Spagna: Le alternative di isolamento sono limitate, ma i militari e le forze dell’ordine si stanno spingendo troppo oltre

Lo shock causato dal COVID-19 ha portato in Spagna a un isolamento ampiamente giustificato, anche se i militari nelle strade e alle conferenze stampa fanno sembrare che l'ordine pubblico sia più importante delle libertà.

L'enorme shock causato dal COVID-19 dovrebbe portarci a valutare il suo impatto sul nostro sistema di garanzie, diritti e libertà. È un test per verificare la solidità delle nostre istituzioni, i meccanismi di controllo del potere e i possibili eccessi nelle azioni dello Stato.

I dubbi sul quadro giuridico spagnolo

Il quadro giuridico principale in Spagna solleva una serie di dubbi. Il contenuto del decreto che regola lo stato di allarme e l’isolamento basato su di esso ha generato restrizioni molto significative al diritto fondamentale alla libertà di circolazione. Gli esperti legali hanno messo in dubbio la sua conformità all'articolo 11 della Legge Organica 4/1981. Il dibattito si è incentrato sulla questione se questa regolamentazione dello stato di allarme sia conforme all'idea di libertà con limiti (secondo la legge organica) o piuttosto implichi il confinamento con eccezioni (in contrasto con la regolamentazione legale, come sostengono i giuristi più critici del decreto). Non possiamo dimenticare che la natura delle disposizioni dello stato di allarme rende di fatto impossibile l’esercizio della libertà di riunione e del diritto di protestare.

Stato di allarme vs. stato di emergenza

I giuristi che non sono d'accordo con la regolamentazione dello stato di emergenza sostengono che la limitazione dei diritti fondamentali da essa causata sarebbe compatibile solo con la dichiarazione dello stato di emergenza. Si tratta di un'opinione molto discutibile, perché in tal caso il rimedio potrebbe essere notevolmente peggiore della malattia. Lo stato di emergenza è destinato ai casi di grave perturbazione dell'ordine pubblico e permetterebbe al governo di sospendere i diritti fondamentali. Questo quadro giuridico dello stato di emergenza nell’attuale crisi sanitaria non sarebbe appropriato, in quanto garantirebbe al ramo esecutivo poteri sproporzionati, senza autorizzazione legale, il che sarebbe chiaramente incostituzionale. D'altra parte, la legge organica contiene una disposizione esplicita dello stato di allarme per le situazioni legate alle epidemie. Di conseguenza, la conclusione sarebbe che la legislazione attuale rende possibile dichiarare uno stato di allarme nel caso in esame, ma non ha delimitato con precisione tutte le possibili situazioni che incidono sulla libertà di circolazione in una situazione epidemica, probabilmente per la mancanza di precedenti immediati.

Cosa è meglio per i cittadini?

Alla luce di questi dubbi sulla delimitazione, occorre valutare se il contenuto della dichiarazione sullo stato di allarme è sostanzialmente conforme alla legislazione e all'emergenza sanitaria esistente. La domanda da porsi è se le misure concordate siano le più appropriate per i cittadini, dal punto di vista della tutela della salute pubblica. E la risposta è che non c'è molta alternativa all'isolamento. Le misure sono supportate da un'ampia consulenza scientifica e sostenute dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e molti altri Paesi hanno approvato misure simili.

I dubbi esistenti possono quindi essere risolti perché le misure soddisfano essenzialmente i criteri di giustificazione, necessità e proporzionalità. Se consideriamo preferibile la piena libertà di movimento, ciò si scontrerebbe con il diritto all'integrità fisica e con il diritto alla vita degli altri, per cui le misure dello stato di allarme hanno una sufficiente copertura legale costituzionale. In ogni caso, ci troviamo di fronte a uno scenario dubbio e giuridicamente controverso, che richiede un certo grado di moderazione nell'attuazione delle misure dello stato di emergenza.

Eccessiva presenza militare

Lo scenario ufficiale adottato, tuttavia, non è andato nella direzione più appropriata per favorire questo consigliabile contenimento. La presenza di alti funzionari di forze dell’ordine e militari durante le apparizioni ministeriali, con dichiarazioni talvolta infelici, stimola la percezione di un quadro generale che dà priorità all'ordine pubblico rispetto alle libertà. Anche l'uso diffuso di metafore di guerra, di riferimenti alla militarizzazione civile o alla presenza attiva dell'esercito nelle città è deplorevole.

