L'impero mediatico di Orbán ha dato il via libera illegalmente

Una decisione illegale dell'Autorità per la Concorrenza ungherese ha permesso la creazione dell'impero mediatico di Fidesz, ha dichiarato il tribunale.

Una parte importante dei media filogovernativi ungheresi è stata assorbita dalla Fondazione stampa e media dell'Europa centrale (KESMA) nel corso di una sola giornata alla fine del 2018. Il 28 novembre 2018, 476 punti vendita mediatici sono stati offerti contemporaneamente, senza pagamento, dai loro proprietari - tutti amici d'affari di Fidesz - a KESMA, costituita solo pochi mesi prima.

Così, KESMA comprende ora Retro Radio, l'unica radio commerciale nazionale; Origo, un portale di notizie ad ampio raggio; Lokál, un quotidiano distribuito gratuitamente a Budapest; e tutti i giornali regionali. Inoltre, la fondazione ha assunto il controllo dei canali radiofonici e televisivi ad alta diffusione, nonché di giornali e riviste di economia, sport, politica e tabloid. Di conseguenza, il 40% del fatturato del settore delle notizie e della vita pubblica del mercato ungherese dei media è ora concentrato in KESMA, i cui media fungono da portavoce per la propaganda del governo.

"Questo grado di concentrazione provoca una grave distorsione del mercato dei media, minando la pluralità della stampa e minacciando la concorrenza economica leale", ha dichiarato Dalma Dojcsák, direttore del progetto per le libertà politiche dell'HCLU.

Affermazione "interesse pubblico" discutibile

Un gruppo imprenditoriale così grande aveva bisogno dell'approvazione dell'Autorità per la Concorrenza ungherese (HCA). Tuttavia, il governo ungherese è intervenuto, emettendo un'ordinanza solo una settimana dopo l'annuncio della fusione, in base alla quale l'acquisizione della proprietà da parte di KESMA è stata designata come una questione di importanza strategica nazionale ed è stata quindi esentata dal riesame della concorrenza e da eventuali indagini. In seguito, l'Autorità per la Concorrenza, sostenendo la mancanza di competenza, ha chiuso la procedura d'esame e ha rilasciato un certificato legale che consente la registrazione dell'operazione presso il Tribunale Commerciale.

Successivamente, Szabad Pécs, un portale di notizie locale rappresentato dall'Unione ungherese per le libertà civili (HCLU), membro di Liberties, si è rivolto al tribunale come società concorrente di KESMA, chiedendo l'annullamento della decisione dell'HCA e l'ordine dell'autorità di condurre la procedura di revisione della concorrenza. Ha anche chiesto alla corte di consultare la Corte costituzionale, poiché l'ordine di esenzione del governo e la legge su cui si basava violavano la Legge Fondamentale ungherese, la Costituzione del Paese. La legge consente al governo di esentare dall'indagine sulla concorrenza qualsiasi tipo di transazione commerciale. Inoltre, l'ordine governativo ha applicato la legge in modo abusivo, giustificando la sua decisione con due sole parole: "interesse pubblico".

Il tribunale regionale di Budapest-Capital ha dichiarato che l'HCA non ha svolto alcuna indagine sostanziale, facendo anche riferimento all'ordine governativo che designa la fusione come una questione di importanza strategica nazionale. Pertanto, nel rilasciare il certificato legale ha agito illegalmente. Inoltre, il tribunale ha ritenuto che l'HCA sostenesse la presunta incompetenza, il che significava che non aveva l'autorità di rilasciare il certificato legale.

Il tribunale ordina una seconda revisione

Oltre a registrare l'acquisizione della proprietà di KESMA presso il Tribunale Commerciale, il certificato legale è stato richiesto anche per la fusione di società possedute da KESMA. Ad esempio, nel settembre 2019, 11 aziende si sono fuse in Mediaworks Zrt., il fiore all'occhiello dell'impero aziendale di KESMA. Poiché il tribunale ha annullato il certificato legale, anche la legalità di queste transazioni è ambigua.

Il tribunale ha ordinato all'HCA di riaprire la procedura, dichiarando di avere l'autorità legale per farlo, e di chiudere l'indagine con una corrispondente decisione adeguatamente giustificata.

L'HCLU e Szabad Pécs hanno annunciato che informeranno il Tribunale commerciale della possibile mancanza di status giuridico delle fusioni e delle acquisizioni all'interno di KESMA a causa della recente decisione del tribunale. Inoltre, hanno detto che avrebbero dato seguito alle decisioni dell'HCA e le avrebbero contestate nel caso in cui la nuova procedura fosse stata chiusa con un'altra decisione illegale.