Le ONG aiutano coppie dello stesso sesso ai quali figli è stata rifiutata la cittadinanza polacca

Diverse organizzazioni internazionali sono intervenute in una causa della Corte europea dei diritti dell'uomo dopo che le autorità polacche hanno negato la cittadinanza polacca ai figli di una coppia dello stesso sesso, uno dei quali è cittadino polacco.

Il Comitato Helsinki per i diritti umani (HFHR) ha presentato alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) un rapporto amicus curiae su un caso riguardante la conferma della cittadinanza polacca per i figli di una coppia omosessuale. Ha presentato questo rapporto insieme alla Regione Europea dell'Associazione Internazionale Lesbica, Gay, Bisessuale, Trans e Intersex (ILGA-Europe), alla Rete delle Associazioni Famiglie LGBTIQ* europee (NELFA), alla Rete Internazionale dei Diritti dell'Infanzia (CRIN) e alla Società Polacca di Diritto Antidiscriminazione.

Figli di un genitore polacco cui è stata rifiutata la cittadinanza polacca

I bambini sono nati negli Stati Uniti nel 2010 da una madre surrogata. In conformità con una sentenza di un tribunale americano, ai due partner maschi è stata approvata la genitorialità naturale dei bambini. Uno degli uomini, di nazionalità polacca, è anche il padre biologico.

Nel 2012, i genitori hanno avviato un procedimento legale per confermare la cittadinanza polacca per i loro figli. Ai sensi della legge sulla cittadinanza polacca, una persona può acquisire la cittadinanza polacca se, tra le altre cose, almeno uno dei genitori è cittadino polacco. Tuttavia, in questo caso, il governatore della provincia di Mazovia ha rifiutato di confermare la cittadinanza dei bambini. Tale decisione è stata successivamente confermata dal ministro dell'Interno e dai tribunali amministrativi. Gli organi amministrativi e i tribunali hanno deciso che, i certificati di nascita stranieri di bambini che nominano persone dello stesso sesso come i genitori, non hanno alcun effetto giuridico in Polonia. Secondo le autorità polacche, il riconoscimento dei genitori dello stesso sesso violerebbe i principi fondamentali dell'ordinamento giuridico polacco.

All'indomani dei procedimenti nazionali, i genitori hanno presentato una domanda alla Corte europea dei diritti dell'uomo, lamentando che il rifiuto di confermare la cittadinanza polacca dei bambini violava il loro diritto al rispetto della vita privata e familiare (Articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo) e il divieto di discriminazione in base all'orientamento sessuale (Articolo 14 della CEDU).

I diritti del bambino in primo piano, non l'orientamento sessuale dei genitori

Nel rapporto presentato alla Corte, le organizzazioni hanno osservato che il caso dovrebbe essere considerato alla luce della Convenzione sui diritti del fanciullo, che stabilisce che, nel caso che riguarda i bambini, le autorità dovrebbero essere guidate nel migliore interesse del bambino. Inoltre, la Convenzione vieta la discriminazione dei bambini sulla base della nascita. Allo stesso tempo, essa richiede che sia rispettata l'identità del bambino, che comprende la nazionalità, il cognome e i rapporti familiari. Gli autori del rapporto amicus curiae hanno sottolineato che questo caso non va visto nel contesto della legalizzazione delle unioni omosessuali o della procedura di maternità surrogata, ma come una questione di diritti dei bambini. Le organizzazioni hanno inoltre preso atto di un recente parere consultivo della Corte europea dei diritti dell'uomo su un caso francese relativo alla trascrizione del certificato di nascita di un bambino nato da una madre surrogata. Nel suo parere su questo caso, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha ritenuto che l'interesse superiore del bambino esige che il diritto nazionale preveda la possibilità di riconoscere la relazione tra un bambino nato da una madre surrogata e una donna iscritta in un registro di nascita straniero come sua madre, o una madre legale. Anche in questo caso l'HFHR ha presentato un parere amicus curiae. All'epoca, il Comitato ha sostenuto che, di norma, un certificato di nascita dovrebbe essere trascritto sia per il padre che per la madre surrogata.

Nel caso della Polonia, le organizzazioni hanno presentato osservazioni sulle pratiche giudiziarie relative ai casi di figli di coppie omosessuali in altre giurisdizioni. Ad esempio, i tribunali di Spagna, Italia, Germania e Repubblica ceca hanno ammesso la trascrizione di certificati di nascita di bambini nati a seguito di un accordo di maternità surrogata o hanno confermato i diritti dei genitori dello stesso sesso, invocando l'interesse superiore del bambino come base delle loro decisioni.

I tribunali amministrativi polacchi hanno iniziato a pronunciarsi a favore delle coppie dello stesso sesso

Nel 2018 la Corte suprema amministrativa polacca ha stabilito che era necessario confermare la cittadinanza polacca dei figli di una coppia omosessuale nata da un accordo di maternità surrogata. Il Tribunale amministrativo supremo ha sottolineato che per stabilire lo status giuridico di un bambino, che include la conferma della cittadinanza polacca, è irrilevante se il bambino è nato da una madre surrogata, perché il bambino è essere umano che è dotato di dignità naturale e inalienabile e ha il diritto di cittadinanza se uno dei genitori è cittadino polacco.

Sempre nel 2018, il Tribunale amministrativo supremo si è pronunciato sull'ammissibilità della trascrizione di un certificato di nascita straniero che elenca due donne come genitori del bambino. Il CAS ha ritenuto che l'obbligo di trascrivere un certificato di nascita, effettuato al solo scopo di proteggere i diritti del bambino e di certificarne l'identità, non è in contrasto con i principi fondamentali dell'ordinamento giuridico polacco. Inoltre, se la trascrizione fosse rifiutata, ciò comporterebbe una violazione del diritto comunitario e delle norme internazionali a tutela dei diritti dei minori.

Queste sentenze costituiscono un allontanamento dalla precedente linea di ragionamento giudiziario sfavorevole per i figli di coppie omosessuali. L'HFHR ha preso parte ad entrambi i procedimenti quale parte contraente.