Diritti umani e salute mentale: approfondimenti all’inizio di un nuovo progetto

Oggi è noto che la salute mentale è importante quanto quella fisica e che è necessario investire seriamente sulla salute mentale, per il bene degli individui e della società nel suo complesso.

È sempre più evidente che le disuguaglianze, l'esclusione, la discriminazione e la violenza sono fattori determinanti che danneggiano la salute mentale sociale e individuale. Alla luce di ciò, come investire nella salute mentale nel modo migliore, è una questione importante a livello mondiale. Dopo la seconda guerra mondiale, quando l'ONU ha adottato la Dichiarazione universale dei diritti umani e molti paesi hanno ratificato le convenzioni ONU sui diritti umani, è diventato ovvio che proteggere i diritti economici, sociali, civili, politici e culturali è stato molto importante per consentire alle persone di esercitare il loro diritto alla salute mentale. Anche la lotta alla disuguaglianza sociale, all'ingiustizia sociale, a tutte le forme di discriminazione e di violenza è stata ritenuta cruciale.

Alcuni sistemi di assistenza psichiatrica continuano a rafforzare la discriminazione, l'esclusione e la violenza

Una questione importante è se i sistemi di assistenza per la salute mentale delle persone siano efficaci o se rafforzino effettivamente la discriminazione, l'esclusione e la violenza. Un numero crescente di esperti e di organizzazioni chiede cambiamenti nella cura della salute mentale e nella psichiatria. Ad esempio, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha adottato due risoluzioni (nel 2016 e 2017) sulla salute mentale e sui diritti umani. Tali risoluzioni esortano gli Stati membri dell'ONU a cambiare le politiche di salute mentale e a porre fine alle inaccettabili violazioni dei diritti umani nei sistemi di assistenza per la salute mentale.

Vediamo alcuni successi e fallimenti negli investimenti per la salute mentale nell'Europa dell'Est e nella regione dell'Eurasia (EEE). La storia politica delle regioni significa che ci sono opportunità e ostacoli unici per stabilire le migliori pratiche di cura della salute mentale. Vedere la regione nel suo contesto è importante e questo è uno degli obiettivi del nuovo progetto, avviato dall'Istituto di monitoraggio dei diritti umani.

Un'occasione mancata

Come la maggior parte dei paesi della regione, 30 anni fa la Lituania ha attraversato enormi cambiamenti politici e sociali. Questi cambiamenti hanno fornito l'occasione perfetta per modernizzare i servizi di assistenza sanitaria per la salute mentale, ma purtroppo sembra che 30 anni non siano stati sufficienti per un vero cambiamento. La Lituania deve abbandonare l'eredità della psichiatria totalitaria e riduzionista di stile sovietico, alla quale si aggrappa ancora in molti casi. Una serie di fattori ha portato ad una feroce resistenza verso i cambiamenti nella cura della salute mentale. E il sistema sanitario nel suo complesso è ancora ostaggio della corruzione e di un modello biomedico riduzionista per la riparazione di parti anatomiche. Se le facoltà di medicina delle università insegnano agli studenti di medicina che l'obiettivo principale dell'assistenza sanitaria è quello di diagnosticare la malattia e poi riparare la malattia sconfiggendo a tutti i costi la patologia, non dobbiamo stupirci che la psichiatria abbia seguito lo stesso percorso. Anche la psichiatria mira a risolvere le malattie, in questo caso disturbi mentali, che il paziente lo voglia o meno. È stato minato il principio "prima di tutto non nuocere", ed è il modo in cui si è diffusa un'epidemia di violazioni dei diritti umani in nome della psichiatria.

Ma non possiamo biasimare tutto questo legato all'eredità del pensiero comunista. Paradossalmente, a partire dagli anni Novanta, i consulenti dei paesi occidentali hanno rafforzato questi punti di vista datati. Le loro richieste per nuovi tipi di farmaci efficaci, da usare per affrontare la depressione e la schizofrenia, echeggiavano in un vuoto in cui la popolarità della teoria e della pratica psicodinamica e di altri punti di vista moderni non era mai stata ascoltata.

