Slovenia: Il nuovo governo prende di mira le ONG e i media

Nel primo mese del terzo governo guidato da SDS e Janez Janos, il Servizio per la comunicazione istituzionale ha assunto un ruolo centrale nella ricerca dei soliti sospetti del partito al potere: ONG, media e giornalisti.

"È iniziata una nuova ondata di repressione delle organizzazioni non governative" e "Sotto il mantello della lotta al coronavirus, il denaro da sottrarre alle organizzazioni non governative" sono i titoli di due recenti articoli dei quotidiani sloveni Delo e Dnevnik. Il tono allarmante rispecchia il recente tentativo di un organo governativo di bloccare il finanziamento a progetti gestiti da organizzazioni non governative slovene. Questi progetti sono già stati approvati e mirano a sensibilizzare i gruppi vulnerabili, tra cui i rifugiati, i lavoratori migranti e le vittime del traffico di esseri umani. Promuovono anche l'alfabetizzazione mediatica e mirano a contrastare la disinformazione. Inoltre, gli articoli collegano la situazione all'agenda del SDS, il partito di destra al governo, e alla retorica dei funzionari e dei media del partito, che dipingono sistematicamente le organizzazioni non governative come parassiti di sinistra che devono essere tagliati dai finanziamenti pubblici.

È chiaro chi saranno i bersagli degli attacchi del nuovo governo

In Slovenia, il nuovo governo, guidato dal primo ministro Janez Janša, e dominato dal suo partito di destra SDS, è salito al potere il 13 marzo 2020, solo un giorno dopo l'annuncio ufficiale dell'epidemia di coronavirus nel paese. Ha sostituito il governo di minoranza di centro-sinistra dopo le dimissioni dell'ex primo ministro Marjan Šarec. Questo è il terzo mandato di Janša come primo ministro. L'agenda politica attuata negli anni in cui il partito era al potere, ma anche quando era all'opposizione, ha posto le basi su chi saranno gli obiettivi delle sue politiche repressive e della sua retorica diffamatoria questa volta.

Nel primo mese del governo di Janša, il Servizio per la comunicazione istituzionale ha assunto un ruolo centrale nella ricerca dei soliti sospetti del partito al potere: ONG, media e giornalisti. Allo stesso tempo Janša ha usato il suo account Twitter per attaccare le sue prede.

Il governo cerca di recuperare le sovvenzioni concesse alle ONG sostenendo che i soldi servono per combattere il Covid-19

L'innesco di questi attacchi è stato di 107.000 euro che, nel corso del precedente governo, il Servizio per la comunicazione istituzionale ha concesso a 15 organizzazioni non governative per 16 progetti con budget che vanno dai 5.000 ai 9.000 euro. Uno di questi progetti serviva a informare gli studenti delle scuole superiori sui molteplici aspetti della migrazione e a incoraggiare la solidarietà, che comprendeva workshop in cui giovani migranti, rifugiati e richiedenti asilo tenevano discorsi. Il progetto, che ha un budget di 7.000 euro, è il proseguimento di precedenti azioni simili del The Peace Institute - Istituto di studi sociali e politici contemporanei, un istituto di ricerca non governativo che è stato spesso oggetto di campagne diffamatorie da parte dei media affiliati alla SDS e dei funzionari e sostenitori del partito. I contratti per il finanziamento dei progetti erano già stati firmati, ma il nuovo direttore dell'ufficio governativo ha inviato a tutti loro un allegato per la rescissione dei contratti. L'ufficio governativo ha cercato di spiegarlo sostenendo che durante la pandemia di coronavirus il denaro è necessario per altri scopi, mentre le attività del progetto delle organizzazioni non governative non possono comunque essere realizzate a causa dell'isolamento. Diverse organizzazioni non governative si sono opposte pubblicamente a questa misura, mentre il CNVOS, la rete nazionale di ONG, ha consigliato ai suoi membri di non firmare l'allegato. Il Primo Ministro ha usato i suoi social media accounts per etichettare le organizzazioni non governative come "partner" dei partiti di sinistra, sostenendo che si stavano arricchendo a spese dei laboriosi contribuenti. La pagina di copertina del settimanale controllato dal partito al potere conteneva le foto di quattro uomini, tra cui rappresentanti di ONG, con il titolo "Vogliono i soldi per se, non per combattere il Covid-19".

