HFHR presenta le sue ultime conclusioni sull'eccessiva lunghezza dei procedimenti giudiziari

Nel tentativo di valutare i cambiamenti nel sistema giudiziario avvenuti sulla scia del caso Rutkowski, la Fondazione Helsinki per i diritti umani ha condotto un'indagine tra gli avvocati sulla questione dei procedimenti giudiziari troppo lunghi.

Erano passati cinque anni da quando la Corte europea dei diritti dell'uomo si era pronunciata sulla causa Rutkowski e altri contro la Polonia, per l'eccessiva lunghezza dei procedimenti giudiziari. La Fondazione di Helsinki per i diritti umani (HFHR) ha chiesto agli avvocati cosa ne pensano.

Abbiamo ricevuto molti feedback da professionisti del settore legale, con quasi 500 avvocati che hanno risposto al nostro invito a partecipare al sondaggio. Il 95,8% degli avvocati intervistati ha confermato che l'eccessiva lunghezza dei procedimenti giudiziari in Polonia è un problema sistemico. Allo stesso tempo, solo l'11,6% dei partecipanti al sondaggio ha ritenuto che i reclami contro l'eccessiva durata dei procedimenti fossero un rimedio efficace.

Quali lezioni abbiamo imparato?

La sentenza nella causa Rutkowski e altri contro la Polonia è stata una sentenza importante, in quanto la Corte ha ritenuto che l'eccessiva lunghezza dei procedimenti fosse un problema sistemico in Polonia e che il risarcimento concesso alle parti per i procedimenti eccessivamente lunghi fosse troppo basso.

Questo è il momento perfetto per riflettere e valutare se i legislatori, i giudici e gli avvocati hanno imparato la lezione dalla sentenza Rutkowski. Nel suo sondaggio, la HFHR ha chiesto agli intervistati quali modifiche dovessero essere apportate e se il ricorso relativo all'eccessiva durata dei procedimenti soddisfacesse le loro aspettative.

L'indagine è stata condotta da marzo a giugno 2020 tra un gruppo di quasi 500 professionisti del settore legale, tra cui avvocati e giudici.

"I risultati della nostra indagine confermano chiaramente che la durata dei procedimenti giudiziari in Polonia e l'impostazione del ricorso contro la loro eccessiva durata richiede una discussione approfondita. Inoltre, la recente decisione del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, che a giugno ha deciso che la sentenza Rutkowski non era ancora stata attuata in Polonia, dovrebbe dare un nuovo impulso per intensificare questo dibattito", dice Katarzyna Wiśniewska, coordinatrice del Programma strategico per il contenzioso della HFHR.

Una consistenza inquietante

Il 95,8% degli intervistati concorda sul fatto che l'eccessiva lunghezza dei procedimenti giudiziari in Polonia rimane un problema sistemico. Hanno identificato diversi motivi chiave: la lunghezza delle interruzioni tra le sessioni del tribunale (75% degli intervistati), il fissare una data lontana per la prima sessione del caso (73,9%), la consegna tardiva delle perizie o della commissione di ulteriori periti nominati dal tribunale (70%), la passività dei tribunali nella gestione dei casi (63,2%), la scarsa gestione organizzativa dei tribunali (59,1%), l'insufficiente personale giudiziario (52,7%) e un elevato livello di formalismo procedurale (50% degli intervistati).

A causa del grado di complessità di questi casi, ci si può chiedere: è possibile risolvere il problema dell'eccessiva lunghezza dei procedimenti giudiziari?

"Non c'è altra opzione possibile, in quanto tali obblighi derivano dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e dalla giurisprudenza della Corte di Strasburgo. Chiaramente, il primo passo deve essere quello di cambiare il modo in cui vengono attuate le riforme del sistema giudiziario. Queste richiedono maggiore cautela, valutazioni di esperti e le considerazioni delle prospettive dei professionisti", afferma Piotr Kładoczny, responsabile del dipartimento legale di HFHR.

Gli intervistati hanno inoltre valutato negativamente il funzionamento della denuncia a fronte dell'eccessiva durata del procedimento.

"Anche se le statistiche mostrano che il numero di accuse contro l'eccessiva lunghezza dei procedimenti giudiziari è in aumento e che il Tesoro ha dovuto pagare quasi 6 milioni di PLN solo nel 2018, solo l'11,6% degli avvocati intervistati ritiene che queste accuse contro l'eccessiva lunghezza dei procedimenti siano un rimedio efficace", osserva l'avvocato di HFHR Adam Klepczyński.

Un notevole 76,7% degli avvocati intervistati ha ammesso che il problema principale di questo appello è che i ricorrenti temono che i giudici che sovrintendono alla causa principale (che è eccessivamente lunga) abbiano pregiudizi nei loro confronti. Più della metà (53%) degli intervistati ha indicato che l'avvio di una procedura di reclamo di questo tipo non contribuisce ad accelerare il procedimento.

Sulla base dei risultati della ricerca e delle proposte degli intervistati, HFHR ha elaborato le seguenti raccomandazioni:

  • Il processo legislativo nel campo della giustizia dovrebbe essere preceduto da ampie discussioni con il mondo accademico e gli operatori del settore, nonché da ampie consultazioni pubbliche.
  • Il risarcimento finanziario minimo per procedimenti eccessivamente lunghi (500 PLN per anno di procedimento) dovrebbe essere aumentato almeno fino ad un importo compatibile con lo standard stabilito dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo nella causa Apicella c. Italia (1.000-1.500 PLN).
  • Dovrebbero essere coperti i posti di giudice vacanti e dovrebbe essere interrotta la pratica dei frequenti trasferimenti di giudici tra le diverse divisioni del loro tribunale dovrebbe essere interrotta.
  • Si dovrebbe assegnare ai tribunali un budget maggiore per aggiornare le possibilità delle nuove tecnologie e degli strumenti elettronici nella conduzione dei procedimenti.
  • I giudici dovrebbero ricevere una formazione adeguata nei seguenti settori: gli standard della CEDU, la gestione e la garanzia del rispetto delle parti e degli esperti, e l'uso di nuove tecnologie per accelerare i procedimenti senza comprometterne l'integrità.