Il nuovo Patto sull'immigrazione e l’asilo: Un'opportunità colta o sprecata?

Dopo che per anni l’asilo e la migrazione erano trattati in modalità di crisi, crediamo che il Patto sull'immigrazione e l’asilo proposto sia un’opportunità per l’UE e i suoi Stati membri per cambiare direzione.

Con questo nuovo Patto, l'UE e gli Stati membri hanno l'opportunità di sviluppare una politica razionale in materia di asilo e immigrazione basata sul rispetto dei diritti fondamentali. La recente cooperazione tra gli Stati membri suggerisce che è possibile un nuovo inizio e che questo potrebbe basarsi sulle lezioni apprese dal recente tentativo fallito di riformare il Sistema comune europeo di asilo (CEAS). Tuttavia, il Patto potrebbe benissimo preparare il terreno per minare le proposte legislative, e in particolare quello che è stato definito lo "strumento di frontiera".

Niente più vino vecchio in botti nuove

Alcuni Stati membri dell'UE continuano a promuovere l'idea di procedure obbligatorie "di frontiera" attraverso testi e altri contributi informali. Estrapolando da questi documenti e dibattiti, possiamo vedere che il potenziale "strumento di frontiera" riunirebbe gli elementi peggiori e più controversi del programma di riforma del CEAS 2016 combinando parti della direttiva sulle procedure d'asilo, del regolamento Dublino IV e della riformulazione della direttiva sul rimpatrio.

La procedura si applicherebbe a chiunque arrivi nell'Unione europea e chieda protezione e porterebbe a un'espansione massiccia dei centri di detenzione alle frontiere. Il testo sarebbe troncato, con molte salvaguardie eliminate, ma richiederebbe comunque la creazione di infrastrutture giudiziarie nei centri di frontiera. Potrebbe essere combinato con nuove proposte di concetti obbligatori per i paesi sicuri e i paesi di primo asilo, che ostacolerebbero l'accesso alla protezione internazionale in Europa, contribuirebbero al confinamento dei rifugiati in altre regioni e minerebbero gli sforzi per raggiungere una più equilibrata condivisione delle responsabilità per gli sfollati a livello globale.

La limitazione dei diritti e il crescente ricorso alla detenzione non sono una soluzione al problema

L'introduzione di procedure accelerate obbligatorie "alla frontiera" non consentirebbe un esame equo ed efficiente delle richieste di protezione internazionale. È improbabile che tutti i rischi di respingimento possano essere adeguatamente valutati nell'ambito di tale procedura e molte versioni del piano limitano in modo significativo il diritto a un rimedio efficace. Inoltre, ciò porterà a un forte aumento del numero di persone detenute, che sarà lungo quanto la durata delle procedure di richiesta di asilo e di ricorso. Qualsiasi proposta che limiti l'accesso a una procedura di asilo equa ed efficace deve essere respinta.

Presentare le procedure di frontiera come una ricetta miracolosa per curare tutti i mali dell'attuale sistema di asilo europeo è disonesto. Al contrario, aggraverà molti dei difetti e riprodurrà solo la situazione a cui stiamo assistendo attualmente nelle isole greche. Inoltre, rafforza, piuttosto che riequilibrare, le responsabilità sproporzionate dei paesi ai confini dell'Unione. Mentre attualmente si sta cercando di ottenere una qualche forma di sostegno proponendo misure di "solidarietà", come la distribuzione delle persone le cui domande sono ritenute ammissibili, ciò non compenserà il fatto che dobbiamo allestire e gestire enormi carceri per le persone che arrivano in Europa.

Tra le altre preoccupazioni relative al Patto vi è il rischio che esso si concentri esclusivamente sul rimpatrio. In effetti, sarebbe difficile per l'UE investire più risorse di quanto non faccia già per i ritorni dei migranti. Questa attenzione sproporzionata ai rimpatri è dannosa e controproducente, e va anche a scapito degli investimenti che potrebbero essere fatti in procedure di asilo e di ricorso eque ed efficaci. Lo stesso vale per gli sforzi in corso per trasferire le responsabilità ai paesi terzi attraverso accordi informali o aiuti allo sviluppo strumentali, al fine di raggiungere gli obiettivi dell'UE in materia di controllo delle migrazioni.

Cogliendo l'opportunità presentata dal Patto: concentrarsi sul rispetto dei diritti...

La chiave per far funzionare l'asilo in Europa è garantire un maggiore rispetto delle leggi esistenti in materia di asilo, non una riforma (ad eccezione del Regolamento Dublino III). Tra le lacune significative nell'applicazione delle leggi esistenti che devono essere colmate immediatamente vi sono: strutture di accoglienza inadeguate, ostacoli alla registrazione, mancanza di specifiche garanzie procedurali, la "lotteria dell'asilo" derivante da un processo decisionale scarso e incoerente e l'uso pericoloso e inefficace del regolamento di Dublino. Inoltre, la pratica diffusa dei respingimenti alle frontiere dell'UE deve cessare.

La Commissione europea deve affrontare queste carenze monitorando la conformità, valutando la legislazione, emettendo le linee guida per promuovere la corretta attuazione e, se del caso, avviando procedure di applicazione e di infrazione.

... e riformare dove necessario: il regolamento di Dublino

Altri protagonisti europei sono pronti a riconoscere che il regime di Dublino di ripartizione delle responsabilità è fallito, e questo è promettente. Il Patto potrebbe servire come base per avviare un significativo processo di riforma. La proposta del regolamento di Dublino IV non ha risolto il principale difetto del regolamento di Dublino: al primo paese di arrivo viene assegnata la responsabilità per difetto. Pertanto, non rappresenta una buona base di discussione. Tuttavia, esistono diverse proposte di alternative al regolamento di Dublino che prevedono una profonda revisione del sistema, necessaria per una possibile riforma degna di questo nome. Queste proposte devono essere messe sul tavolo se si vuole trovare una soluzione che sia equa, sostenibile e umana.

