Cosa chiedono le ONG al Consiglio d'Europa sulle prove informatiche

Una coalizione internazionale di ONG ha presentato al Consiglio d'Europa il suo parere su come proteggere i diritti umani nel formulare nuove regole sull'accesso transfrontaliero alle prove informatiche. Il Consiglio d'Europa sta sviluppando un protocollo aggiuntivo alla Convenzione sul Cybercrime. I 14 firmatari vogliono garantire che i diritti umani siano pienamente rispettati. Chiedono che l'obbligo ingiustificato di localizzazione dei dati sia vietato e che l'esecuzione di una giurisdizione di un territorio su un altro non possa avvenire senza la conoscenza e l'accordo dell'altro stato.