Impostazioni dei cookies

Scegli le tue impostazioni preferite:

Cookies di base

Usiamo i cookies per gestire le sessioni degli utenti collegati, per permetterti di restare collegato mentre navighi e per poter navigare in maniera più agevole sul sito. Usiamo i cookies che consentono al sito di memorizzare le scelte che fai, come la lingua o la regione e per migliorare le funzionalità.

Cookies di terzi

Questi cookies consentono agli strumenti social di funzionare, compresi i pulsanti di condivisione, video, test e animazioni che usiamo nei nostri articoli.

Usiamo i cookies affinché tu possa navigare nel nostro sito nel miglior modo possibile. Puoi accettare o rifiutare i cookies. Per saperne di più .

Img 0436.jpg?ixlib=rails 0.3

Jascha Galaski

Addetto all'advocacy

Perché faccio questo lavoro? Ogni giorno migliaia di uomini, donne e bambini sono costretti a lasciare le loro case a causa di conflitti e persecuzioni. Sto cercando di trasmettere il messaggio che accogliere le persone che cercano rifugio è un dovere umano e che in Europa abbiamo la capacità di farlo.



About me

Jascha ha conseguito un Master in politiche pubbliche e sviluppo dell’umanità presso il United Nations University a Maastricht, dove si è specializzato in immigrazione e asilo. Si è trasferito a Berlino per unirsi alla scena dell'imprenditorialità sociale, supportando le startup che lavorano con e per immigrati, richiedenti asilo e rifugiati. Nel 2018, Jascha si è unito alla Liberties in qualità di Migration Advocacy Officer per attivare un riconoscimento più positivo degli immigrati.

My topics

La retorica populista intorno alla cornice dell'invasione culturale, la minaccia dell'Islam e la perdita di controllo e sicurezza ha impostato l'agenda dell'immigrazione in un numero crescente di paesi europei, generando ansia e paura nella collettività. La Liberties vuole aiutare a ridefinire il discorso sull'immigrazione e a puntare su storie orientate alla soluzione.
Perché faccio questo lavoro? Ogni giorno migliaia di uomini, donne e bambini sono costretti a lasciare le loro case a causa di conflitti e persecuzioni. Sto cercando di trasmettere il messaggio che accogliere le persone che cercano rifugio è un dovere umano e che in Europa abbiamo la capacità di farlo.