Allo stesso tempo, il margine di discrezionalità lasciato ai paesi membri nell'ambito di Dublino III significa che essi possono fare scelte politiche per applicare le regole in modo più umano e rispettoso dei diritti, attenuando al tempo stesso le difficoltà derivanti dalla sproporzionata condivisione delle responsabilità che il sistema comporta. Il semplice rispetto della gerarchia stabilita nei regolamenti sarebbe un passo avanti verso il miglioramento della situazione dei rifugiati in Europa. In primo luogo, la priorità dovrebbe essere data al ricongiungimento familiare. In secondo luogo, le domande di trasferimento dovrebbero essere limitate, soprattutto quando sono destinate a fallire, lasciando gli individui in un limbo legale e vincolando le risorse giudiziarie. Infine, si tratta anche di utilizzare clausole discrezionali (di sovranità e umanitarie) nell'interesse dei rifugiati e di promuovere la solidarietà assumendosi le proprie responsabilità, ove possibile. Possono essere attuate anche altre misure a breve termine per far fronte all'impatto negativo del sistema, come la ricollocazione dei rifugiati o l'utilizzo di fondi UE in linea con le esigenze di coloro che arrivano.

Ampliare i percorsi verso l'UE e sostenere l'inclusione attraverso i diritti

Con l'obiettivo di far funzionare l'asilo in Europa, il Patto dovrebbe anche includere un aumento su larga scala dei canali sicuri e legali in modo che le persone che fuggono da persecuzioni, guerre e conflitti o che si spostano per altri motivi possano raggiungere la sicurezza senza dover fare affidamento sui contrabbandieri. Un forte accento sull'inclusione in Europa, attraverso i diritti, il rispetto e la regolarizzazione è importante quanto il funzionamento dei sistemi di asilo.

Mentre "l'integrazione" è una responsabilità nazionale, c'è un ruolo per l'UE: la revisione del Piano d'azione dell'UE sull'integrazione dei cittadini di paesi terzi è un'opportunità; un altro è un finanziamento significativo e circoscritto per l'inclusione nel prossimo bilancio dell'UE (QFP 2021-2027). Tra i diritti fondamentali in cui l'UE potrebbe svolgere un ruolo specifico figurano il diritto al lavoro, che dovrebbe includere la lotta contro lo sfruttamento del mercato del lavoro, e il diritto all'alloggio per tutti per affrontare le situazioni di indigenza e di mancanza di una casa. Affrontare le vergognose crisi umanitarie in Europa, che derivano dalla negazione dei diritti - all'alloggio, all'assistenza sociale - di coloro che si spostano, avrebbe anche un ruolo nell'affrontare la paura pubblica legata all'asilo.

Il percorso: Sviluppare il Patto

Le discussioni sullo sviluppo di proposte politiche e legislative dovrebbero includere molti più attori rispetto ai soli Ministeri degli Interni, come tutti i ministeri competenti, le agenzie di attuazione delle politiche, la società civile nel senso più ampio del termine, e in particolare i rifugiati e i migranti. Sosteniamo un processo di consultazione che includa sia le ONG che le imprese, i sindacati, le autorità locali e il mondo accademico, come richiesto in una lettera congiunta firmata da molte ONG nel gennaio 2020.

Un Patto per l'Europa inizia in Europa

Questo patto rappresenta un'opportunità per migliorare il sistema di asilo in Europa, per espandere il numero di canali legali per l'immigrazione e per mobilitare il sostegno dell'UE per l'inclusione. Rappresenta un'opportunità per l'UE di mantenere gli impegni assunti nell'ambito del Patto globale sui rifugiati e del Patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare, attuandoli in Europa. Ciò significa concentrare i propri sforzi su quanto sta accadendo in Europa e non continuare a esternalizzare le responsabilità, con accordi che minano lo stato di diritto e i diritti umani, i valori su cui l'UE è stata fondata.

Firmatari:

Aditus Foundation
Amnesty International
Arbeiterwohlfahrt Bundesverband e.V.
ARSIS – Association for the Social Support of Youth
AsyLex
Bulgarian Helsinki Committee (BHC)
Caritas Europa
CCME
Centre for Peace Studies Zagreb
Conselho Português para os Refugiados – CPR (Portuguese Refugee Council)
Consiglio Italiano per i Rifugiati – CIR
Cyprus Refugee Council
Der Paritätische Gesamtverband
DRC Danish Refugee Council
Dutch Council for Refugees/VluchtelingenWerk Nederland
ECRE
Estonian Refugee Council
Finnish Refugee Advice Centre
FOCSIV, Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario (partner del progetto “Volti delle Migrazioni – Faces of Migration”)
Forum réfugiés-Cosi
France terre d’asile
Fundación Cepaim acción integral con migrantes
Greek Council for Refugees (GCR)
Helsinki Foundation for Human Rights
Hungarian Helsinki Committee
ICMC Europe
International Rescue Committee (IRC)
Irish Refugee Council
JRS Europe
Legal-Informational Centre for NGOs, Slovenia – PIC
Missing Children Europe
Mobile Info Team
Network for Children’s Rights
NRC
OPU – Organizace pro pomoc uprchlíkům.
Passerell
Platform for International Cooperation on Undocumented Migrants (PICUM)
Pro Asyl
Saferworld
SB OverSeas
SolidarityNow
Verein Projekt Integrationshaus

Vluchtelingenwerk Vlaanderen