Nuova direttiva sul copyright: grande minaccia alla libertà di espressione

Anni di negoziati si sono conclusi dopo che le istituzioni dell’UE hanno finalmente preso gli accordi sulla nuova direttiva europea sul copyright. É una minaccia per la libertà di espressione? Porterà agli upload filtering? Ti facciamo il riassunto.

Dopo due anni e mezzo di acceso dibattito, la Commissione europea, il Parlamento europeo e gli Stati membri dell'UE hanno concordato la direttiva sul copyright. È stato un processo lungo e l'ultimo voto al Parlamento europeo avverrà solo in aprile.

La modernizzazione era inevitabile ma questi cambiamenti minacciano la libertà di espressione

Una modernizzazione della legislazione sul copyright dell'UE era inevitabile e vi sono alcune aree in cui i cambiamenti sono veramente indispensabili. Sono quelli importanti sia per i titolari dei diritti d’autore, come artisti, editori e case discografiche, che per gli utenti, come i ricercatori e le persone che guardano semplicemente video o leggono notizie online. Gli unici stakeholder ai quali andavano bene le regole precedenti erano grandi società di internet che guadagnano milioni di euro dal lavoro di altre persone. L'Articolo 13 mirava a costringere i giganti di Internet a stipulare accordi di licenza con i titolari dei diritti d’autore e a condividere le entrate che ottengono dal lavoro degli altri. Esempi di queste pratiche includono Google che raccoglie e visualizza articoli di terze parti e YouTube che ricava enormi profitti dai video caricati dai suoi utenti.

La soluzione a questo squilibrio economico, offerta dai responsabili delle decisioni dell'UE, ha soddisfatto solo le aspettative dei titolari dei diritti d’autore. Alla luce di questo, altri stakeholders hanno inviato lettere aperte chiedendo ai responsabili delle decisioni dell'UE di sospendere i negoziati sull'Articolo 13 o di annullarli tutti insieme. Gli stakeholders in questione comprendevano accademici, la European Copyright Society, organizzazioni per i diritti umani, il Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla promozione e la tutela del diritto alla libertà di opinione e di espressione, i singoli utenti e varie associazioni di spicco che rappresentano gli interessi del settore creativo.

Ciò che preoccupava queste organizzazioni, inclusa Liberties, era la minaccia alla libertà di espressione. L’Articolo 13 proposto avrebbe costretto i fornitori di servizi di condivisione dei contenuti a utilizzare upload filters che pongono in essere controlli più stringenti per evitare la minima possibilità di violazione del copyright. Chi si oppone a questa soluzione tecnica denuncia che sistemi di filtraggio automatico non possono distinguere tra contenuti legali e illeciti. Ciò porterebbe le piattaforme internet a progettare caricamenti di software in grado di filtrare tutto ciò che gli potrebbe causare problemi, consentendo loro di evitare la responsabilità per i contenuti caricati dagli utenti.

I legislatori dell'UE avrebbero potuto fare molto meglio

Non solo gli upload filters causano problemi. Si teme anche la mancanza di garanzie in grado di tutelare i nostri diritti fondamentali. Proteggere la libertà di espressione è fondamentale per evitare il monitoraggio e i requisiti obbligatori di filtraggio. Abbiamo anche sostenuto che i titolari dei diritti d’autore e le piattaforme dovrebbero essere responsabili non solo di non aver eliminato i contenuti che violano il copyright, ma anche della cancellazione di contenuti legali generati dagli utenti. Le sanzioni per la cancellazione di contenuti legali cambierebbero l'atteggiamento delle piattaforme Internet e il contenuto degli utenti sarebbe protetto in modo più efficace. Abbiamo anche chiesto una clausola che imponga ai giganti di Internet di lavorare in modo trasparente e di creare meccanismi legali in tutta l'UE per risolvere le controversie tra utenti, titolari di copyright e piattaforme Internet.

I responsabili delle decisioni dell'UE avrebbero potuto istituire un nuovo regime di copyright che sarebbe stato più adeguato con la tecnologia esistente e come i media si sono trasformati. Sarebbe stata una grande opportunità per cambiare la legge sul copyright e riflettere su cosa intendiamo per uso privato e quali sono le eccezioni in termini di quando e come il lavoro protetto da copyright può essere utilizzato.

Tuttavia, questa nuova normativa è tutt'altro che ideale. Sono state introdotte alcune garanzie positive: si tratta dei contenuti di critica, o recensioni, o satira (come caricature, parodie) che rappresentano eccezioni e limitazioni al copyright durante il caricamento di contenuti. Questo potrebbe salvare meme e altre parodie. Ma i problemi principali con l'Articolo 13 non sono stati risolti.

Rigide politiche di esenzione per le piccole imprese porteranno alla cancellazione totale dei contenuti

Le start-up e le piccole imprese non saranno escluse da questi ulteriori oneri. Sono stati impostati tre requisiti per le eccezioni, ma non esiste attualmente un solo fornitore di servizi di upload dei contenuti online il cui servizio li soddisfi. Questi requisiti per essere esentati dalle restrizioni sono: esistere da meno di tre anni, avere un fatturato annuo inferiore a 10 milioni di euro e meno di 5 milioni di visitatori mensili. Le aziende devono soddisfare non solo uno o due criteri, ma tutti e tre per essere esentati. Anche loro sono tenuti a dimostrare di aver fatto del loro meglio per impedire ulteriori caricamenti se vengono notificati.

Il problema più grande che rileviamo è che la Direttiva sul Copyright cambierà il regime di responsabilità dei fornitori di servizi di intermediazione senza ripensare ai possibili effetti collaterali e ai danni collaterali causati dalla modifica. Coloro che solo ospitano contenuti creati da altri saranno ritenuti responsabili per violazione del copyright. Finora, le società di hosting sono state informate della violazione del copyright e hanno dovuto rimuovere i contenuti in questione per evitare di incorrere in sanzioni. D'ora in poi la limitazione di responsabilità non si applicherà ai fornitori di servizi di condivisione di contenuti online. Saranno responsabili dei contenuti caricati dai loro utenti anche se non sono a conoscenza della violazione del copyright. Per evitare la responsabilità, queste società dovranno prendere contromisure come il pre-filtro, il monitoraggio o il divieto degli utenti al fine di evitare qualsiasi responsabilità. Ciò significa che rimuoveranno o filtreranno tutto ciò che ha la minima possibilità di violare il copyright. Questo potrebbe essere un bambino di cinque anni che canta una canzone o un video di una protesta politica con musica protetta da copyright in sottofondo.

Cosa succede dopo?