La CEDU condanna la Romania per aver rifiutato di fornire istruzione a un detenuto

In una prigione rumena, con la scusa dei costi è stato rifiutato l'accesso all'istruzione secondaria ad un detenuto. Leggi le conclusioni del caso relativo alla CEDU sulla garanzia di accesso all'istruzione per i detenuti.

Il 19 marzo la CEDU (Convenzione europea dei diritti dell’uomo) ha stabilito che lo stato rumeno aveva violato il diritto all'istruzione di Marian Flămânzeanu, un detenuto, come previsto dall'Articolo 2 del Protocollo n.1 della Convenzione.

Negata l’istruzione secondaria al detenuto

Nel 2008, Marian Flămânzeanu, 27 anni, è stato mandato in prigione per furto. È stato incarcerato nella prigione di Rahova dove ha frequentato corsi equivalenti agli ultimi due anni di istruzione primaria, che ha concluso nel 2009.

Nel 2010 è stato trasferito nella prigione di Jilava dove ha fatto numerose richieste per iniziare la sua istruzione secondaria. Il carcere ha avviato discussioni con l'Ispettorato scolastico, ma alla fine è giunto alla conclusione che, a causa del numero limitato di detenuti idonei, non era possibile avviare classi secondarie speciali.

A Flămînzeanu fu permesso di presentarsi davanti al giudice delegato dalla prigione, lamentando che il suo diritto all'istruzione era stato violato. Il giudice ha respinto la sua richiesta in quanto infondata, sostenendo che l'amministrazione carceraria aveva fatto il possibile, ma non poteva fornire un insegnante per un singolo studente. Il signor Flămînzeanu ha fatto ricorso contro tale decisione dinanzi al Tribunale di Bucarest, che a sua volta ha respinto la richiesta.

Nel 2011, mentre era ancora in detenzione, Marian Flămînzeanu ha scritto all'APADOR-CH (Association for the Defense of Human Rights in Romania – the Helsinki Committee), chiedendo aiuto per scrivere alla CEDU. Il caso è stato preso in carico da Nicoleta Popescu, un avvocato dell'APADOR-CH.

Il governo rumeno ha detto di aver fatto tutto il possible

Flămînzeanu ha puntato sulla legge 84/1995, che stabilisce che l'istruzione è obbligatoria fino al 10 ° grado, e sulla legge 275/2006, sull'esecuzione delle pene, che stabilisce anche il diritto dei detenuti di seguire corsi di istruzione obbligatoria durante la detenzione. Ha anche sottolineato l'importanza del ruolo dell'istruzione nella ricerca di un lavoro una volta scarcerato.

Il governo rumeno si è difeso di fronte alla Corte europea affermando che gli Stati hanno molta libertà quando si tratta di organizzare i loro sistemi educativi, e che in gran parte dipende dai bisogni e dalle risorse della comunità in questione. Nel caso in questione, lo stato ha sostenuto di aver tentato di fornire opportunità educative, ma assicurare un insegnante per un numero di tre a cinque detenuti sarebbe stato troppo costoso.

Regole della CEDU a favore del richiedente

La CEDU ha ammesso che il diritto all'istruzione non è assoluto, ma ha osservato che le autorità rumene non hanno adottato misure sufficienti per trovare soluzioni per il caso di Flămânzeanu.

La Corte ha ritenuto non convincenti le argomentazioni fornite dal governo e, sulla base delle prove presentate, ha stabilito che il rifiuto di iscrivere il richiedente all'istruzione secondaria non aveva un motivo legittimo e proporzionato.

La Corte ha quindi riscontrato in questo caso una violazione dell'Articolo 2 del Protocollo n. 1 che stabilisce che a nessuno è negato il diritto all'istruzione. Marian Flămînzeanu ha ricevuto 2.000 euro di danni.