La legge ceca lascia i minori accusati di reati senza tutela giuridica

I minori con età inferiore alla responsabilità penale non possono essere condannati e puniti per crimini. Tuttavia, gli atti che commettono richiedono una reazione. I diritti dei minori sotto ai 15 anni sono sufficientemente tutelati?

Immaginate che due bambini, Anna (13 anni) e David (16), siano sospettati di aver commesso un grave crimine. Vengono portati alla stazione di polizia per essere interrogati. La polizia non inizia a interrogare David finché non è garantito il suo diritto a un avvocato. L'avvocato della difesa informa David dei suoi diritti e interviene più volte durante l'interrogatorio. In base al suo consiglio, David decide di rimanere in silenzio sulla maggior parte delle domande.

La polizia sta cercando senza successo di contattare i genitori di Anna. Viene informata del suo diritto a ricevere assistenza legale da un avvocato di sua scelta, ma non è in grado di chiamare un avvocato da sola o di pagarne i servizi. Pertanto, l'interrogatorio viene effettuato solo in presenza di un assistente sociale dell'Autorità per la tutela sociale e legale dei minori, che non ha una formazione giuridica. Poiché Anna ha paura e vuole lasciare la stazione di polizia il prima possibile, firma una confessione.

Più tardi, durante il processo, la testimonianza di David non può essere usata, poiché la legge richiede che sia interrogato durante il processo. Inoltre, David e il suo avvocato difensore hanno la possibilità di contestare e interrogare tutti i testimoni dell'accusa. Al contrario, la testimonianza e la confessione di Anna vengono lette in tribunale durante il processo e lei non ha la possibilità di confrontarsi con tutti i testimoni, in quanto non ha questo diritto procedurale. Le dichiarazioni dei testimoni non presenti al processo vengono lette soltanto in aula.

Perché la polizia e il tribunale trattano Anna e David in modo diverso? La risposta potrebbe essere semplice e sorprendente. Mentre David ha 16 anni, cioè un minorenne con responsabilità penale (tra i 15 e i 18 anni), Anna è una minorenne sotto l'età della responsabilità penale (15), quindi nel suo caso non sono ammesse condanne, punizioni o procedimenti penali.

I minori di 15 anni possono essere privati della libertà, ma non godono delle stesse tutele dei minori e degli adulti.

Anche se i minori di 15 anni non possono essere ritenuti penalmente responsabili, possono testimoniare in tribunale ed essere soggetti a misure conseguenti. I procedimenti che coinvolgono minori di 15 anni accusati di atti criminali sono regolati principalmente dalla legge sulla giustizia minorile. Lo scopo del procedimento non è quello di punire il minore, ma di proteggere la società dal suo comportamento criminale, rispettando le sue esigenze e concentrandosi sulla sua riabilitazione, la sua protezione e la sua educazione. I bambini sono rappresentati da un tutore che è un avvocato, e i loro diritti e i loro interessi sono anche protetti dall'Autorità di protezione sociale e legale per i bambini e dai tutori legali, di solito i genitori.

Nonostante la natura del procedimento giudiziario per i minori di 15 anni, l'indagine è disciplinata dal Codice di Procedura Penale. Ciò significa che la polizia inizialmente si comporta con loro allo stesso modo che con i minori dai 15 anni in su o con gli adulti. Tuttavia, un bambino di età inferiore ai 15 anni non ha diritto all'assistenza legale dall'inizio della procedura (difesa legale obbligatoria), a differenza di un bambino di età superiore ai 15 anni. Più tardi, durante il processo, il tribunale che applica la procedura civile è autorizzato a basarsi sulle dichiarazioni scritte del minore e dei testimoni, poiché il minore non ha il diritto di confrontarsi con i testimoni e di interrogarli.

Sebbene i bambini non possano essere puniti per il loro comportamento criminale, i tribunali potrebbero imporre una delle sette misure. Le due più severe - l'educazione istituzionale protettiva e il trattamento istituzionale protettivo - comportano la privazione della libertà.