La rete nazionale di ONG si oppone

Il CNVOS ha contestato la presentazione manipolatoria dei dati sui finanziamenti pubblici delle organizzazioni non governative da parte dei rappresentanti della SDS e dei media affiliati al partito, e aggiorna regolarmente i dati verificati sul proprio sito web. Ha alzato la voce quando, durante la campagna elettorale del 2018, un funzionario della SDS ha minacciato di tagliare i finanziamenti pubblici alle organizzazioni non governative una volta che il partito avesse acquisito il potere.

A differenza di altre reti nazionali che rappresentano vari settori in Slovenia, il nuovo governo non ha invitato il CNVOS a partecipare alle consultazioni sulla legislazione che introduce regimi di sostegno ai datori di lavoro e ai lavoratori, e ad altre parti della popolazione, per far fronte alle conseguenze della pandemia. Tuttavia, il CNVOS è riuscito a portare sul tavolo delle trattative i punti di vista delle organizzazioni non governative e a influenzare le soluzioni attraverso le organizzazioni che ne fanno parte, direttamente impegnate nella lotta contro la pandemia.

Il governo vuole tagliare i finanziamenti con la scusa di deviare i fondi per combattere la pandemia

Non è chiaro cosa accadrà con il finanziamento statale di altri progetti gestiti da ONG, e fino a che punto la SDS porterà avanti le minacce di tagliare i finanziamenti che ha fatto durante la campagna elettorale del 2018. La spesa statale è ora limitata e si sta discutendo degli emendamenti al bilancio statale 2020. L'obiettivo specifico sarebbe quello di posticipare o annullare i finanziamenti che non aiutano a combattere la pandemia del coronavirus. Sebbene questi tagli possano essere ragionevoli in alcuni casi, è anche un'utile copertura per tagliare i finanziamenti alle ONG che non rientrano nell'agenda del partito al potere.

Ne sono un esempio il sostegno statale per il taglio dei fondi e la ONG chiamata PIC che fornisce consulenza legale ai richiedenti asilo. Il governo dovrebbe fornire un cofinanziamento ai fondi, già stanziati a tale scopo, dal Fondo per l'asilo, la migrazione e l'integrazione (AMIF) dell'Unione europea. Il 1° aprile è scaduto il contratto tra il Ministero dell'Interno e il PIC e non è stata ancora avviata la procedura per l'estensione del contratto o la selezione del nuovo fornitore. Inoltre, le procedure di richiesta di asilo sono state bloccate dal governo nell'ambito delle misure introdotte dalla legge per far fronte alla diffusione del coronavirus.

Un ambiente tossico per i giornalisti

All'inizio di aprile il Servizio per la comunicazione istituzionale ha risposto alle relazioni della Piattaforma del Consiglio d'Europa sulla protezione del giornalismo e la sicurezza dei giornalisti. L'allerta pubblicata dalla piattaforma prende atto dell'uso dei social media da parte del Primo Ministro Janša per accusare l'emittente pubblica slovena Radiotelevizija Slovenija di diffondere menzogne sul governo e di emettere una velata minaccia sui suoi finanziamenti. A marzo, Janša ha dichiarato su Twitter: "Non diffondere menzogne, notiziario televisivo sloveno. Vi paghiamo per tenerci informati su questi tempi, non per fuorviare il pubblico. A quanto pare siete in troppi e siete pagati troppo bene". Questa è stata la reazione di Janša dopo che la TV Slovenia ha trasmesso un'intervista con un sindacalista che ha criticato la decisione del governo di aumentare gli stipendi di ministri e segretari di Stato.

Questa non è una dichiarazione isolata del Primo Ministro. La RTV Slovenija è stata oggetto di rivendicazioni diffamatorie da parte di Janša e di altri funzionari della SDS mentre erano ancora all'opposizione, tra cui l'invito ai cittadini di smettere di pagare il canone televisivo. L'Associazione dei giornalisti sloveni e la direzione dell'emittente pubblica hanno risposto pubblicamente alla dichiarazione del Primo Ministro descrivendola come una minaccia alla libertà e all'indipendenza dei media pubblici. Più recentemente, il 16 aprile, il nuovo governo ha sostituito i rappresentanti del governo nel Consiglio di vigilanza dell'emittente pubblica.

