Diritti umani in Lituania: Stiamo cercando di imitare l'Ungheria o il Nord Europa?

La ONG Human Rights Monitoring Institute (HRMI) ha pubblicato "Diritti umani in Lituania 2018-2019", il suo decimo rapporto sulla situazione dei diritti umani nel Paese.

Il rapporto offre al pubblico l'opportunità di valutare gli ultimi anni dal punto di vista dei diritti umani e di evidenziare i progressi, la stagnazione o addirittura il regresso, laddove non si è riusciti a garantire il rispetto della dignità umana.

Il rapporto è stato preparato da 19 esperti di diritti umani, in particolare avvocati ed esperti di scienze politiche, sociali e mediche, ma è rivolto a tutti coloro che sono interessati alle questioni dei diritti umani.

La pubblicazione mette in luce l'attuazione dei diritti umani sotto diversi punti di vista: dai risultati della lotta contro la discriminazione, i crimini motivati dall'odio e dalla violenza, al diritto alla libertà e alla privazione della libertà, dal diritto alla vita familiare alla libertà di espressione, di riunione e di religione, così come alla protezione dei dati personali. Il rapporto affronta i problemi, ormai molto rilevanti, legati al diritto alla salute e alla sua attuazione.

Ungheria o Nord Europa?

Recentemente sono state osservate alcune tendenze preoccupanti in Lituania. "I casi degli ultimi anni dimostrano che anche in tempi di crescita economica e di stabilità politica, importanti aspetti dei diritti e delle libertà individuali possono essere convenientemente ignorati, che le decisioni criticate e commentate dalle organizzazioni internazionali non possono essere attuate e che le precedenti violazioni possono essere ripetute. Perché i diritti umani non vengono trattati seriamente o vengono addirittura ignorati? L'ostacolo più grande rimane il fatto che la società sembra essersi abituata a selezionare le questioni rilevanti per la maggioranza, dimenticando gli interessi e i problemi dei gruppi più piccoli", ha detto il commentatore e filosofo Paulius Gritėnas nella prefazione alla pubblicazione.

La discriminazione per motivi di sesso, orientamento sessuale, disabilità, età, origine e altri motivi è una caratteristica regolare del mercato del lavoro, del settore dei servizi e di altri settori. Le discussioni pubbliche spesso rivelano una comprensione molto ristretta di cosa significhi essere "lituano", che rifiuta qualsiasi differenza percepita. Tale isolamento e il disprezzo per l'uguaglianza dei diritti di una persona porta spesso all'odio nei discorsi o anche alla violenza fisica.

Sebbene 8 vittime di violenza domestica su 10 siano donne, le leggi lituane non hanno ancora adottato un approccio sensibile al genere e il parlamento non è stato in grado di raccogliere la volontà politica di ratificare la Convenzione di Istanbul. Le autorità sono anche riluttanti a dare prova di leadership in materia di diritti umani e non hanno ancora abbandonato la disposizione discriminatoria della Legge lituana per la protezione dei minori contro gli effetti dannosi dell'informazione pubblica (che può essere usata in modo improprio da alcuni gruppi per censurare l'informazione pubblica relativa ai diritti LGBT+).

Nel periodo in esame, le autorità hanno addirittura adottato misure per limitare la libertà di espressione per vari motivi, come la sicurezza nazionale, la lotta alla disinformazione o la protezione della governance del Paese.

Sebbene la crisi COVID 19 e il suo impatto sui diritti umani non siano analizzati in questo rapporto, molte delle sfide degli ultimi mesi riflettono problemi che sono stati discussi a lungo.

"La Lituania non è ancora in grado di cogliere l'opportunità unica che le offre l'appartenenza all'Unione Europea per lottare per uno stato sociale e per una società il più possibile sana, in cui i diritti umani siano costantemente rispettati. Mancano leader politici, culturali, scientifici ed economici disposti a unire la società per una causa comune - per garantire il rispetto dei diritti di ogni individuo e dei nostri valori comuni. I cittadini sono spesso ingannati da notizie false su valori che si suppone non si adattino alla Lituania, anche se questi stessi valori sono rispettati quotidianamente dai paesi di maggior successo nel mondo e sono sanciti dalla Costituzione lituana", dice Dainius Pūras, direttore del Human Rights Monitoring Institute.

C’è qualche buona notizia?

Nonostante le notevoli sfide e i costanti tentativi di fare marcia indietro, negli ultimi anni sono stati compiuti notevoli progressi. Nonostante alcune iniziative, le autorità non sono riuscite a limitare la libertà di espressione a causa della resistenza della società civile e dei media.

A causa delle norme più severe, la protezione dei dati personali e le questioni relative alla privacy sono state oggetto di un esame eccezionale durante il periodo in esame, il che ha contribuito a sensibilizzare l'opinione pubblica.

Diecimila persone (il numero più alto registrato) hanno partecipato alla Baltic Pride 2019 a Vilnius. È stata la seconda parata di questo tipo che si è svolta senza incidenti da parte dei manifestanti e senza ostacoli artificiali da parte dello Stato.

Ci sono stati progressi anche sul diritto a un processo equo. L'Unione europea ha innalzato gli standard dei diritti degli indagati e degli imputati, il che significa che le leggi lituane devono essere aggiornate di conseguenza. Anche le forze dell'ordine stanno iniziando a usare la detenzione in modo più responsabile nei procedimenti preliminari.

Anche se i politici non sono riusciti a dimostrare una vera leadership quando si è trattato di proteggere legalmente i diritti delle persone LGBT+, nel 2019 la Corte costituzionale ha stabilito che la "famiglia", così come definita dalla Costituzione, fosse neutrale dal punto di vista del genere. Questo ha eliminato gli ostacoli formali all'adozione di una legge sulle unioni civili.

"Ci rallegriamo del fatto che le autorità stiano diventando più aperte e coinvolgano maggiormente la società civile nella stesura di leggi e atti di programmazione e che stiano collaborando maggiormente con le ONG nella formulazione o nell'attuazione di varie politiche. Questo ci fa sperare di poter superare a lungo termine la stagnazione in alcuni settori. Ulteriori progressi dipenderanno dalla comprensione e dalla difesa dei nostri diritti. Questo rapporto è il contributo nostro - cioè dell'Human Rights Monitoring Institute - e quello degli autori del documento per metterci tutti sulla giusta strada per i diritti umani", dice Goda Jurevičiūtė, project manager di HRMI.

Il rapporto è disponibile sul sito web dell'HRMI: https://hrmi.lt/zmogaus-teises-lietuvoje-2018-2019/. L'Istituto desidera ringraziare EEA e Norway Grants, le Open Society Foundations e tutti coloro che hanno donato su Aukok.lt. Questa pubblicazione non sarebbe stata possibile senza il vostro aiuto.