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha sottolineato che, a causa della vulnerabilità dei bambini, devono essere garantite loro queste tutele

Le tutele procedurali relative ai minori senza responsabilità penale sono state affrontate dalla Corte europea dei diritti dell'uomo ("la Corte") nella causa Blokhin contro la Russia. Il richiedente, un ragazzo russo di 12 anni, è stato temporaneamente collocato in un centro di detenzione per l'atto altrimenti criminale di estorsione. Egli ha lamentato alla Corte che il suo diritto a un processo equo, sancito dall'articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo ("la Convenzione"), era stato violato, in particolare il suo diritto a un'assistenza legale e il diritto di ottenere la presenza e l'esame dei testimoni.

Dopo aver analizzato i criteri formulati nella sentenza Engel e altri contro i Paesi Bassi, il tribunale ha concluso che la procedura del ricorrente deve essere determinata come un'accusa penale ai sensi della Convenzione. Pertanto, l'aspetto penale dell'articolo 6 della Convenzione era applicabile al caso e le garanzie legali di un processo penale avrebbero dovuto essere applicate. La Corte ha sottolineato che un minore non può essere privato di importanti garanzie procedurali solo perché tali procedimenti (che possono portare alla privazione della libertà) sono considerati per la tutela dei suoi interessi di minore e di autore di reato minorenne, e non al fine di penalizzarlo.

La Corte ha fatto riferimento a varie fonti internazionali, sottolineando la particolare vulnerabilità dei minori e affermando che a un minore al di sotto dell'età della responsabilità penale dovrebbero essere garantiti almeno gli stessi diritti e tutele legali degli adulti. La Corte ha ritenuto che vi sia stata una violazione dell'articolo 6 della Convenzione in quanto non è stato rispettato il diritto del richiedente all'assistenza legale e all'ottenimento della presenza e dell'esame dei testimoni.

Si spera che i bambini sotto i 15 anni abbiano diritto alle garanzie procedurali

Alla luce del caso Blokhin e dei summenzionati strumenti internazionali, le norme procedurali ceche nel caso di minori sotto i 15 anni per atti altrimenti criminali non sembrano essere conformi alle norme internazionali in materia di diritti umani. I minori di 15 anni potrebbero subire gravi conseguenze, tra cui la privazione della libertà, nonostante la mancanza di assistenza legale fin dall'inizio del procedimento e l'impossibilità di interrogare i testimoni in tribunale. Questi diritti sono garanzie procedurali fondamentali di un processo equo.

Inoltre, se torniamo ad Anna e David e confrontiamo le regole di procedura legale per i minori inferiori ai 15 anni e per i minorenni superiori ai 15, cominciamo a chiederci se le regole per i minori inferiori ai 15 anni siano discriminatorie. Nonostante il fatto che le misure educative e il trattamento protettivo possano essere imposti ad entrambi i gruppi, il che significa che questi gruppi sono comparabili, solo quelli sopra i 15 anni hanno garanzie procedurali.

In questo articolo non abbiamo discusso delle garanzie procedurali nel caso di imputati adulti. Ma un processo per adulti è inimmaginabile senza il diritto di interrogare i testimoni in tribunale. Inoltre, l'assistenza legale è richiesta in ogni processo per un reato (non per violazioni) nella fase di pre-inchiesta e in altri casi previsti dalla legge.

Gli aspetti problematici della norma sono stati esaminati in dettaglio da vari gruppi di esperti. Purtroppo le loro critiche e raccomandazioni non sono state ascoltate. Alcune carenze procedurali sono state affrontate nella denuncia collettiva che la Commissione internazionale dei giuristi contro la Repubblica Ceca ha presentato al Comitato europeo dei diritti sociali nel 2017.

È auspicabile che la decisione del Comitato si traduca in una modifica del regolamento e che i minori di 15 anni abbiano finalmente un adeguato livello di tutela procedurale.

Eliška Hronová lavora presso l'Ufficio dell'agente del governo ceco davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo