I microstrati europei sono alcuni dei suoi più grandi violatori dei diritti

I microstrati europei offrono divertimento, sole, sfarzo e glamour. Ma alcuni di loro sono anche tra i maggiori violatori dei diritti in Europa, specialmente quando si tratta di diritti delle donne.

I microstrati europei di Andorra, Liechtenstein, San Marino e Monaco hanno molto da offrire. Paesaggi mozzafiato ed edifici medievali attendono i turisti, mentre lo shopping di lusso tax-free e le normative fiscali a bassa tassazione li rendono un paradiso per i benestanti.

Ma per coloro che chiamano questi paesi casa, la realtà è molto meno scintillante. La tutela dei diritti fondamentali è molto carente in questi quattro stati, e questo vale soprattutto per i diritti delle donne. L'aborto è vietato in tutti e quattro i paesi, mentre in Andorra, Liechtenstein e San Marino viene addirittura criminalizzato in caso di stupro, incesto o deformità fetale.

Mancano le protezioni dei diritti

Una recente storia della rivista Vice ha descritto in dettaglio lo straordinario tributo che questo comporta per le donne in questi paesi. Negli ultimi decenni, si stima che migliaia di donne abbiano viaggiato di nascosto in Spagna o in Francia dall'Andorra, per abortire. I pieni diritti all'aborto sembrano così lontani dato che gli attivisti in questi paesi hanno un piano a lungo termine, concentrandosi prima di tutto sul raggiungimento dei diritti all'aborto nei casi estremi di stupro, incesto o deformità fetale.

In Andorra sembra decisamente un'impresa difficile. Recentemente, nel 2005, il governo ha introdotto un nuovo regolamento che prevede pene detentive fino a due anni e mezzo per le donne condannate per aver abortito. I medici che li effetuano possono affrontare fino a 12 anni in certi casi.

Monaco consente l'aborto in questi casi, anche se solo dal 2009. E lo Stato cattolico rimane l'unico posto in Europa occidentale che non riconosce alcuna forma di unione omosessuale. All'inizio di quest'anno era previsto di discutere un disegno di legge sulle unioni civili, ma ora è stato rinviato almeno fino ad ottobre.

La Chiesa cattolica ha un'enorme influenza in ognuno di questi paesi. Le leggi di Monaco sull'aborto sono state allentate solo dopo che le autorità religiose si sono tirate indietro di fronte ad una forte opposizione. Dal momento che le voci favorevoli alla libertà della scelta si sono fatte più forti in Andorra, così lo ha fatto anche la Chiesa, che ha minacciato di rimuovere il vescovo e di porre fine al sistema di coprincipato parlamentare se l'aborto dovesse mai diventare legale. E il principe del Liechtenstein ha minacciato di lasciare il paese se ciò dovesse accadere lì.

Speranza per il futuro

C'è motivo di sperare che il cambiamento non sia lontano. Nel Liechtenstein, il sentimento dell'opinione pubblica sembra aver riscaldato l'idea di legalizzare l'aborto fino a 12 settimane nei casi di deformità fetale. Ma poi il leader di fatto del paese, il principe Aloi, ha dichiarato pubblicamente che avrebbe posto il veto a un prossimo referendum sul piano. È affondata ogni possibilità del cambiamento in corso, ma il 47,7 per cento degli elettori lo ha sfidato lo stesso e ha votato a favore della proposta.

La prima protesta in strada in Andorra a favore della depenalizzazione dell'aborto si è tenuta nel settembre 2018. È stato un evento pacifico e ben assistito che ha segnato uno sviluppo significativo in un paese che ha visto poche manifestazioni pubbliche di qualsiasi tipo.

Considerati i progressi nella tutela dei diritti umani in Europa nel corso dell'ultimo secolo, sembra che sia solo questione di tempo prima che il cambiamento arrivi a questi piccoli ostacoli. Questo richiederà una protesta pacifica e sempre più intensa da parte del popolo - sia alle urne che per le strade.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookie funzionali.