La sorveglianza del riconoscimento facciale tratta tutti come se fossimo sospettati

La privacy è un diritto fondamentale che appartiene a ciascuno di noi. I governi non possono violarla ogni volta che lo desiderano. Se le autorità vogliono spiare qualcuno, dovrebbero avere il permesso per farlo.

Tutti noi vogliamo continuare a fare la nostra vita in libertà, senza che nessuno ci spii. Ma la sorveglianza del riconoscimento facciale ci priva di questa possibilità. Tratta tutti come se fossimo sospettati e distrugge l'idea che le persone debbano essere considerate innocenti fino a prova contraria.

Siamo costretti a rinunciare a una parte della nostra libertà, e in cambio il governo ci promette più sicurezza. O almeno così ci è stato detto.

Il software è scadente

In effetti, l'efficacia della sorveglianza del riconoscimento facciale è altamente sospetta. Non ci sono esempi concreti di quando è stata usata per sventare direttamente un attacco terroristico, ma ha avuto molto successo nel dirottare su false piste le risorse delle forze dell'ordine.

Infatti, nonostante la sorveglianza del riconoscimento facciale si stia gradualmente espandendo in tutta Europa, i risultati non sono stati incoraggianti.

È stata utilizzata durante la finale di Champions League del 2017 in Galles, dove ha prodotto 2.297 falsi positivi. La polizia del Regno Unito nel Galles meridionale ha sperimentato la sorveglianza del riconoscimento facciale tra maggio 2017 e marzo 2018. Il sistema ha segnalato 2.685 persone come sospetti criminali, ma 2.451 erano falsi positivi.

Nonostante questi risultati, le autorità continuano ad esaltare la precisione del software di riconoscimento facciale. In Germania, dove il governo prevede di installare la tecnologia in 14 aeroporti e 134 stazioni ferroviarie, le autorità insistono sul fatto che il software è accurato all'80%.

Ma un'associazione di attivisti hacker dice che il governo sta ingannando il pubblico. Se tutti e tre i fornitori di sistemi di riconoscimento facciale lavorassero insieme, sarebbe possibile ottenere un tale risultato. Ma la precisione di ogni singolo sistema non supera il 68,5%.

Anche se il software riuscisse a farlo otto volte su dieci, sarebbe del tutto inaccettabile. Supponiamo che il software fosse ancora migliore - 99,99% di precisione. Questo è un falso positivo su 10.000 scansioni facciali.

Nella scansione di 10 milioni di passeggeri aerei, l'accuratezza del 99,99% si traduce in 1.000 errori. E ricordate, questa tecnologia sarà più presente nei luoghi più frequentati - aeroporti, stazioni ferroviarie, centri commerciali, aree ad alto traffico pedonale.

Cosa farà l'UE?

L'UE sta decidendo come regolamentare la tecnologia di riconoscimento facciale, ma, al momento, permetterà agli Stati membri di continuare ad utilizzare il software secondo le regole esistenti.

A gennaio è trapelata una bozza di libro bianco dell'UE che rivela che la Commissione Europea sta valutando la possibilità di vietare per cinque anni l'uso delle tecnologie di riconoscimento facciale nelle aree pubbliche.

Il divieto ha lo scopo di dare alle autorità di regolamentazione il tempo di capire come impedire ai governi e alle aziende di abusare del software di riconoscimento facciale. Ma anche durante il divieto proposto, possono essere previste eccezioni per le questioni legate alla sicurezza, così come per la ricerca e lo sviluppo.

Date le eccezioni, è difficile credere che l'uso della sorveglianza del riconoscimento facciale sarà interrotto in luoghi come gli aeroporti e altri terminal di trasporto molto frequentati. È probabile che i governi affermino che tale uso è necessario per la sicurezza.

Tuttavia, si spera che in futuro l'UE fornisca una guida più incisiva. La vicepresidente della Commissione Margrethe Vestager, responsabile dell'agenda digitale del blocco, ha dichiarato di ritenere che la sorveglianza del riconoscimento facciale violi il GDPR, il regolamento dell'UE sulla protezione dei dati.

Se la Corte di giustizia europea è d'accordo, ciò potrebbe limitare l'uso delle telecamere di riconoscimento facciale a livello di Stati membri. Ma una sentenza di tale portata sembra improbabile.

La privacy appartiene a tutti noi

La privacy è un diritto fondamentale che appartiene a ciascuno di noi. I governi non possono violarla ogni volta che lo desiderano. Se le autorità vogliono spiare qualcuno, devono produrre prove a sostegno dei loro sospetti, e solo allora devono avere il permesso di violare la privacy del loro sospettato.

A volte, sono le violazioni più passive e inosservate dei nostri diritti che possono essere le più dannose. La sorveglianza del riconoscimento facciale trasforma le nostre società libere in stati di polizia. Permette al governo di registrarvi e di memorizzare i vostri dati a vostra insaputa e senza il vostro consenso. Questo è illegale, ingiusto e non ha posto in una democrazia.

Per accedere a questo contenuto, devi accettare cookie funzionali.