La nostra salute dipende dalla salute di tutti, anche dei nuovi arrivati

Per superare la pandemia, dobbiamo tutti ricevere le cure mediche necessarie, indipendentemente da dove viviamo. Tuttavia, il governo greco sta impedendo che ciò sia possibile per coloro che vivono nei campi profughi. Non deve essere per forza così.

La pandemia ha fatto capire che la nostra salute dipende da quella degli altri: che si tratti della persona della porta accanto che vive in casa, in città o in campagna. Siamo tutti interconnessi e l'unico modo per fermare la diffusione del virus e mantenerci al sicuro è che tutte le persone ricevano le stesse cure e lo stesso sostegno, indipendentemente da dove viviamo.

Questo include le persone che vivono in spazi ristretti. Che si tratti di case di cura per disabili o anziani, di ricoveri per senzatetto, di carceri, di ospedali o di campi che ospitano i nuovi arrivati e i richiedenti asilo.

Tutti sanno che per evitare che il virus si diffonda, dobbiamo mantenere una distanza fisica minima, lavarci le mani e isolarci se abbiamo dei sintomi. Se si vive in uno spazio affollato può essere difficile prendere queste precauzioni. In altre parole, il rischio che il virus si diffonda è maggiore. Il governo greco ha reso impossibile a migliaia di persone nei campi di prendere queste precauzioni.

Il governo greco sta mettendo a rischio le persone

Si tratta di donne, uomini e bambini che hanno dovuto fuggire dalle loro case - a causa della guerra, della carestia o perché perseguitati dai loro governi. I nuovi arrivati vogliono la stessa cosa di tutti gli altri. Un luogo sicuro in cui vivere, un lavoro per sostenere le proprie famiglie e una comunità a cui partecipare. La pandemia ci ricorda ancora una volta che siamo tutti umani.

Il governo greco tiene oltre 20.000 persone all'interno del campo di Moria, un campo costruito per ospitare 3.000 persone. All'interno, le persone dormono in tenda e vivono in condizioni di sovraffollamento. È impossibile mantenere una distanza fisica sicura tra le persone, e non c'è spazio per isolarsi se qualcuno si infetta. Inoltre, il governo non ha fornito un modo per lavarsi le mani all'interno del campo. C'è solo un rubinetto ogni 1.300 persone e non è disponibile il sapone.

Il governo greco sta anche aumentando il rischio che la gente muoia se prende il virus. Sappiamo che se si è in buona salute, è meno probabile che si muoia a causa del virus, ma molte delle persone nel campo hanno fatto viaggi molto lunghi e difficili e non vengono forniti cibo e acqua a sufficienza. Molte persone vivono in queste condizioni da mesi, il che significa che molti di loro non sono in buona salute. Inoltre, non ci sono abbastanza medici, infermieri, medicinali o attrezzature mediche.

Non deve essere per forza così

Dal 2015, il governo greco ha ricevuto più di 2 miliardi di euro dall'UE per assistere le persone provenienti da fuori Europa in cerca di sicurezza. Avrebbero potuto usare questa somma per garantire condizioni di vita umane nei suoi campi. Ciò significa: cibo e acqua a sufficienza, medici e infermieri, medicine e attrezzature.

Al posto delle tende, il governo potrebbe fornire alloggi con pareti solide. E invece di costringere così tante persone in spazi così ristretti, potrebbe fornire più spazio. Entrambe queste cose permetterebbero alle persone di mantenere la loro distanza fisica, contribuirebbero a fermare la diffusione del virus e a limitare la morte delle persone che ne sono affette. Il governo greco ha iniziato a fare alcune di queste cose dopo aver chiesto un maggiore aiuto all'UE, ma i cambiamenti si stanno attuando molto lentamente.

Oltre a rendere i campi abitabili, le autorità devono garantire che le persone non rimangano intrappolate lì per così tanto tempo. Questo è qualcosa in cui altri governi europei potrebbero dare una mano. Ad esempio, accogliendoli nei loro paesi, affinché possano iniziare una nuova vita. Purtroppo, molti governi europei non permettono ai rifugiati di lasciare la Grecia e di recarsi nei loro paesi.

Dobbiamo sostenerci a vicenda

La salute di tutti dipende da quella di tutti gli altri. Ovunque viviamo, il nostro governo dovrebbe fornirci le cure e il sostegno di cui abbiamo bisogno per rimanere sani durante la pandemia. Ciò significa garantire che le persone vivano in un luogo adeguato, con un'igiene, forniture e cure mediche adeguate. Il governo greco deve fare in modo che questa diventi una realtà in campi come Moria e altri governi europei devono aiutarlo.