Clearview AI - L'applicazione anti-privacy che ci fa venire i brividi

Se sei il tipo di persona che non può fare a meno di cliccare su tutte le notizie di cose spaventose, come me, avrai probabilmente già letto qualche articolo su Clearview AI.

Ma se sei più fortunato, e ne hai avuto abbastanza, ecco un breve riassunto dell'argomento. Secondo la stampa, la startup tecnologica Clearview AI ha raccolto più di 3 miliardi di immagini facciali da Internet, tratte da social network come YouTube, Facebook, Instagram e Twitter. Lo hanno fatto senza ottenere alcuna autorizzazione da parte degli utenti o delle piattaforme. Hanno anche sviluppato un'applicazione di riconoscimento facciale collegato al loro database di foto rubate. A quanto pare, se si scatta una foto di una persona (può essere sufficiente una foto parziale del volto) e la si confronta con il database di Clearview, si possono vedere le foto pubbliche di quella persona, insieme ai link alle pagine dove appaiono quelle foto, anche se le foto sono di 20 o 30 anni fa.

The New York Times parla anche della possibilità tecnica di abbinamento del programma Clearview con gli occhiali di realtà aumentata che permetterebbe ai propri abbonati di identificare e ricercare la storia di ogni persona che vedono in tempo reale: manifestanti, passanti attraenti, chiunque.

Secondo la startup, più di 600 forze dell'ordine statunitensi hanno utilizzato Clearview AI nel 2019, e l’hanno concessa in licenza anche ad alcune società private. Nel prossimo futuro hanno in programma di continuare a prendere di mira in modo aggressivo i dipartimenti di polizia statunitensi, e hanno anche in programma di espandersi in almeno altri 22 paesi.

Hai già i brividi? No? Pensi che, in quanto cittadino dell'UE, sei protetto da quei criminali che violano la privacy, perché non lasci il vecchio continente? Purtroppo, potresti non essere così fortunato. L'azienda vuole offrire i suoi servizi all'UE con, ad esempio, Italia, Grecia e Paesi Bassi come potenziali partner. Al momento non è chiaro se Clearview abbia violato le leggi europee, se ha raccolto immagini di cittadini dell'UE, il loro software potrebbe violare il regolamento generale dell'UE sulla protezione dei dati, il cui articolo 4 (14) riguarda il trattamento dei dati biometrici. Tuttavia, la loro situazione giuridica non è al momento chiara e l'UE ha semplicemente dichiarato di seguire le notizie della stampa e di consultare le autorità di protezione dei dati dell'Unione.

Il monitoraggio delle notizie sulla stampa è chiaramente insufficiente. La Commissione europea deve agire, prima è, meglio è. Clearview e le aziende che stanno testando strategie simili per raccogliere e tracciare le informazioni da Internet rappresentano una chiara minaccia per tutti. Vogliamo vivere in una società dove possiamo muoverci e agire liberamente nel mondo esterno. Non vogliamo che nessuno, nemmeno gli agenti statali, ci controllino costantemente quando ci presentiamo in spazi pubblici.

Non molto tempo fa, la Commissione Europea sembrava aver compreso il nostro desiderio di vivere in società libere. L'intenzione era quella di vietare, almeno per il momento, la tecnologia di riconoscimento facciale. Tuttavia, questo divieto è stato eliminato dall'ultima bozza del suo documento sull'intelligenza artificiale. Il minimo che dovrebbero fare è rimetterlo a posto.

PS: Vuoi saperne di più sulla privacy, la sorveglianza, la sicurezza e la protezione e sei interessato a come si relazionano con la salute delle nostre democrazie? Leggi la serie #meandmyrights del nostro direttore dell’advocacy, Israel Butler, QUI.