Nella risposta presentata alla piattaforma del Consiglio d'Europa dalla rappresentanza permanente slovena presso il Consiglio d'Europa e preparata dal Servizio per la comunicazione istituzionale, si sostiene che l'attenzione del Consiglio d'Europa dovrebbe essere attirata sul più ampio contesto della situazione dei media in Slovenia, compresi i fatti storici nello sviluppo del mercato dei media. Si afferma che "la maggior parte dei principali media in Slovenia ha le sue origini nell'ex regime comunista, e anche alla fine degli anni Novanta le posizioni di caporedattore erano occupate da ex membri del famigerato servizio di sicurezza UDBA". Tuttavia, la risposta non parla del gruppo mediatico istituito dai rappresentanti della SDS nel 2015. Questo gruppo mediatico è stato sostenuto finanziariamente da uomini d'affari ungheresi legati al Primo Ministro ungherese Viktor Orban. Diverse televisioni nazionali, media online e stampa e più di una dozzina di media online locali e regionali del gruppo servono come portavoce della propaganda della SDS, della disinformazione e delle campagne di odio, in particolare online, basate sull'islamofobia e l'antisemitismo, ma che si rivolgono anche ai difensori dei diritti umani, ai giornalisti critici e ai media di servizio pubblico. Queste campagne includono l'uso di dati privati e di affari familiari per intimidire i bersagli.

L'attuale ministro dell'Interno era il direttore del gruppo dei media prima della sua nomina al gabinetto, mentre l'attuale direttore del Servizio per la comunicazione istituzionale era in precedenza caporedattore di un canale televisivo e di un media online che fanno parte del gruppo dei media supportati dalla SDS.

Giornalisti infangati e minacciati

I giornalisti che hanno esposto il controverso modello di proprietà e finanziamento del gruppo mediatico affiliato alla SDS sono stati oggetto di molestie e minacce, mentre erano in corso le trattative per la nuova coalizione di governo sotto la guida della SDS. Un giornalista che ha presentato una richiesta di libertà d'informazione al Governo per ottenere informazioni sul funzionamento e la struttura del nuovo Quartier Generale di Crisi responsabile della lotta alla Covid-19, non ha ricevuto una risposta standard, ma è stato invece attaccato con affermazioni diffamatorie pubblicate sull'account ufficiale dei social media di quell'organismo. A questo è seguita una campagna diffamatoria sui media affiliati alla SDS e una minaccia di morte anonima per il giornalista. L'International Press Institute ha avvertito che "i giornalisti sloveni operano in un'atmosfera sempre più tossica" e ha invitato il nuovo governo a garantire il diritto dei giornalisti a lavorare senza paura in un momento di crisi. Sette organizzazioni internazionali per la libertà dei media hanno inviato un appello simile. Quando STA, l'agenzia di stampa nazionale, ha pubblicato un rapporto sulla lettera delle organizzazioni internazionali per la libertà dei media, il primo ministro Janša ha accusato STA di fare da "ventilatore per le notizie false".

Origine delle minacce all'indipendenza politica dei media

Il sistema dei media in Slovenia presenta molte carenze e manca di un'adeguata politica dei media e di un quadro normativo che protegga l'interesse pubblico nei media e fornisca un ambiente favorevole al giornalismo professionale e al pluralismo dei media. Il monitoraggio del pluralismo dei media (MPM), finanziato dall'UE, del Centro per il pluralismo e la libertà dei media dell'Istituto universitario europeo, classifica la Slovenia insieme a molti altri Stati membri dell'UE nella categoria dei paesi a medio rischio per le minacce al pluralismo dei media nella maggior parte degli indicatori. L'indipendenza politica dei media è il settore in cui è stato individuato un alto rischio nei rapporti sul pluralismo dei media in Slovenia nel 2015 e nel 2017. Secondo la valutazione del MPM, questo è il risultato di tre grandi questioni. In primo luogo, i membri dei due organi di governo dell'emittente pubblica RTV Slovenia sono nominati a maggioranza dal Parlamento o dal governo (introdotto dal governo Janša nel 2005). In secondo luogo, la principale agenzia di stampa, la STA, è di proprietà dello Stato e, in terzo luogo, nel paese esiste un gruppo di media, tra cui la TV, i media online e la stampa, che è strettamente affiliato al più grande partito politico del paese, vale a dire la SDS.

Le associazioni dell'industria dei media, l'associazione e l'unione di giornalisti ed esperti indipendenti in Slovenia hanno criticato i precedenti governi per non aver introdotto cambiamenti politici per preservare il giornalismo professionale e proteggere il pluralismo dei media.