Giudici polacchi in lotta con il governo per il potere

I giudici polacchi, sostenuti dall'UE e dagli organi internazionali, stanno respingendo i tentativi del governo di Varsavia di indebolire l'indipendenza giudiziaria.

"Le moderne democrazie europee non possono funzionare senza una magistratura veramente indipendente. Le autorità polacche dovrebbero prendere ulteriori provvedimenti per ripristinare la piena indipendenza della magistratura e agire per risolvere discordia e stallo che continuano a condizionare il funzionamento e la credibilità di alcune istituzioni giudiziarie. Giudici e pubblici ministeri devono essere protetti da pressioni indebite ", ha detto Dunja Mijatović, la commissaria per i Diritti umani del Consiglio d'Europa, alla chiusura di una visita di cinque giorni in Polonia, dedicata ai temi dell'indipendenza della magistratura e del servizio giudiziario.

La voce del Consiglio d'Europa riflette anche il parere della Commissione europea. L'organo esecutivo dell'UE il 19 febbraio ha avvertito che avrebbe intrapreso un'azione contro il governo di Varsavia se avesse continuato a molestare i giudici polacchi che si consultano con la Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE). La CE si stava riferendo ad una lettera dalla più grande associazione dei giudici polacca, l'Iustitia, che gli chiedeva di agire in difesa della libertà giudiziaria.

"Ogni giudice polacco è anche un giudice europeo, quindi nessuno dovrebbe interferire con il diritto di un giudice di porre domande alla Corte di giustizia europea", ha affermato Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione europea e funzionario UE responsabile per la magistratura e lo stato di diritto.

Cosa succederà ora?

Lo scorso dicembre, la Corte di giustizia ha stabilito che la Polonia deve immediatamente sospendere le riforme giudiziarie - fino a una sentenza definitiva del tribunale - che ha imposto un'età di pensionamento anticipata - 65 anziché 70 - per i giudici del Tribunale costituzionale. La legge ha permesso loro di rimanere oltre questo limite di età solo se avessero ottenuto l'approvazione presidenziale. Il provvedimento avrebbe costretto il 40% dei giudici della corte, incluso il capo della giustizia, al prepensionamento.

Il partito di maggioranza polacco Diritto e Giustizia (PiS) è in conflitto con la CE per le sue riforme giudiziarie dall'inizio del 2016. L'anno scorso, tuttavia, è stato un punto di svolta per le relazioni UE-Polonia. Lo scorso luglio, la Corte di giustizia ha risposto a una richiesta del tribunale irlandese sull'indipendenza del sistema giudiziario polacco, affermando che le corti straniere devono accertare se i sospetti affrontano il rischio di un processo iniquo se vengono estradati in Polonia. Questa richiesta non ha precedenti tra i sistemi giudiziari di due paesi dell'UE.

La situazione dello stato di diritto si è intensificata per la prima volta nel dicembre 2017, quando la CE ha avviato la cosiddetta procedura dell'articolo 7 contro la Polonia relativa alle modifiche al sistema giudiziario.

Ultimamente, dato l’intenso scenario politico prima delle elezioni del Parlamento europeo in tutta Europa, il problema dello stato di diritto - principalmente collegato alla Polonia e all'Ungheria - è diventato un argomento importante della campagna.

Tuttavia, il Consiglio dei ministri ha rallentato le procedure sanzionatorie per la democrazia e l'indipendenza giudiziaria contro la Polonia e l'Ungheria a causa di questioni procedurali, della riluttanza della Romania, che attualmente detiene la presidenza di turno del Consiglio, e della mancanza di consenso politico.

Pertanto, la Commissione europea è particolarmente interessata a chiedere assistenza legale e legittimazione al tribunale di Lussemburgo per quanto riguarda la Polonia.

Martedì la Corte di giustizia ha tenuto la sua ultima udienza durata sette ore e relativa a tre casi pendenti sullo stato di diritto e sulla situazione giudiziaria nel paese. Il procuratore generale della Corte di giustizia presenterà un parere il 23 maggio, seguito dalla sentenza definitiva del tribunale. Le fonti presenti all'udienza di Lussemburgo hanno affermato alla Liberties che, in base alle domande poste, le argomentazioni a favore del diritto dell'UE potrebbero entrare in risonanza con i giudici.

Difensore civico polacco: la lotta per l'indipendenza della magistratura è lungi dall'essere conclusa

Il difensore civico polacco per i diritti umani, il dott. Adam Bodnar, mercoledì in una conferenza stampa al Parlamento europeo ha avvertito che la lotta per l'indipendenza della magistratura polacca è tutt'altro che finita. "Non puoi essere un membro fedele dell'UE senza avere un sistema giudiziario indipendente. La cooperazione reciproca tra sistemi giudiziari, tribunali, uffici dei pubblici ministeri dipende molto dagli standard di stato di diritto e come anche dall'efficacia e dall'operatività regolare e indipendente del sistema giudiziario ".

Bodnar ha anche osservato che la decisione della CGUE dello scorso anno di sospendere il pensionamento dei giudici della corte costituzionale polacca è stata "fortemente celebrata in Polonia e non sarebbe avvenuta senza il sostegno della società civile polacca, quindi ha goduto di un forte sostegno da parte di cittadini e attori non politici ”. Bodnar ha inoltre accolto con favore il rapporto dell'European Stability Initiative (ESI), presentato mercoledì a Bruxelles, incentrato principalmente sulle misure disciplinari contro i giudici polacchi.

Uno degli autori del rapporto ESI, Piotr Buras, ha avvertito che un giudice polacco che ha presentato un caso politicamente sensibile o che coinvolge interessi di partiti di spicco o figure governative, non è protetto da interventi o pressioni esterne.

Secondo il rapporto dell'ESI, il ministro polacco può, secondo le attuali norme, minacciare, pressare o punire i giudici, sottolineando che "le nuove misure disciplinari rendono fin troppo facile" che il governo eserciti influenza sul sistema giudiziario.

Pertanto, la relazione chiede alla Commissione europea di avviare immediatamente un'altra procedura di infrazione allo scopo di ripristinare l'indipendenza dei tribunali. L'infrazione dovrebbe concentrarsi sul nuovo regime disciplinare dei giudici per ripristinare la loro indipendenza sul lavoro.

Buras sostiene che il tempismo è lontano dall'ideale con la campagna elettorale del PE in pieno svolgimento. Tuttavia, a suo avviso, il congelamento del licenziamento dei giudici della Corte Costituzionale dimostra che, nonostante l'efficacia dibattuta degli strumenti giuridici attualmente disponibili per proteggere lo stato di diritto, l'UE e i suoi cittadini possono più che sperare che i loro diritti fondamentali siano preservati.