un massimo di due anni e consegnati alle forze di polizia su specifica richiesta.

In Lituania, le disposizioni di questa direttiva sono state recepite dalla legge sulle comunicazioni elettroniche del 2008 che obbligava i provider di servizi a conservare i dati relativi agli utenti e alla posizione per sei mesi.

La raccolta dati su larga scala viola i diritti

Nel 2014, tuttavia, la Corte di Giustizia, dopo aver esaminato i ricorsi dei tribunali di Irlanda e Austria, ha deciso di eliminare la direttiva sulla conservazione dei dati. La corte ha sottolineato il fatto che i dati conservati in base a questa direttiva rivelavano dettagli precisi riguardanti le vite private dei cittadini: il loro luogo di residenza, abitudini e attività quotidiane, relazioni sociali e ambienti frequentati. Secondo la corte, questo interferiva senza motivo con il diritto alla privacy e alla protezione dei dati di quasi tutti i cittadini europei.

Il tribunale ha ribadito la sua posizione nel 2016 riconoscendo che anche le leggi nazionali che prescrivono richieste analoghe sono illegali.

Le leggi lituane vanno riviste

Nonostante queste sentenze a livello comunitario, le disposizioni della legge lituana sulle comunicazioni elettroniche che erano state intese a recepire la direttiva sulla conservazione dei dati, sono cambiate di pochissimo. Qualsiasi riferimento alla direttiva è stato semplicemente rimosso nel 2011, ma le disposizioni riprese non sono state modificate. L'obbligo di raccogliere e trattenere i dati personali degli utenti per sei mesi è ancora in vigore.

La Costituzione della Repubblica della Lituania proibisce la raccolta di informazioni sulla vita privata di una persona senza un’autorizzazione giudiziaria. Visto che la direttiva non è più in vigore, sussistono gravi dubbi sulla possibilità di continuare la raccolta di dati su larga scala dei residenti lituani.