Violazioni dei diritti umani: le autorità tedesche stanno ancora esaminando i telefoni dei richiedenti asilo

Uno nuovo studio esamina la valutazione del supporto dati dei rifugiati da parte delle autorità tedesche. Il risultato: nella procedura della richiesta d'asilo esiste una protezione dei dati di seconda classe.

Nel suo nuovo studio, la Società per i diritti civili (GFF) esamina come le autorità tedesche scovano i telefoni dei rifugiati. Lo scopo della valutazione del supporto dati è quello di determinare l'identità e il paese di origine di una persona. In realtà, però, essa viola i diritti e non produce risultati significativi.

Se un richiedente asilo in Germania non può presentare né il passaporto né i documenti sostitutivi del passaporto, l'Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati (BAMF) è autorizzato ad estrarre e analizzare i dati dei telefoni e di altri apparecchi per verificare l'origine e l'identità dichiarata del proprietario. I dati analizzati comprendono i prefissi del paese dei contatti, le chiamate e i messaggi in entrata e in uscita, la cronologia del browser, i geodati delle foto, nonché gli indirizzi e-mail e i nomi utente utilizzati in applicazioni come Facebook, booking.com o le applicazioni di dating. In particolare, BAMF effettua questa analisi dei dati indipendentemente da qualsiasi sospetto concreto che i richiedenti asilo abbiano rilasciato dichiarazioni non veritiere sulla loro identità o sul loro paese d'origine.

Lo studio "Invadere i telefoni dei rifugiati: Forme digitali di controllo delle migrazioni" esamina e valuta come il BAMF valuta i dati dei rifugiati e che tipo di risultati ha prodotto finora la valutazione del supporto dati. Per lo studio, la giornalista Anna Biselli e l'avvocato del GFF Lea Beckmann hanno ricercato e valutato numerose fonti. Tra queste vi sono i rapporti di valutazione dei supporti dati, le pratiche di asilo, i regolamenti interni del BAMF, come ad esempio un manuale d'uso per la lettura dei supporti dati mobili, i documenti di formazione per i dipendenti del BAMF e le informazioni rese pubbliche dalle inchieste parlamentari.

Costi elevati, risultati inutili

Lo studio ha rilevato che la valutazione del supporto dati non è un modo efficace per stabilire l'identità di una persona e il paese di origine. Da 2017, l’anno dell’inizio della valutazione del supporto dati, il BAMF ha esaminato circa 20.000 telefoni cellulari di richiedenti asilo. Tra il gennaio 2018 e il giugno 2019, circa un quarto delle valutazioni del supporto dati non sono riuscite nella prima fase a causa di problemi tecnici. Quando la valutazione del supporto dati produce risultati, di solito conferma solo ciò che le persone stesse hanno dichiarato durante i colloqui con i dipendenti BAMF.


Results of data carrier evaluation 2018

Nel 2018, solo il 2% dei risultati della valutazione del supporto dati contraddiceva le dichiarazioni dei richiedenti asilo. Grafico: GFF/Julia Zé

Vi erano già dubbi sull'efficacia della valutazione del supporto dati, prima che fosse approvata la legge sul Miglioramento dell'applicazione dell'obbligo di lasciare il Paese. La legge mira ad accelerare le deportazioni. Con l'introduzione della valutazione del supporto dati, i legislatori speravano di verificare più rapidamente di prima l'identità di una persona, il paese d'origine e i motivi di protezione. In pratica, la procedura non è stata all'altezza di queste aspettative. Si è anche rivelata molto costosa.

In relazione al limitato beneficio della valutazione del supporto dati, i costi della procedura sono chiaramente sproporzionati. Nel febbraio 2017, il Ministero federale dell'Interno ha dichiarato che erano previsti costi di installazione pari a 3,2 milioni di euro. Alla fine del 2018, tuttavia, erano già stati spesi 7,6 milioni di euro per il sistema, più del doppio di quanto originariamente stimato.

Graphic small en-04

Costi complessivi per la lettura e la valutazione del supporto dati: Da poco meno di 7 milioni di euro nel 2017 a 17 milioni di euro previsti nel 2022. grafico: GFF/Julia Zé

Una palese violazione dei diritti fondamentali

L'esame dei telefoni dei rifugiati è soprattutto una violazione dei diritti umani per la quale la Germania ha speso milioni di euro. Le valutazioni del supporto dati eludono il diritto fondamentale all'autodeterminazione informativa, sancito dalla Corte costituzionale federale tedesca. I rifugiati sono soggetti a una protezione dei dati di seconda classe. Allo stesso tempo, sono particolarmente vulnerabili e non hanno un accesso significativo ai mezzi di ricorso.

La Germania non è l'unico paese a sperimentare forme digitali di controllo della migrazione. L'approccio del BAMF si inserisce in una più ampia tendenza internazionale a sperimentare nuove tecnologie di sorveglianza e monitoraggio sulle popolazioni emarginate, compresi i rifugiati. Le singole persone, così come le loro storie individuali, sono sempre più ridotte a record di dati. Il GFF combatterà questa tendenza con mezzi legali: Attualmente stiamo preparando un'azione legale contro la valutazione del supporto dati del BAMF.

Versione PDF dello studio: "Invadere i telefoni dei rifugiati: Forme digitali di controllo della migrazione"

Ringraziamo il Digital Freedom Fund per il suo sostegno allo studio.