Lituania: Aspettative distorte dei ruoli femminili possono promuovere la violenza

In Lituania, è ancora accettabile pensare che una moglie abbia il dovere di obbedire al marito. Secondo un esperto delle pari opportunità, il pubblico ha una visione distorta dei ruoli di genere, il che aumenta il rischio di violenza.

Visioni "tradizionali" sulle relazioni tra donne e uomini dominanti

L'Ufficio dell'Ombudsman per le Pari Opportunità ha recentemente commissionato un sondaggio sulla percezione della violenza domestica e sulle sue cause. Secondo i risultati del sondaggio, il pubblico ha ancora opinioni prevalentemente "tradizionali" sul ruolo delle donne in famiglia. Ovvero, devono prendersi cura dei bisogni degli uomini. Più della metà (58%) dei lituani ritiene che sia dovere della moglie prendersi cura del nucleo familiare del marito. Poco più del 40% pensa che le mogli siano obbligate a fare sesso con il marito, mentre le donne sono più propense a non essere d'accordo con questa affermazione (51%).

"Con risultati come questi, non è difficile capire perché così tante donne in Lituania subiscono violenza da parte dei mariti. Se si ritiene che le donne abbiano il dovere di prendersi cura delle necessità domestiche e sessuali dei loro mariti, allora, se non lo fanno, i loro mariti possono agire o addirittura ricorrere alla violenza per costringere le mogli a "svolgere i loro compiti", essere obbedienti e soddisfare le aspettative", ha affermato M. Jurkutė, che attualmente dirige un progetto sulla violenza domestica contro le donne.

I motivi che giustificano la violenza contro le donne sono stati addotti durante l'infanzia?

I risultati mostrano che il pubblico comprende che anche un comportamento apparentemente "innocente" può generare mancanza di rispetto. Sei persone su dieci concordano sul fatto che le battute sulle donne (come quelle sulle bionde) incoraggiano la mancanza di rispetto, e le donne sono più inclini ad essere d'accordo rispetto agli uomini (72% contro il 58%). Ma non c'è consenso su come guardare ai ragazzi che tirano le ragazze per i capelli, alzano le gonne o adottano comportamenti simili. Il 45% pensa che si tratti solo di una "innocente dimostrazione di attenzione", mentre un altro 45% pensa il contrario.

Non c'è consenso anche sul fatto che gli uomini siano aggressivi per natura; il 37 per cento lo pensa, mentre il 53 per cento non è d'accordo.

"Quando cerchiamo di individuare le radici della violenza in biologia, possiamo dimenticare che abbiamo bisogno di un'adeguata educazione in questo campo. Se non possiamo concordare se sia o meno appropriato che i ragazzi tirino le ragazze per i capelli o alzino le loro gonne, come possiamo aspettarci che comunichino adeguatamente e costruiscano relazioni con le donne quando crescono? Dai risultati mi domando se i genitori e gli insegnanti fanno davvero il loro compito nell'insegnare ai bambini il rispetto per il sesso opposto", ha osservato Jurkutė.

Ancora troppe poche informazioni sull'aiuto disponibile per le vittime di violenza

L'indagine ha inoltre dimostrato che le persone non sono sicure che le vittime ricevano l'aiuto di cui hanno bisogno. Più del 30% degli intervistati non sapeva se le vittime di sesso femminile ricevano tale aiuto e molti di più (47%) non sapevano se tale assistenza sia disponibile per le vittime di sesso maschile.

"I risultati non sono sorprendenti, visto quanto sia difficile trovare informazioni sulle istituzioni che lavorano con le vittime. A poco a poco ci rendiamo conto che l'assistenza viene fornita da centri di assistenza specializzati in tutta la Lituania. Questi centri promuovono attivamente le loro attività e pubblicizzano i loro contatti. Se le vittime hanno urgente bisogno di un riparo, perché non è sicuro rimanere a casa, possono recarsi nei centri di crisi. Tuttavia, è molto più difficile trovare informazioni sugli alloggi nei centri di crisi, soprattutto nelle città più piccole. Viviamo nell'era digitale, ma molte istituzioni non hanno siti web o profili di social media", ha osservato l'esperto designato dall'ufficio.

E mentre ogni anno riceviamo sempre più informazioni sulle donne vittime di violenza domestica (come dimostra il crescente numero di campagne sociali e di incidenti segnalati), il pubblico sa ancora molto poco o nulla sulle vittime di violenza domestica. La maggioranza degli intervistati, uomini (61%) e donne (71,5%), ritiene che gli uomini dovrebbero parlare apertamente della violenza in famiglia.