La studentessa iraniana accusata di non aver rispettato la quarantena sarà espulsa dall'Ungheria

Due sorelle iraniane, studentesse di medicina, sono state accusate di aver violato le norme sulla quarantena. Sebbene le accuse penali siano state ritirate, una di esse sta per essere espulsa. L'HCLU la sostiene.

Negli ultimi anni, il governo ungherese ha speso miliardi di fiorini per finanziare programmi di borse di studio, attirando migliaia di studenti stranieri nelle università ungheresi. Gli studenti iraniani rappresentano un'ampia percentuale di borsisti extracomunitari, superata solo dagli studenti cinesi. Ma sono anche oggetto della xenofobia che definisce la politica del governo di Viktor Orbán. All'inizio della pandemia, gli studenti iraniani in Ungheria erano il capro espiatorio, con diverse dichiarazioni ufficiali che sostenevano di essere stati i primi ad essere infettati nel paese e di aver poi sfidato le misure antiepidemiche.

Le sorelle iraniane accusate di aver violato la quarantena non hanno mai lasciato l'unità a cui erano state assegnate

Le autorità ungheresi hanno approvato l'espulsione di più di una dozzina di studenti stranieri, tra cui una ragazza iraniana, che, insieme alla sorella gemella, è stata oggetto di un procedimento penale. Dopo 10 anni di vita in Ungheria, dove avevano completato gli studi di scuola superiore, entrambe studiavano farmacia all'Università di Semmelweis. Il 6 marzo le gemelle sono state costrette all’obbligo di quarantena perché erano state in contatto con due studenti di medicina iraniani che erano risultati positivi al COVID-19. Alla fine della quarantena, le sorelle hanno lasciato l'ospedale dopo che il test è risultato negativo. Tuttavia, è stato poi avviato un procedimento penale nei loro confronti. Sono state accusate di aver lasciato il reparto a cui erano stati assegnate e di aver rifiutato di ritornarvi su richiesta delle infermiere il 7 marzo.

L'Unione ungherese per le libertà civili (HCLU), che ha offerto loro un assistenza legale, ha presentato una denuncia sostenendo che le accuse erano infondate. La polizia non ha fornito alcuna prova dell’abbandono del reparto da parte delle gemelle, né ha specificato chi ha chiesto loro di tornare. L'accusa si basava sul presupposto che le studentesse avessero violato una decisione relativa al confinamento a causa della pandemia, che è stata loro comunicata solo in ungherese, il che è contro le regole, e quindi deve essere considerata come ‘non avvenuta’. Inoltre, la decisione non diceva nulla sul reparto. A loro era solo proibito lasciare l'unità ospedaliera. Infatti, non hanno mai lasciato l’unità, e hanno detto di aver lasciato il reparto a cui erano state assegnate solo due volte: una volta quando un agente della polizia dell'immigrazione ha fatto un appello per gli stranieri in ospedale, dal corridoio, e in un'altra occasione quando sono state trasferite in un altro reparto.

La decisione di espulsione non avrebbe dovuto essere presa in quanto il procedimento penale è stato ritirato

Il 7 marzo è entrato in vigore un decreto governativo che stabilisce che il mancato rispetto delle norme di quarantena è un reato penale. Secondo il diritto penale ungherese, nel determinare un'azione, si deve applicare la norma esistente. Ciò implica che con la sua decisione del 20 maggio, la Procura ha effettivamente bloccato il procedimento penale.

Tuttavia, l'Ufficio Immigrazione aveva già preso la decisione di espellere una delle donne il 24 aprile, in quanto sospettata di aver commesso un reato, e le aveva vietato di entrare o rimanere in Ungheria per tre anni. Infatti, poiché il procedimento penale è stato ritirato dalla Procura, questo sospetto non era più valido. L'HCLU ha quindi fatto ricorso contro la decisione, piena di violazioni. Il ricorso verrà discusso dal tribunale della capitale nei prossimi giorni.