Le autorità polacche non sanno ancora porre rimedio alla custodia cautelare in carcere prolungata.

L'HFHR ha presentato la sua posizione al comitato, sostenendo che il comitato dei ministri del Consiglio d'Europa dovrebbe continuare a controllare che venga eseguita la sentenza di Strasburgo.

A settembre, il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa discuterà nuovamente l'esecuzione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo. Il Comitato sta attualmente controllando l'esecuzione delle sentenze in 94 casi riguardanti la Polonia. Una di queste è la sentenza Burża c. Polonia, che riguarda la questione della custodia cautelare in carcere a lungo termine.

L'HFHR ha presentato la sua posizione al comitato, sostenendo che dovrebbe continuare a controllare che venga eseguita la sentenza di Strasburgo da parte delle autorità polacche.

La Corte europea dei diritti dell'uomo stabilisce che non vi sono motivi per una custodia cautelare in carcere così lunga

Nella causa Burża c. Polonia, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha constatato una violazione dell'Articolo 5, paragrafo 3 della Convenzione, a causa dell'eccessiva durata della custodia cautelare degli appellanti che è durata tre anni, due mesi e nove giorni. La Corte europea dei diritti dell'uomo ha rilevato che: "...... in tutte le decisioni di proroga della custodia cautelare dell’appellante non sono emerse altre prove specifiche del rischio che l’appellante possa manomettere le prove, persuadere altre persone a testimoniare a suo favore, fuggire o disturbare il procedimento in alcun modo. Inoltre, i motivi della custodia cautelare erano molto spesso identici per quanto riguarda tutti i computati e non includono argomenti che riguardavano specificamente l’appellante........ Pertanto, con il passare del tempo, i motivi addotti sono diventati meno rilevanti e non possono giustificare l'intero periodo di oltre tre anni e due mesi durante il quale è stata imposta la più grave custodia cautelare nei confronti dell’appellante."

Le sentenze di Strasburgo devono essere eseguite a livello nazionale

Dopo la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa è responsabile del controllo dell'esecuzione della sentenza. In questa fase le ONG possono presentare le loro comunicazioni al comitato. L'HFHR lo fa regolarmente per notificare al Comitato dei ministri qualsiasi azione intrapresa a livello nazionale dopo la sentenza e per fornire direttive e raccomandazioni alle autorità nazionali.

L'HFHR chiede al Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa di continuare a controllare le modalità di esecuzione della sentenza

L'HFHR ha inviato una comunicazione sul caso Burża al Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa. Nella comunicazione si raccomandava che il comitato continuasse a sorvegliare l'esecuzione della sentenza del caso Burża, poiché le autorità polacche non hanno risolto il problema dell'applicazione di una custodia cautelare in carcere.

"Nella nostra comunicazione abbiamo citato i risultati del Comitato contro la tortura annunciato a settembre, che indicava la necessità di introdurre modifiche legislative nel sistema giuridico polacco che potrebbero contribuire a ridurre l'applicazione della custodia cautelare in generale e ad affrontare il problema della custodia cautelare in carcere prolungata", ha detto Katarzyna Wiśniewska, un avvocato che lavora con la HFHR.

L'HFHR si è inoltre basato sulle statistiche sulla custodia cautelare degli ultimi 10 anni. Queste statistiche indicano che tra dicembre 2015 e maggio 2019 il numero di persone poste in custodia cautelare in carcere è aumentato da 4 162 a 8 365.

"Abbiamo voluto attirare l'attenzione del Comitato sul fatto che nelle cause pendenti dinanzi a tribunali regionali, il numero di persone detenute in custodia cautelare per un periodo da un anno a due anni, dal 2016 al 2018 è aumentato da 490 a 727. Anche nelle cause pendenti dinanzi a tribunali regionali, c'è stato un aumento del numero di persone la cui custodia cautelare ha superato i due anni: da 221 nel 2017 a 261 nel 2018", ha detto Adam Klepczyński, membro del team legale dell'HFHR.

L'HFHR ha inoltre sottolineato che la modifica recentemente adottata del codice penale e del codice di procedura penale incide anche sulle modalità di applicazione della custodia cautelare in carcere.

Il Comitato si riunirà a settembre

A settembre, i rappresentanti degli Stati membri del Consiglio d'Europa riesamineranno l'esecuzione delle sentenze della Corte di Strasburgo.

Il 25 settembre, il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa annuncerà quali sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo ritiene siano state eseguite. Allo stesso tempo, i delegati del Comitato preciseranno i casi in cui, a suo avviso, occorrerà adottare misure supplementari per prevenire ulteriori violazioni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo.