La coalizione centro-destra estone innesca proteste e indignazione

Negli ultimi mesi l'Estonia è stata oggetto di disordini politici: il Partito di Centro estone invita EKRE, il partito conservatore di destra, in una nuova coalizione dopo la vittoria del Partito Riformatore liberale alle elezioni parlamentari.

In questi ultimi mesi il popolo estone è stato sottoposto a forti pressioni politiche: nonostante la vittoria del Partito Riformatore Estone alle recenti elezioni parlamentari, il Primo Ministro centrista, Jüri Ratas, ha proposto di formare una coalizione con i partiti di destra Isamaa e il Partito Popolare Conservatore Estone (EKRE).

Esperti sorpresi dalla coalizione a causa della radicale diversità dei partiti verso il rispetto dei diritti

EKRE ha dovuto affrontare pesanti critiche per le sue opinioni populiste di destra e la sua retorica razzista, anti-aborto, anti-immigrazione e omofoba. Si sono organizzate varie manifestazioni e si sono formati gruppi di attivisti civili, poiché molte persone sono preoccupate per la divisione sociale e l'indebolimento della democrazia.

Poco prima delle elezioni parlamentari, gli esperti del Centro estone per i diritti umani hanno analizzato a fondo i programmi di tutti i candidati e i partiti e hanno pubblicato i risultati sul loro sito web. Il programma del Partito di Centro Estone è stato scrupoloso in termini di diritti umani, compresi significativi miglioramenti per la cittadinanza dei non estoni che vivono nel paese (principalmente persone di nazionalità russa e titolari di passaporti stranieri). È stato anche l'unico partito ad includere nel suo programma una regolamentazione più rigorosa nei confronti dell'incitamento all'odio. Il Partito di Centro Estone ha inoltre promesso di prestare maggiore attenzione alla parità di genere e di ratificare il Protocollo n.12 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, che attuerà il divieto generale di discriminazione.

EKRE e Isamaa, i partiti che da allora sono stati invitati a far parte della coalizione di governo, hanno fatto poche promesse e deboli proposte. Isamaa, che in passato aveva una forte politica in materia di diritti umani, è entrata nel processo elettorale con proposte che avrebbero invece fatto arretrare alcune libertà civili importanti. Ad esempio, la sua politica sui rifugiati non era costruttiva, ma si basava solo sulla propaganda politica. Abrogare la legge sulla coabitazione avrebbe conseguenze negative per le coppie gay e lesbiche, violando il loro diritto costituzionale di creare e mantenere le famiglie, con conseguenze negative anche per i bambini di tali famiglie. L'intenzione dei partiti di definire costituzionalmente il matrimonio come un'unione tra uomo e donna incoraggerebbe anche l'omofobia.

Molti degli impegni originali di EKRE porrebbero fine al percorso estone, durato 28 anni, verso un paese democratico che difende i diritti umani. Espellere i rifugiati metterebbe a repentaglio il loro diritto alla vita e violerebbe il divieto di tortura. Rendere impossibile l'aborto tramite il fondo pubblico dell’assicurazione sanitaria danneggerebbe il diritto delle donne all'autonomia corporea. Inoltre, l'espulsione degli stranieri che "incitano all'odio nazionale" e la revoca della cittadinanza minaccerebbe la libertà fondamentale di espressione e il diritto alla cittadinanza.

Considerando le enormi differenze tra le piattaforme dei tre partiti relative ai diritti umani, la decisione del Partito di Centro Estone di formare una coalizione con loro ha suscitato un enorme clamore pubblico.

La protesta pubblica contro la coalizione ha portato a proteste e campagne sui social media

L'insoddisfazione sia per il Partito di Centro Estone stesso, sia per la coalizione che ha proposto, è evidente. Da allora, ogni settimana c'è stata una nuova manifestazione. È stata organizzata un'ampia campagna sui social media ed è stata lanciata una pagina #kõigieesti ("l'Estonia di tutti"). Il 31 marzo si è tenuta una grande manifestazione dal titolo "Sì alla libertà, no alla menzogna" per far luce sulle notizie false e sulla retorica manipolativa e per sottolineare l'importanza dei valori liberali e dell'accettazione. Il 14 aprile con il festival delle canzoni a Tallinn si è tenuta la più grande manifestazione fino a questo momento. Il concerto dedicato è stato organizzato dagli attivisti di #kõigieesti. I costi dell'evento sono stati coperti interamente dalle donazioni alla campagna, attirando un gran numero di persone.

Scandalo e dimissioni all'interno dei partiti

Anche all'interno dei partiti politici, ci sono stati diversi scandali. Uno dei membri più importanti del Partito di Centro Estone, Raimond Kaljulaid, si è ritirato dal partito, citando le divergenze di opinione e l'incompatibilità della retorica di EKRE con le proprie opinioni. Nonostante sia stato uno dei candidati di maggior successo alle elezioni, Kaljulaid ha dichiarato che in tutta onestà non poteva rimanere membro di una coalizione con EKRE. Il partito ha anche perso alcuni membri ordinari, e diverse donne si sono ritirate da Isamaa a causa dei commenti sciovinisti dei membri della nuova coalizione di governo e delle questioni sollevate sul diritto di decidere in merito all'aborto.

Il presidente di EKRE e il nuovo ministro dell'interno, Mart Helme, hanno suscitato un'enorme controversia a marzo, quando hanno criticato i ginecologi, affermando che aiutano ad uccidere i non ancora nati praticando l'aborto. A seguito di questo commento, l'Associazione medica estone ha dato una risposta pubblica.

Alla fine di aprile, una nuova polemica è scoppiata dopo che Eesti Ekspress, uno dei più importanti punti vendita in Estonia, ha pubblicato un lungo pezzo investigativo sulle accuse di aggravata violenza domestica contro il nuovo ministro del commercio estero e dell'informatica, Marti Kuusik (EKRE). La violenza domestica è salita in primo piano nei media, con i gestori dei centri di accoglienza per le donne e i giornalisti uomini che chiedevano una risposta adeguata alla situazione e una condanna inequivocabile alla violenza domestica da parte dei leader politici.

Parallelamente, anche il Presidente dell'Estonia Kersti Kaljulaid ha rilasciato una dichiarazione pubblica. Il presidente, che da anni cercava di richiamare l'attenzione sulla questione della violenza domestica e sulla necessità di lavorare sulla prevenzione, ha abbandonato l'Aula, mentre Kuusik doveva prestare giuramento davanti al Parlamento. Il presidente di EKRE e il nuovo ministro dell'interno Mart Helme hanno colto l'occasione per commentare l'incidente durante la prima conferenza stampa del governo, dichiarando: "Kaljulaid ha agito come una donna emotiva, non come un presidente". L'osservazione sciovinista ha suscitato forti critiche da parte dell'opinione pubblica estone e ha suscitato scalpore anche nei media esteri. Lo scandalo, durato alcuni giorni, ha portato alle dimissioni di Marti Kuusik e all'avvio di un'inchiesta giudiziaria contro di lui.