La Casa dei Diritti Umani apre a Bruxelles grazie ad una campagna di crowdfunding

La campagna di crowdfunding lanciata dalla Lega belga per i diritti umani (LDH) e dalla Liga voor mensenrechten (Liga) per creare una Casa dei diritti umani a Bruxelles si è conclusa lunedì 5 ottobre superando il suo obiettivo.

Situata a Molenbeek, la periferia della capitale belga, la Casa dei Diritti Umani (la Maison des droits humains) sarà un punto di riferimento dedicato alla promozione dei diritti fondamentali. Le ONG dovevano raccogliere 550.000 del totale di 1.3 milioni di euro per il progetto. Tre mesi dopo l'inizio, la campagna ha superato il suo obiettivo: grandi notizie per la tutela dei diritti e delle libertà in Belgio.

I finanziamenti sono arrivati dalla campagna su Internet e da alcuni grandi donatori

Quasi la metà dei 550.000 euro raccolti è stata raccolta attraverso il sito web del crowdfunding. "Siamo molto felici di essere riusciti a raccogliere una tale quantità di denaro attraverso una campagna di crowdfunding. Dobbiamo il nostro successo a tutte le persone che ci hanno sostenuto. Più di 230 persone hanno creato siti web per sostenere la campagna di finanziamento e mobilitato la loro rete. Più di 3.000 persone e istituzioni del Paese hanno fatto donazioni. Questo sostegno invia un messaggio forte e dimostra che il rispetto dei diritti e delle libertà è ancora in grado di mobilitare le persone", hanno spiegato le ONG.

I rimanenti 290.000 euro sono stati donati da importanti donatori privati, istituzioni e organizzazioni, oltre a un prestito bancario. Il progetto è stato completato grazie a Brigitte e Michel Visart, la cui figlia Lauriane è stata uccisa negli attentati terroristici di Bruxelles del 22 marzo 2016. Hanno sostenuto attivamente questo progetto fin dall'inizio. Il progetto ha ricevuto anche un sostegno finanziario eccezionale dal Gruppo P&V, Solidaris (National Union of socialist mutual insurances) e Socialistische Mutualiteiten.

Le organizzazioni che hanno sostenuto la campagna

Durante tutta la campagna, la Casa dei Diritti Umani ha ricevuto il sostegno di molte organizzazioni e aziende, tra cui: l'Ordine degli Avvocati di Bruxelles, l'Université Libre de Bruxelles (ULB), la Centrale Générale - FGTB, Talitha Koum, Linklaters, Cromwell e Moring, lo studio legale Vergauwen, Stay@Home, Jump, Senior Montessori, l'Unione degli Avvocati per la Democrazia (Syndicat des avocats pour la démocratie), Avocats. be, Femmes Prévoyantes Socialistes de Liegi, Territoires de la mémoire, Libre Examen, Ilôt, Barricade e la sezione belga dell'Osservatorio penitenziario internazionale.

Una casa per i diritti umani in Belgio

Dopo 40 anni di lotta per i diritti in molte città belghe, LDH e Liga lavoreranno sotto lo stesso tetto. La Casa dei diritti umani, che aprirà le sue porte nell'autunno del 2021, ospiterà anche l'ufficio europeo della Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH).

"Ringraziamo di cuore tutte le persone che hanno sostenuto questo progetto e che hanno reso possibile la Casa dei Diritti Umani. Siamo molto felici di poterli accogliere e di poter lavorare insieme, sotto lo stesso tetto, verso un obiettivo comune: una maggiore tutela dei diritti e delle libertà di tutti", hanno concluso le ONG.

Il sito web del crowdfunding non verrà chiuso immediatamente. Sarà comunque possibile effettuare donazioni al progetto fino al 5 novembre 2020 sul sito web e successivamente sulle pagine della LDH e della Liga.