HRMI 2019 sintesi: sfide, conquiste e piani

Nel 2019, l'HRMI si è concentrata sulla tutela dei diritti umani fondamentali in Lituania, sulla prevenzione della violenza domestica, sui diritti delle vittime, sul divieto di discriminazione sul lavoro e sulla salute mentale.

Studio: Le donne lituane ritengono "necessarie" campagne sociali sulla violenza domestica

Il progetto "Stop alla violenza contro le donne": dalla (A)consapevolezza alla (Z)ero colpevolizzazione della vittima" (lanciato nel 2017 da HRMI e dai suoi partner) ha realizzato tre campagne sociali: "Da donna a donna", "Sostenerle" e "Anche questa è violenza". È stato creato un forum online per la consultazione reciproca delle donne vittime di violenza. Nel 2017 e nel 2019 sono state condotte indagini di opinione pubblica. Sono stati sviluppati materiali di e-learning per professionisti e per il pubblico in generale per fornire una visione più profonda della violenza contro le donne da parte dei loro partner.

Secondo un recente sondaggio, le donne lituane ritengono che tali campagne sociali sulla violenza domestica siano necessarie. Hanno ricevuto un punteggio di 8 su 10 sulla loro importanza.

project team. Martynas Ambrazas picture.

"In realtà, siamo molto felici di aver avuto l'opportunità di partecipare a questo importante progetto. La nostra ricerca sull'esperienza delle donne vittime di violenza, le discussioni con le comunità in 10 regioni della Lituania insieme alle autrici di "Birutė Bebaimė" ("Birutė Without Fear", un fumetto sulla prevenzione della violenza), così come il lancio di un corso online e di campagne sociali, penso che non solo abbiano contribuito alla consapevolezza di questo problema estremamente doloroso e, purtroppo, diffuso, ma ci hanno anche dato la speranza che la situazione possa cambiare in meglio, anche se molto lentamente", ha detto Ugnė Grigaitė, uno dei responsabili del progetto HRMI.

Le "Ali delle Pari Opportunità" celebrano i risultati delle pari opportunità

Insieme ai suoi partner, HRMI ha lavorato instancabilmente per ridurre la discriminazione sul posto di lavoro. ‘Equality Plans’ (Piani per la parità), una piattaforma per fornire informazioni pertinenti ai datori di lavoro e ai dipendenti, è stata creata in collaborazione con l'Ufficio dell'Ombudsman per le pari opportunità. È stata lanciata la campagna "Equal Opportunities Wings", che consente alle aziende di ottenere "ali" per attuare attivamente i principi di pari opportunità, dell'inclusione e della diversità nelle loro operazioni.

Cominciando da risposte efficaci contro i crimini d'odio e i discorsi di incitamento all'odio

Nel 2019, gli esperti di HRMI, insieme al Centro lituano per i diritti umani, al Centro europeo per i diritti umani e alla Scuola di polizia lituana, hanno lanciato un progetto per promuovere risposte efficaci contro i crimini motivati dall'odio e i discorsi d’incitamento all'odio. L'obiettivo è quello di rendere le forze dell'ordine lituane più capaci di prevenire questi crimini, di portarli alla luce, di aumentare la fiducia delle vittime e delle comunità vulnerabili nei confronti dei responsabili e di incoraggiare la società a riconoscere e a rispondere ai crimini d'odio.

Per raggiungere questi obiettivi, accogliamo con favore il sostegno del Ministero degli Interni nella creazione di un gruppo di lavoro inter-agenzie per rafforzare la cooperazione tra le istituzioni statali, le organizzazioni non governative e le vittime dei crimini d'odio e dei discorsi di incitamento all’odio. Ci auguriamo che il gruppo di lavoro possa iniziare la sua attività all'inizio del 2020.

Abbiamo continuato il nostro progetto congiunto con i partner in Estonia, Lettonia e il Forum dei disabili lituano, con l'obiettivo di migliorare la cooperazione tra le ONG e gli agenti di polizia per prevenire i crimini motivati dall'odio negli Stati baltici. Poiché i crimini d'odio contro le persone con disabilità non sono stati studiati a fondo, abbiamo fornito una formazione alle ONG e agli agenti di polizia sotto la guida di un esperto del Regno Unito, il dottor Angharad Beckett. Trentadue persone hanno partecipato alla formazione, tra cui persone con disabilità e rappresentanti di ONG, nonché agenti di polizia di Lituania, Lettonia ed Estonia.

