Governo olandese usa successo dei servizi di sicurezza per tornaconto politico

Non possiamo fare a meno di elogiare il lavoro dei servizi di sicurezza e i giornalisti che hanno reso pubblica la storia. Ciò che invece non possiamo tollerare è che il governo strumentalizzi questa storia per ottenerne un vantaggio politico.

Rispetto per i servizi segreti

"Wow," è stata la nostra prima reazione allo scoop dei giornali De Volkskrant e Nieuwsuur all'inizio di questo mese. Queste testate hanno raccontato la storia di come i Servizi Segreti e di Intelligence (AIVD) dei Paesi Bassi si sono introdotti in un circolo di hacker russi e per anni sono stati in grado di seguire il modo in cui questi hanno, a loro volta, hackerato il governo americano. È un risultato impressionante per l’AIVD e indubbiamente merita elogio e rispetto.

Un buon esempio di giornalismo investigativo

Le rivelazioni sono anche un grande successo dei giornali e del giornalismo. Questo tipo di indagine è particolarmente complessa. I giornalisti infatti non possono contare su un singolo informatore ed è difficile trovare conferma delle informazioni. Molto spesso, chiunque sia coinvolto in questo genere di situazione tenderà a dire al giornalista qualcosa del tipo: "Non posso né confermare né negare".

Questo è ovvio, perché i metodi di lavoro dei servizi segreti sono una questione di segreto di stato: le fughe di notizie sono punibili penalmente. Il fatto che i giornalisti siano riusciti a far confermare questa storia dimostra dunque che si è trattato di un buon esempio di giornalismo investigativo.

Nell’interesse di chi?

Naturalmente, il primo pensiero che viene in mente è che l'AIVD abbia deliberatamente fatto trapelare la storia, magari con l'aiuto degli americani, usando Volkskrant e Nieuwsuur. Ovviamente è un bene che si parli positivamente dei servizi segreti sui giornali, specialmente in prossimità del referendum. Eppure non crediamo davvero a questo scenario allettante. L'AIVD non trae vantaggio dal fatto che i suoi metodi di lavoro vengano discussi pubblicamente in modo così dettagliato. In tal modo i servizi smetterebbero di essere "servizi segreti". Questa fuga di notizie può avere anche gravi conseguenze politiche per il paese e per i servizi stessi. Inoltre, le rivelazioni dimostrano solamente che l'AIVD è in grado di hackerare in modo estremamente efficace all'interno dell'attuale cornice legale. Niente di più e niente di meno.

Pubblicità per tornaconto politico

Pertanto non si sta usando questa storia nell'ambito della campagna del referendum. Sarebbe troppo facile. Chi sta usando questa storia per il proprio tornaconto politico, per giustificare (o "promuovere", come ha scritto Nieuwsuur) la nuova legge sull'Intelligence e la Sicurezza, è il governo. Sia il Ministro dell'Interno che il Primo Ministro non sono stati in grado di dire nulla di concreto nella loro reazione alle rivelazioni, ma hanno sottolineato immediatamente che queste nuove competenze sono davvero necessarie.

E ciò sembra strano, perché l'efficacia della competenza dell'AIVD di penetrare nei computer degli altri non dice nulla sulla necessità della nuova legge sull’Intelligence e la Sicurezza. Vista la mancanza di argomentazioni sostanziali, la risposta del governo è solo campagna a favore del proprio tornaconto politico.

Autore: Rejo Zenger, ricercatore presso Bits of Freedom