Call center o applicazione di tracciamento anti-coronavirus: la scelta non invidiabile del Belgio

La LDH belga, la Liga voor Mensenrechten e la Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) sono preoccupati per il sistema di tracciamento dei contatti attualmente messo in atto dal governo federale nella lotta contro l'epidemia.

In termini di privacy, l'uso di call center collegati a un database centrale sembra preoccupante quanto le applicazioni di tracciamento anti-corona in esame. Il Regio Decreto che fornisce la base giuridica per questo database è troppo vago, per cui non è chiaro quali dati possono essere conservati e per quanto tempo. In queste circostanze, la Lega per i diritti umani, la Liga voor Mensenrechten e la Federazione internazionale per i diritti umani si oppongono alla creazione di una qualsiasi banca dati che da libero accesso alle autorità. Le ONG chiedono con urgenza un dibattito parlamentare approfondito sulla questione prima di intraprendere qualsiasi azione.

Per sostenere la ricerca su larga scala dei contatti infetti da Covid-19, che dovrebbe consentirci di iniziare la prima fase di deconfinamento 11 maggio, è in fase di sviluppo una banca dati a livello federale. Fino a poco tempo fa non si sapeva come le autorità intendessero procedere. La scorsa settimana, l'Autorità per la protezione dei dati (DPA) ha pubblicato il suo parere su una bozza di Regio Decreto che crea una banca dati per rendere efficace questa "ricerca di contatti". Questo parere del DPA ci preoccupa in modo particolare.

"Il database e i call center sono preoccupanti quanto l'applicazione di tracciamento anti-corona.", ha detto Olivia Venet, presidente della Lega per i diritti umani. "Sono una grande restrizione dei nostri diritti fondamentali. Lo scopo dell’applicazione, la cui necessità è discutibile e contestata, è di avvertire gli altri che sono stati in contatto con una persona infetta. Con i call center, l'intenzione sembra essere quella di controllare e punire le persone. Non è inoltre chiaro quali dati saranno trattati e per quali finalità. Questo Regio Decreto crea così una "banca dati su carta bianca" con la quale, nella sua forma attuale, sarà possibile elaborare troppi dati per troppo pochi scopi".

Il parere del DPA evidenzia che il governo non ha determinato correttamente quali dati saranno raccolti ed elaborati. Il DPA si chiede se questi dati non saranno utilizzati, ad esempio, per il monitoraggio dei medici. O per consentire il reclutamento di persone immunizzate per determinati lavori. O di negare il rimborso delle cure mediche a persone che non hanno seguito determinate raccomandazioni.

L'inserimento dei dati nel database non sarà volontario. Saranno inclusi tutti coloro che risulteranno positivi al Covid-19. Anche quelli sospettati di essere positivi. Ma non ci sono linee guida chiare su come rimuovere questi dati. Il progetto di Regio Decreto prevede che i dati saranno cancellati cinque giorni dopo che il Ministero della Salute avrà annunciato la fine della crisi Covid-19. Ma non si sa ancora se e quando ciò accadrà.

L'applicazione di tracciamento anti-corona solleva anche molte questioni in termini di rispetto dei diritti umani (come menzionato in precedenza nella nostra lettera aperta al governo), anche se, a differenza del database, dovrebbe essere installata su base volontaria."Si tratta di protezione o principalmente di controllo? I singoli riceveranno informazioni e consigli in merito? Oppure ci stiamo davvero muovendo verso un sistema in cui tutti sono obbligati a seguire determinate misure e ad essere monitorati?", Olivia Venet è preoccupata.

La Lega per i diritti umani, la Liga voor Mensenrechten e la Federazione internazionale per i diritti umani chiedono un dibattito urgente, sia a livello parlamentare che sociale. In tempo di crisi si richiede certamente una risposta rapida. Ma questa risposta non deve essere priva di riflessione: il governo deve comunque agire con calma, perché l'impatto di un tale database può essere enorme sul futuro della nostra società.

Firmatari:

Lega per i diritti umani

Liga voor Mensenrechten

Federazione Internazionale per i Diritti Umani