Le aziende farmaceutiche hanno influenzato il punto di vista dei medici

Tuttavia, una nuova generazione di psichiatri lituani, compresi quelli che lavorano nella psichiatria accademica, è stata rovinata da aziende farmaceutiche e consulenti. Questi consulenti hanno importato l'opinione che la depressione e altre condizioni di salute mentale sono principalmente causate da squilibri chimici nel cervello e che questi squilibri possono essere corretti al meglio con farmaci psicotropi e terapia elettro-impulsiva. Negli ultimi 10 anni la psichiatria occidentale ha in una certa misura accettato di aver esagerato con il modello biomedico, lasciando la psichiatria biologica in crisi. Questo tipo di rivalutazione non è avvenuto nella regione dell’EEE. In Lituania, nel 2019, le autorità sanitarie e le élite del mondo della psichiatria non hanno ancora accettato che l'uso eccessivo degli interventi biomedici stia danneggiando sia i pazienti che l'immagine della psichiatria come campo della medicina.

Questo tipo di analisi contestuale è molto importante. Ci aiuta a monitorare se il sistema nazionale di salute mentale segue i principi moderni e se gli investimenti sono efficaci. Ci aiuta anche a riflettere sul presente e a prevedere le sfide.

Ritardo nell'evoluzione dell'assistenza psichiatrica

Ci sono una serie di fattori che frenano lo sviluppo della salute mentale in Lituania, e due di questi sono particolarmente degni di nota. In primo luogo, l'atteggiamento dell'opinione pubblica, compresa l'élite, nei confronti delle persone che appartengono a gruppi più vulnerabili, è insensibile. Nel 2019, ci sono ancora 6.000 persone con disabilità rinchiuse in istituti residenziali segregati, ma purtroppo la maggior parte delle persone non lo considera un problema serio. Queste persone non hanno commesso reati. Sono stati privati della loro libertà perché hanno condizioni di salute mentale o difficoltà di apprendimento. I politici non sembrano interessarsene, così come le élite culturali o scientifiche.

In secondo luogo, poiché la regione dell’EEE è stata lenta ad accettare teorie consolidate o ad adottare nuove pratiche della psichiatria occidentale del XX secolo, l'idea di "terapia" è ancora alquanto aliena e a volte persino un concetto sconosciuto, almeno quando si tratta dell'idea che questo dovrebbe essere pagato dallo stato, come lo sono i farmaci. I politici di tutta la regione spesso pensano anche che solo i medici per le malattie fisiche interne possono mediare la terapia anche se non sono formati per farlo. Allo stesso tempo, gli psicologi, gli assistenti sociali e gli infermieri non sono generalmente autorizzati a parlare o a fare qualsiasi altra terapia, perché non sono medici.

Non si comprende che il sostegno alla salute mentale riguarda in larga misura le relazioni sociali, e non solo il cervello delle persone.

Gli obiettivi del nuovo progetto

Il nuovo progetto dell'Istituto per il monitoraggio dei diritti umani affronterà alcune di queste questioni: Quali cambiamenti di paradigma nella storia globale della salute mentale sono avvenuti in Lituania e nella più ampia regione dell’EEE e quali di essi sono ancora in attesa che arrivi il loro momento? Quali elementi dell'attuale sistema di salute mentale lituano potrebbero essere utilizzati in altri paesi? Quali buone pratiche di altri paesi potrebbero essere applicate in Lituania? Quali misure sono state adottate in Lituania per raggiungere un sano equilibrio tra gli investimenti nel rimborso dei farmaci psicotropi e gli interventi psicosociali? Esiste un monitoraggio indipendente dei diritti umani nei sistemi di assistenza psichiatrica? Come viene monitorata l'applicazione di misure non consensuali nei servizi psichiatrici e quali misure vengono adottate per ridurre o eliminare la coercizione nei sistemi di assistenza psichiatrica in Lituania e nella regione dell’EEE?

Il progetto "Salute mentale e diritti umani: Sostenere il cambiamento paradigmatico in Lituania e nella regione più ampia dell'Europa dell’Est e dell'Eurasia" è sostenuto da una sovvenzione della Fondazione Open Society Institute in collaborazione con il Public Health Program delle Open Society Foundations.