Perché Facebook sbaglia a vietare la negazione dell'Olocausto?

La negazione dell'Olocausto è davvero offensiva ed è un'evidente menzogna. Ma Facebook sbaglia.

Il 12 ottobre, Facebook ha annunciato che stava aggiornando la sua politica sul discorso di odio per proibire qualsiasi contenuto che nega o distorce l'Olocausto.

Crediamo che le opinioni debbano essere libere, a meno che non soddisfino la definizione giuridica del termine "discorso di incitamento all’odio". L'educazione e il dibattito, non i divieti, sono gli strumenti giusti per combattere l'odio.

Alcuni politici sostengono le teorie cospirative antisemite. Questo causa più danni di chiunque altro condivida informazioni false sulla storia.

Quello di cui abbiamo bisogno è più educazione su quello che è successo: nelle scuole, nei discorsi dei nostri politici, nei documentari e nei libri. Inoltre, dobbiamo formare delle persone che sappiano rispondere a quei discorsi - un metodo collaudato ed efficace che usi il dialogo per confutare teorie di cospirazione e altre menzogne.

Ci sono momenti in cui la negazione dell’Olocausto dovrebbe essere proibita: quando rientra nella definizione giuridica del termine “discorso di incitamento all’odio”.

In altre parole, quando incita alla violenza o all’odio. Ma mettere a tacere la negazione dei fatti storici non è una soluzione. Al contrario, dovremmo educare coloro che vengono ingannati dalle bugie.