La vittoria di un importante caso di auto-espressione al UNHCR

Nella causa Kusaitė contro la Lituania, il Comitato per i diritti umani dell'ONU ha constatato che la Lituania ha violato la libertà di espressione sancita dal Patto internazionale sui diritti civili e politici. E. Kusaitė è stato perseguito per aver insultato i pubblici ufficiali, in particolare i procuratori della Procura generale della Repubblica di Lituania. Secondo il Comitato, il tribunale non ha tenuto in debito conto il fatto che l'esclamazione della ricorrente era una reazione spontanea all'annuncio del suo arresto. Inoltre, il procedimento penale di Kusaitė ha suscitato un notevole interesse pubblico e potrebbe aver avuto implicazioni politiche, il che avrebbero dovuto estendere i limiti delle critiche consentite. Il Comitato ha inoltre ribadito la sua posizione secondo cui gli Stati dovrebbero considerare la possibilità di depenalizzare la diffamazione e di riservare la mano pesante del diritto penale ai casi più gravi.

Puoi leggere il parere completo della commissione qui.

Studio sulla salute mentale in Eurasia

L'anno scorso è stato lanciato un progetto per promuovere l'integrazione di un approccio basato sui diritti umani e sui suoi principi correlati nella politica di salute mentale, per sviluppare una più ampia gamma di servizi in Lituania, nell'Europa orientale e in tutta l'Eurasia.

Lo scorso autunno, gli esperti di HRMI hanno visitato la Georgia per osservare i servizi comunitari per le persone con problemi di salute mentale. La delegazione ha visitato l'ospedale psichiatrico Gldani di Tbilisi e il Ministero georgiano degli Affari sociali, del lavoro, della salute e degli sfollati in Giorgia, per discutere di aspetti specifici della deistituzionalizzazione e dello sviluppo dei servizi per la comunità. Nell'arco di nove giorni, gli esperti hanno condotto 15 colloqui individuali e sei colloqui di gruppo con 31 persone. Hanno anche visitato varie istituzioni e ONG in tre regioni.

L'obiettivo a lungo termine del progetto è quello di promuovere il trasferimento di risorse dal sistema di salute mentale alle politiche basate sui diritti umani e lo sviluppo di una gamma più ampia e diversificata di servizi per le persone con disabilità mentale, intellettuale e/o psicosociale.

HRMI visiting Sakartvelo. Personal archive photo.

In arrivo la pubblicazione della tradizionale rivista "Diritti umani in Lituania 2018-2019"

Violazioni dei diritti delle persone che vivono con disabilità, violazioni della libertà di espressione o di credo, violazioni del diritto alla privacy e alla vita familiare, discriminazioni basate sull'età, l'orientamento sessuale, il sesso, la disabilità, la religione e altro ancora, crimini d'odio, violazioni dei diritti delle vittime o degli indagati, violenza domestica, tratta di esseri umani e violazioni dei diritti dei migranti: tutti questi temi sono analizzati nell'unico rapporto di questo tipo, "Diritti umani in Lituania 2018-2019".

Nella rivista, gli esperti indipendenti metteranno a disposizione del pubblico, delle istituzioni pubbliche, delle ONG, degli avvocati, degli accademici e dei media informazioni dettagliate, sistematiche e pertinenti sulla situazione dei diritti umani in Lituania, analizzando eventuali cambiamenti in questi settori. Oltre alle tradizionali aree tematiche, il nuovo rapporto esplorerà anche l'approccio basato sui diritti umani alla politica della salute mentale in Lituania.

Partecipazione attiva per affrontare le questioni importanti per lo sviluppo della società e dello Stato nel 2020

Quest'anno gli esperti dell’Istituto HRMI non solo proseguiranno i progetti esistenti, ma ne lanceranno di nuovi. "HRMI monitora costantemente i processi dei diritti umani in Lituania, valutandoli, esplorando le opportunità comuni con altre organizzazioni e offrendo suggerimenti su come proteggere i diritti di tutti gli individui. In particolare, HRMI si concentra sui seguenti temi: tutte le forme di discriminazione, le violazioni dei diritti delle vittime o dei sospetti, la violenza e la sua prevenzione, la salute mentale e i diritti umani. Gli esperti HRMI sono pronti ad affrontare tutte queste e altre questioni importanti dal punto di vista dello sviluppo dello Stato e della società nel 2020", ha spiegato Dainius Pūras, Direttore di HRMI.

head of HRMI Dainius Pūras