La morte della giurisdizione universale in Spagna priva i ricorrenti dei loro diritti

Nel 1985 la Spagna è stata un pioniere nell'applicazione del principio di giurisdizione universale. Tuttavia, nel 2014 la legge è stata modificata e molti casi pendenti sono stati chiusi, privando così molti ricorrenti dei loro diritti.

La legge organica sul potere giudiziario spagnola del 1985 ha stabilito una delle più ampie disposizioni giurisdizionali universali al mondo. La Spagna è stata un pioniere nell'applicazione della giurisdizione universale. Tuttavia, il suo successo nel fornire un rimedio efficace alle vittime di violazioni dei diritti umani dei crimini internazionali, è diventato una minaccia per i politici e per le relazioni internazionali.

La lenta morte della giurisdizione universale in Spagna

Il sistema di giurisdizione universale è stato riformato nel 2009, limitando la capacità dei tribunali spagnoli di indagare e perseguire i reati commessi al di fuori della Spagna. Un'ulteriore riforma nel 2014 ha portato alla completa eliminazione della giurisdizione universale in Spagna per i più gravi crimini internazionali. Ha introdotto una serie di ampie e complesse condizioni che devono essere soddisfatte prima che i tribunali spagnoli possano giudicare questi crimini. In pratica, questa nuova legge implicava la chiusura automatica di tutti i casi aperti. Dal 2014 la legge si applica non solo ai casi futuri, ma anche alle indagini pendenti e in corso (in base a una disposizione di legge retroattiva).

In tutti questi anni di contenzioso di giurisdizione universale, non una sola denuncia davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo ha superato il filtro di ammissibilità, fino all'agosto 2020, quando il tribunale ha annunciato il caso Couso Permuy contro la Spagna. Per questo motivo, Rights International Spain ha presentato un intervento di terzi alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Contesto del caso

Nell'aprile 2003, il cameraman televisivo Jose Couso è stato ucciso a Baghdad, in Iraq, dopo che un carro armato americano ha bombardato l'hotel Palestina. La sua famiglia ha presentato una denuncia al Tribunale Nazionale nel maggio 2003, chiedendo di chiarire le circostanze della sua morte, di identificare e perseguire i responsabili. Nell'ottobre 2003, il giudice istruttore ha ammesso il caso e ha avviato un'indagine ordinando tutte le misure investigative necessarie. L'indagine ha fatto buoni progressi, ma poi i requisiti di ammissibilità sono cambiati nel 2014, 11 anni dall'inizio del procedimento, e l'indagine è cessata.

La certezza giuridica e le legittime aspettative sono elementi fondamentali del diritto a un processo equo

Al momento della morte di José Couso, la legge spagnola non richiedeva che il presunto colpevole si trovasse in Spagna per l'avvio di un'indagine o di un procedimento giudiziario. Il giudice istruttore ha verificato il rispetto dei criteri di ammissibilità in vigore all'epoca e, una volta soddisfatto, ha avviato un'indagine completa. Dopo 11 anni, ciò ha portato all'identificazione e all'incriminazione di cinque ufficiali militari statunitensi per crimini di guerra e accuse di omicidio. Il fatto che fossero stati emessi mandati d'arresto internazionali contro di loro, ha suscitato legittime aspettative sul fatto che fossero perseguiti.

La famiglia della vittima esercitava il suo diritto alla giustizia e otteneva una protezione efficace dal tribunale. Tuttavia, questo diritto gli è stato tolto nel 2014 con la riforma legislativa che ha portato all'inaspettata chiusura del procedimento.

Prima del 2014, la famiglia aveva una fondata legittima aspettativa che l'indagine sulla morte di José Couso avrebbe portato i responsabili alla giustizia. Non potevano prevedere l'adozione di un provvedimento che pregiudicasse i loro diritti, già perseguiti dinanzi ai tribunali spagnoli.

Il caso secondo Rights International Spain

Rights International Spain sostiene che, poiché il tribunale aveva già concesso protezione alla famiglia della vittima, la conseguenza dell'applicazione della disposizione retroattiva è stata quella di privare le vittime della loro protezione. Il legislatore avrebbe potuto scegliere un meccanismo giuridico meno restrittivo per riformare la legge e, inoltre, non ha specificato chiaramente le ragioni che giustificano la chiusura di quasi tutti i procedimenti giudiziari universali aperti e in corso. Di conseguenza, la restrizione dell'accesso alla giustizia imposta dalla legge del 2014 implicava una limitazione retroattiva ingiustificata, irragionevole e sproporzionata del diritto di accesso alla giustizia. Ciò pregiudicava gravemente il loro diritto alla legittima aspettativa di giustizia e quindi alla certezza del diritto, in violazione dell'articolo 6, paragrafo 1 della Convenzione.

Qui potete consultare l'intervento di terzi.