Torture e umiliazioni negli ospedali psichiatrici cechi

Le inquietanti storie che arrivano dagli ospedali psichiatrici in Repubblica Ceca dovrebbero convincere il governo a istituire un apposito organismo di monitoraggio.
“Un giorno ero agitato e il personale mi ha legato al letto. Ancor peggio, mi hanno stretto il petto così forte con un lenzuolo che stavo soffocando. Il personale se ne è andato immediatamente, inconsapevole e del tutto indifferente al fatto che stessi lottando per sopravvivere,” ha dichiarato il trentenne Radek Deak, raccontando uno dei terribili momenti che ha vissuto negli ospedali psichiatrici.

Deak è passato per sei case di cura in tutto il paese dal 1999, quando ha iniziato il trattamento. Come lui stesso ha descritto, ovunque è stato discriminato e ha subito un trattamento esageratamente duro. Ricorda anche i momenti spiacevoli quando, totalmente nudo, riceveva insulti da parte dello staff sulle dimensioni dei suoi testicoli. Ancor più grave, tuttavia, è stata la sofferenza provocata dal massiccio ricorso all'elettroshock o dall'essere legato con le cinghie.

Dall'ospedale, con le cicatrici

"Non potevo neanche respirare e chiedere aiuto. Per sopravvivere dovevo slegarmi. Ci riuscivo dolorosamente e facendomi sanguinare i polsi per il ferro. Ho ancora le cicatrici,” continuato la sua testimonianza.

La Lega per i Diritti Umani (LHR), un'organizzazione non governativa, ha raccolto molte altre storie di persone curate nei reparti psichiatrici. Resta da vedere quanti di loro vengono indicati dagli ufficiali del governo.

I pazienti spesso si sono rivolti ad avvocati, ma a seguito di questo lo staff ha usato restrizioni eccessive come mezzo per punire i pazienti. Questi ultimi lamentano anche condizioni igieniche precarie, mancanza di privacy e violenze da parte dello staff. Hanno fatto riferimento anche a molestie sessuali. Lamentano di non aver potuto prendere decisioni in merito alle loro terapie e di essere obbligati ad assumere medicinali molto potenti.

Visite senza preavviso

La Lega per i Diritti Umani chiede controlli più sistematici alle strutture. “E' necessario che le autorità di monitoraggio possano entrare in ogni momento e senza preavviso nelle strutture, visitare tutte le sezioni e parlare con qualunque paziente in privato,” secondo l'avvocato di LHR Zuzana Durajová.

La proposta dell'organizzazione, tuttavia, è considerata molto controversa da alcuni medici ed esperti nel campo della psichiatria:

"Questa proposta si basa sul presupposto che gli psichiatri facciano più male ai propri pazienti di altri medici e che i loro pazienti debbano essere meglio tutelati e i medici controllati da organismi speciali che sono, naturalmente, pagati con fondi statali. Trovo questa ipotesi offensiva,” ha dichiarato Petr Mozny, direttore dell'ospedale psichiatrico della città di Kromeriz.

Necessario un controllo

"Non vedo il motivo per cui i pazienti psichiatrici e gli operatori sanitari che lavorano nel campo dell'assistenza ai malati mentali dovrebbero essere soggetti a supervisione da parte di un organismo appositamente istituito,” ha dichiarato Mozny.

La testimonianza di Deak dimostra le pratiche più controverse. “Ogni giorno, al mattino presto, le infermiere portano tutti i pazienti nei corridoi. I pazienti vengono sedati e assonnati per via dei pesanti farmaci e dormire tutta la notte non è sufficiente per loro. Non hai nessun posto in cui riposarti di giorno, così quasi tutti i pazienti si sdraiano sul lurido pavimento di linoleum. Molte volte ci sono litigi per via del poco spazio disponibile,” ha dichiarato Deak.

I pazienti degli ospedali psichiatrici cechi subiscono quotidianamente umiliazioni. (Foto: cchrint.org)

La proposta di 10 pagine su come dovrebbe operare un organismo di monitoraggio degli ospedali psichiatrici è stata scritta dalla Durajová. Si è sentita costretta a farlo per via della sua esperienza con i pazienti e per il controllo palesemente “inadeguato.” Sebbene il monitoraggio al momento sia realizzato dall'Ufficio del Garante Nazionale, secondo gli esperti, mancano le risorse necessarie per fare un lavoro approfondito.

"La procedura di monitoraggio dovrebbe garantire la tutela dei diritti delle persone che sono de jure o de facto private della loro libertà personale negli ospedali psichiatrici,” si legge nella proposta, che, insieme ad altri rapporti sui casi, è arrivata al Ministero della Salute a luglio per un'ulteriore valutazione.

Pazienti che hanno paura di lamentarsi

Secondo la Durajova, uno dei motivi alla base della necessità di un monitoraggio è il fatto che i pazienti degli ospedali non hanno un posto a cui rivolgere le loro lamentele o hanno paura di lamentarsi dello staff per paura di ritorsioni. I suoi timori sono confermati da Radek Deak:

"Temevo che denunciare non mi avrebbe aiutato, al contrario, che mi avrebbe danneggiato, perché i medici e gli altri operatori, naturalmente, si sostengono l'un l'altro e io sono soltanto un pazzo, che inventa fandonie sullo staff.”

Questo rapporto è stato scritto da Sarka Kabatova ed è stato pubblicato per la prima volta su Lidovky.cz.