Anche il Belgio dovrebbe ora legalizzare le persone senza documenti

Il Belgio dovrebbe seguire l'esempio di Italia, Spagna e Portogallo nel legalizzare i migranti privi di documenti validi e garantire loro gli stessi diritti alla vita e al lavoro dei cittadini belgi.

Il governo belga ha adottato una serie di misure straordinarie per affrontare vari problemi durante l'isolamento, ma a differenza di altri paesi dell'UE non ha fatto nulla per proteggere le persone senza documenti.

Le istituzioni belghe sostengono di voler dare una buona vita alle persone senza documenti, ma ancora non rilasciano permessi di soggiorno

La Lega belga per i diritti umani (LDH) è sorpresa dalla mancanza di azione riguardante questa parte vulnerabile della popolazione. Infatti, nell'attuale contesto pandemico, i migranti privi di permessi di soggiorno non possono muoversi, lavorare e non hanno accesso alla previdenza sociale fondamentale, il che rende loro difficile vivere in condizioni dignitose e troppo spesso minaccia la loro stessa sopravvivenza. Cinquanta immigrati senza documenti hanno denunciato questa situazione in un appello lampo a Bruxelles il 20 aprile, in conformità con le norme sanitarie in vigore durante l’isolamento.

Le istituzioni belghe, come l’Ufficio per gli stranieri e i tribunali del lavoro, da tempo affermano che le persone che non possono lasciare il territorio per motivi indipendenti dalla loro volontà, devono poter vivere in condizioni dignitose. Per poter vivere dignitosamente, le persone hanno bisogno di un permesso di soggiorno che permetta loro di lavorare e di avere accesso ai servizi sociali e all'assistenza sanitaria.

A causa della pandemia, le persone senza documenti non possono lasciare il territorio belga. Molte di queste donne, bambini e uomini vivono in insediamenti informali e in alloggi occupati in condizioni di salute precarie. Essendo privi di documenti, non hanno la possibilità di guadagnarsi da vivere. Non sono autorizzati a lavorare, anche se molti di loro potrebbero effettivamente lavorare in settori in cui c'è carenza di manodopera.

Tutta la popolazione dovrebbe essere protetta, non solo le persone con i documenti

La LDH e il Coordinamento belga per le persone senza documenti sollecitano il governo a regolarizzare le persone senza documenti il più presto possibile.

In primo luogo, è essenziale regolarizzare queste persone affinché possano vivere in condizioni che rispettino la loro dignità umana. In secondo luogo, molti di loro vivono in una situazione precaria (a causa delle loro forti radici in Belgio, dell'insicurezza nel loro paese d'origine o per altri motivi umanitari), e non è più concepibile che tornino nel loro paese d'origine.

Il nostro governo non può più ignorare queste persone che vivono nel nostro Paese senza documenti e senza diritti e che non possono lasciare il nostro Paese o viaggiare a causa delle misure d'isolamento.

Si tratta del benessere di queste persone. Si tratta di salute pubblica, di protezione di tutta la popolazione, perché tutti devono lottare contro la pandemia in uno spirito di solidarietà, senza ignorare coloro che vivono in condizioni precarie perché privi di documenti. Tutti devono avere accesso all'assistenza sanitaria e ai test per il coronavirus.

Il Belgio può imparare dagli esempi di altri paesi

Italia, Spagna e Portogallo stanno attualmente lavorando sulle misure di regolarizzazione. L'Italia sta regolarizzando 600.000 persone. La Spagna ha introdotto un sistema di registri d'attesa che garantisce ai migranti e ai richiedenti asilo diritti minimi di accesso all'alloggio, ai test e alle cure. Per quanto riguarda il Portogallo, ha deciso di regolarizzare i migranti che hanno richiesto un permesso di soggiorno.

Il rischio che tale regolarizzazione attiri un numero maggiore di migranti è un argomento ingannevole, spesso utilizzato per evitare di considerare la regolarizzazione delle persone "senza documenti". Un argomento del genere è del tutto assurdo in questi tempi di chiusura, quando le frontiere e gli spazi aerei sono chiusi. Infatti, la chiusura delle frontiere dà al governo l'opportunità di "fare pulizia" e di permettere a queste persone di vivere dignitosamente, regolarizzando la loro situazione amministrativa.

La LDH si unisce all'appello per sostenere le persone senza documenti, lanciato da loro sui social media e a cui molti cittadini hanno già aderito, per chiarire che anche il Belgio può regolarizzare i migranti senza documenti.