#MeAndMyRights: sorveglianza di massa uccide la responsabilità democratica

Dalle rivelazioni di Snowden in poi, giornalisti e scrittori si sono auto-censurati su una vasta gamma di questioni - e questo è solo uno degli “effetti di raffreddamento” causati dalla sorveglianza di massa.

La sorveglianza di massa rende molto più difficile lo sviluppo e la condivisione di nuove idee e di nuove informazioni. Sfortunatamente è impossibile provare un fatto che non si è realizzato: non possiamo produrre dati sul numero di notizie o concetti innovativi che non sono riusciti a convincere l’opinione pubblica di una nuova idea a causa dell’esistenza della sorveglianza di massa. Ma ci sono molte prove che gli opinion maker, come i giornalisti e gli attivisti, stiano rallentando e talvolta interrompendo il loro lavoro perché la sorveglianza di massa impedisce la privacy su cui fanno affidamento per svolgere il proprio ruolo di informazione dell’opinione pubblica e di stimolo a dibattiti e cambiamenti. Questa tendenza dei giornalisti e degli attivisti all'autocensura di fronte alla sorveglianza viene definita "l'effetto di raffreddamento", poiché si dice che l'invasione della privacy "raffredda" (nel senso di rallentare o arrestare) determinate attività.

Leggi i precedenti articoli della serie #MeAndMyRights

Nel corso di alcuni sondaggi che hanno coinvolto scrittori di non-fiction e giornalisti è stato chiesto a questi gruppi come è cambiato il loro comportamento dopo che le rivelazioni di Snowden hanno fatto luce sull'entità della sorveglianza di massa. Un'indagine su circa 500 giornalisti e scrittori di saggistica nei paesi "liberi" ha rivelato che, a causa della sorveglianza di massa: il 34% ha evitato o seriamente pensato di evitare di scrivere o di parlare di argomenti particolari; il 31% ha evitato o seriamente preso in considerazione l'idea di evitare determinati argomenti nelle conversazioni telefoniche ed e-mail; il 42% ha tagliato, evitato o considerato di ridurre le attività sui social media. Un sondaggio condotto dalla stessa organizzazione incentrato sugli Stati Uniti ha rivelato che a causa della sorveglianza di massa, i giornalisti e gli scrittori si sono auto-censurati su una vasta gamma di questioni, non solo quelle relative alla sicurezza nazionale, come gli affari militari. Gli argomenti che i giornalisti hanno segnalato di evitare includono: il medio-oriente, l’incarcerazione di massa, la politica sulle droghe, la pornografia, il movimento Occupy, lo studio di alcune lingue, questioni storiche come la preparazione degli Stati Uniti a un conflitto nucleare durante la guerra fredda e più in generale le critiche al governo.

Un altro studio basato su interviste con giornalisti, avvocati ed (ex) funzionari governativi che lavorano nella comunità di intelligence, sicurezza nazionale e forze dell'ordine negli Stati Uniti mostra che le rivelazioni sulla sorveglianza di massa hanno reso le fonti più riluttanti a farsi avanti con i giornalisti. Ciò rende più difficile per i media raccogliere informazioni e pubblicare articoli. Gli intervistati spiegano che gli informatori sono ora molto più riluttanti a contattare i giornalisti in merito a comportamenti illegali o non etici. Questo perché gli informatori temono che sia molto più difficile per loro rimanere anonimi, dal momento che la sorveglianza di massa consente alle autorità di accedere ai metadati per scoprire chi è stato in contatto con i giornalisti. Tuttavia, non sono solo i whistleblowers che lavorano nel settore della sicurezza nazionale e delle forze dell'ordine ad essere diventati riluttanti a denunciare comportamenti illegali o non etici. Anche le organizzazioni che lavorano su problemi completamente indipendenti dalla sicurezza nazionale sono state influenzate negativamente. Ad esempio, un'organizzazione che promuove la privacy delle cartelle cliniche dei pazienti, che si basa su informatori anonimi per segnalare quando le società stanno infrangendo la legge condividendo illegalmente le cartelle cliniche dei pazienti, ha riportato un significativo calo nel numero di informatori.

Leggi i precedenti articoli della serie #MeAndMyRights

Uno studio condotto su circa 500 giornalisti investigativi negli Stati Uniti ha riferito che, a causa della sorveglianza di massa: quasi il 40% ha cambiato il modo in cui comunicano con le fonti; quasi il 50% ha cambiato il modo in cui archiviano e condividono documenti potenzialmente sensibili; quasi il 30% ha cambiato il modo in cui comunicano con altri giornalisti, redattori o produttori; e il 13% aveva rinunciato a contattare una particolare fonte.

La sorveglianza di massa interferisce anche con il lavoro delle associazioni (in particolare dei gruppi di interesse), che sono importanti per la democrazia perché consentono alle persone di partecipare alla politica organizzandosi per promuovere idee, leggi o specifiche politiche. Le associazioni negli Stati Uniti hanno riferito che i loro membri sono diventati riluttanti a comunicare tra loro, organizzare o partecipare ad attività perché la sorveglianza di massa li mette a rischio di rivelare le loro identità e le loro opinioni. Queste associazioni non promuovono, per la maggior parte, campagne su questioni relative alla sicurezza. Piuttosto il loro lavoro è, al massimo, politicamente controverso, e copre argomenti come la protezione dell'ambiente, il controllo delle armi, la liberalizzazione delle droghe e l'uguaglianza. Queste associazioni sono arrivate al punto di intraprendere azioni legali sostenendo che il loro diritto alla libertà di parola è stato violato a causa dell '"effetto di raffreddamento" causato dalla sorveglianza di massa.

Se desideri approfondire le prove e gli studi a cui ci riferiamo, puoi leggere il nostro rapporto completo "Sicurezza attraverso i diritti umani" qui.