Le autorità tedesche messe in discussione per le ricerche sui telefoni cellulari dei rifugiati

La Società per i diritti civili (GFF) sta conducendo uno studio approfondito sulla ricerca e l'ispezione invasiva dei telefoni cellulari dei richiedenti asilo da parte dell'Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati (BAMF).

Se i rifugiati che arrivano in Germania non possono esibire un passaporto valido, il BAMF esamina regolarmente i dati sul loro telefono cellulare. Il GFF vuole che questa procedura, che sostiene violi i diritti dei rifugiati, venga esaminata dai tribunali.

Alcune persone espulse esclusivamente sulla base dei dati del telefono cellulare

Molte persone che arrivano in Germania dopo essere fuggite dal proprio paese d'origine non possono presentare un passaporto valido. Questo è molto comune tra i rifugiati. Tuttavia, se non possono provare la loro identità con un passaporto o altro documento, possono essere espulsi esclusivamente sulla base dei dati che le autorità trovano sui loro dispositivi mobili. Si suppone che l'ispezione dei telefoni cellulari e di altri dispositivi garantisca la conformità con l'obbligo legale di molte persone costrette a lasciare il paese.

I dati che BAMF ottiene in questo modo dai dispositivi mobili vengono valutati in due fasi: i dati vengono prima estratti e analizzati, e i risultati che ne conseguono vengono salvati in un rapporto. Nella seconda fase, questo rapporto può essere rilasciato da un avvocato accreditato della BAMF e utilizzato nella procedura di asilo del singolo individuo. Il rapporto comprende una serie di informazioni personali, tra cui il codice del paese per le chiamate in entrata e in uscita, i messaggi, le informazioni dei contatti e le pagine web che il proprietario ha visitato.

BAMF non garantisce che non venga concesso l'accesso a dati personali particolarmente sensibili e privati. In vista dei numerosi dati, spesso molto intimi, memorizzati sugli smartphone, la ricerca e l'ispezione dei telefoni cellulari rappresenta una violazione particolarmente grave ed estesa della privacy degli interessati. Poiché sono separati dal luogo natale, dalla famiglia e dagli amici, i telefoni cellulari svolgono spesso un ruolo particolarmente centrale nella vita dei rifugiati.

Sistema BAMF soggetto ad errori

Anche la lettura del telefono cellulare utilizzato da BAMF è estremamente soggetta ad errori. Per i nuovi telefoni cellulari, ad esempio, l’insieme di dati è troppo piccolo. I modelli di cellulari più vecchi non sono supportati dal programma BAMF, e si verificano risultati contraddittori quando un telefono cellulare viene utilizzato da più persone. È molto raro che i risultati contraddicano le informazioni sull'identità già fornite dal richiedente asilo. Tra gennaio e ottobre 2018, solo il 30 percento circa delle valutazioni dei dati di telefonia mobile effettuate, sono state successivamente consultate durante la procedura d'asilo. Inoltre, i risultati di questi rapporti si sono discostati dalle informazioni fornite dai loro proprietari solo nel 2% dei casi.

Ciò dimostra quanto siano sproporzionati i risultati rispetto alla palese violazione dei diritti di migliaia di persone i cui telefoni cellulari vengono analizzati. Il GFF vuole che i tribunali riesaminino la procedura della BAMF e sta cercando persone che siano disposte ad essere parte civile nel procedimento.

Al momento non si sa molto sul funzionamento effettivo del software utilizzato per leggere e analizzare le informazioni ottenute dal telefono cellulare e da altri dispositivi di dati. Alla luce di ciò, l'informatico ed esperta sulla protezione dei dati, Anna Biselli, sta preparando uno studio pre contenzioso. Ringraziamo il Digital Freedom Fund per il loro sostegno in questa ricerca.

Puoi trovare ulteriori informazioni sul caso cliccando qui.