Questo tono militarizzato del governo è stato accompagnato da approcci che difendono un'unica verità ufficiale e con informazioni insufficienti. La sospensione del portale della trasparenza ha accentuato queste carenze. Ancora più inquietanti sono gli avvertimenti sul monitoraggio dei social network da parte della polizia, per trasformare quelle che spesso sono solo dure critiche politiche in crimini d'odio. Naturalmente, il diritto di diffondere informazioni veritiere non comprende la diffusione di bufale tossiche, ma non spetta all'esecutivo decidere sulla diffusione dei contenuti. Il suo ruolo è quello di aumentare il flusso di informazioni.

Uso sproporzionato della forza

Nelle ultime settimane sono circolati nei social media numerosi video che mostrano un uso inutile o sproporzionato delle forze dell'ordine contro le persone per strada. Poiché la protezione dell'ordine pubblico è stata fortemente enfatizzata, questi interventi inappropriati da parte delle forze di sicurezza sono stati pericolosamente sostenuti da alcuni cittadini. Sebbene gli eccessi della polizia non siano stati molto diffusi, avrebbero dovuto essere immediatamente disconosciuti dalle autorità, perché il silenzio può implicare il consenso.

In questo contesto, il Ministero dell'Interno ha permesso alle forze di sicurezza di multare chi viola le misure di confinamento. Tali prescrizioni prevedono che venga concordata una proposta di sanzione per disobbedienza minore per mera inosservanza della quarantena, anche se i funzionari non hanno emesso un ordine preventivo all'interessato. Un'interpretazione così ampia non sembra corrispondere alle disposizioni dell'articolo 36-6 della legge sulla pubblica sicurezza. In realtà, è apertamente in contraddizione con una precedente disposizione del Ministero dell'Interno stesso, emanata prima dello stato di allarme. Non sorprende che la Procura di Stato abbia formulato solide obiezioni legali a questa interpretazione da parte del Ministero dell'Interno. L'effetto sulle libertà è evidente quando ci si rende conto che le forze dell'ordine hanno imposto più di 600.000 proposte di sanzioni, oltre a molti arresti (che sembrano difficili da giustificare in assenza di un reato).

Un altro sorprendente eccesso è l'imposizione dei prodotti nel carrello, con curiose liste in cui il gelato è inserito come "prodotto alimentare essenziale", ma non il cioccolato. Altri strani divieti imposti dalle forze dell'ordine sono quelli di trovarsi sui tetti o nelle aree comuni degli edifici, nonostante il fatto che tale restrizione non sia regolamentata dal decreto. Queste decisioni e altre simili dimostrano gli alti rischi di una regolamentazione molto aperta e poco definita. Il risultato è che le forze dell'ordine possono finire per diventare un potere legislativo de facto, con tutte le violazioni che ciò comporta per la certezza del diritto.

In questo stesso ambiente di liquidità di alcuni diritti, ci sono state diverse sentenze giudiziarie che concordano sulla condanna del reato di grave disobbedienza senza la preventiva richiesta dell'agente (nonostante la giurisprudenza indicata). È stato inoltre concordato da un tribunale di bandire l’entrata in una città ad una persona indagata per un ipotetico crimine d'odio consistente nella trasmissione di un video in cui si affermava che avrebbe infettato la popolazione di quella città (nonostante il collegamento del suddetto reato con alcuni gruppi vulnerabili).

Il catalogo delle azioni dubbie può essere completato con annunci di possibile confinamento di persone infettate in alberghi o palazzetti dello sport, anche contro la loro volontà (senza specificare chiaramente quale sarebbe l'intervento giudiziario in questi casi). Oppure l'adozione di alcune misure di geolocalizzazione dei cittadini a tutela della salute pubblica, che, pur essendo attualmente praticate con il trattamento dei dati in forma anonima, comportano il rischio di un loro successivo utilizzo in contrasto con il diritto fondamentale alla privacy, che rende necessaria una particolare sorveglianza di questo tipo di iniziative.

Tutto questo ha un impatto importante sulle libertà. Anche se non possiamo condividere gli ammonimenti apocalittici sul fatto che il sistema democratico o lo Stato di diritto siano a rischio. Non dobbiamo nemmeno sottovalutare le gravi regressioni in termini di diritti che si stanno verificando, soprattutto perché la situazione di emergenza potrebbe prolungarsi. Tanto meno dovremmo ignorare il fatto che le regressioni tendono spesso a consolidarsi. Le giustificazioni che sostengono che ci troviamo in una situazione di eccezione non sono accettabili. I diritti sono costituiti in particolare per limitare il potere in situazioni di eccezionalità, poiché in circostanze ordinarie ci sono meno incentivi per gli eccessi dello Stato. Dobbiamo continuare a insistere sul fatto che è assolutamente possibile agire contro la pandemia nel massimo rispetto del nostro sistema di garanzie, diritti e libertà.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente sul blog di Rights International Spain.